Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 14 minuti
Carciofo erboristeria

Carciofo

Pianta di origine mediterranea, molto nota fin dall'antichità per i benefici sulla salute.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

La pianta

Il carciofo è una pianta di origine mediterranea, molto nota fin dall'antichità per i pregi del capolino che viene utilizzato in cucina come ortaggio. Oggi è coltivato in alcuni Paesi del Mediterraneo e, in particolare, in Italia, Francia e Spagna.

È una pianta erbacea poliennale, appartenente alla famiglia delle Composite (o Asteracee). Il fusto circolare con striature longitudinali è eretto e porta in posizione terminale le teste fiorali. Ha un’altezza che varia dai 50 ai 150 cm, ma può raggiungere anche i 2 metri.

Le foglie sono grandi, composte, di colore verde grigio e sono la parte della pianta utilizzata in fitoterapia.

I fiori, ermafroditi inframmezzati da numerose setole bianche e traslucide, sono inserti sul ricettacolo a formare un capolino. Fiori e setole nei primi stadi di sviluppo sono volgarmente indicati con il nome di "peluria".

Sul ricettacolo carnoso si inseriscono anche le brattee; ricettacolo e bratee, colti prima della fioritura, sono la parte utilizzata a scopo alimentare.

Il frutto grigio-bruno ha forma allungata, di sezione quadrangolare, di colore grigiastro bruno e screziato.

Carciofo: le proprietà nutrizionali

I valori nutrizionali del carciofo vedono come nutriente più abbondante le proteine, che corrispondono al 49% delle energie fornite, per un totale di 2,7 grammi per 100 grammi di parte commestibile.

A queste si aggiunge un 43% di energie sotto forma di carboidrati, per un totale di 0,5 grammi di amido e 1,9 grammi di zuccheri per 100 grammi di parte edibile, cui si aggiungono 5,5 grammi di fibra.

I grassi sono invece presenti in una dose molto ridotta: 0,2 grammi ogni 100 grammi di parte commestibile, una quantità pari all'8% dell'apporto calorico.

Fra i micronutrienti, così come frutta e verdure in generale, anche il carciofo è una buona fonte sia di vitamine sia di minerali.

Tra le prime apporta diverse vitamine del gruppo B, in particolare tiamina (60 microgrammi ogni 100 grammi di parte edibile), riboflavina (100 microgrammi ogni 100 grammi di parte edibile) e niacina (500 microgrammi ogni 100 grammi di parte edibile).

Inoltre 100 grammi della parte commestibile del carciofo contengono anche 18 microgrammi di vitamina A e 12 mg di vitamina C.

Fra i minerali, invece, in 100 grammi della parte commestibile del carciofo sono presenti 376 mg di potassio, 1 mg di ferro, 86 mg di calcio, 45 mg di magnesio, zinco e rame (rispettivamente 950 e 240 microgrammi), fosforo e sodio (rispettivamente, 67 e 133 mg).

Ma il carciofo è fatto soprattutto di acqua, che corrisponde a oltre il 90% del peso della parte commestibile; non a caso il suo apporto calorico è molto basso: 100 grammi di parte edibile corrispondono a sole 22 Calorie.

Ecco in sintesi i valori nutrizionali di 100 grammi di carciofo:

Kcal
22
Proteine
2,7 g
Zuccheri
1,9 g
Grassi
0,2 g
Fibre
5,5 g
Tiamina60 µg
Riboflavina100 µg
Niacina500 µg
Vitamina A
18 µg
Vitamina C
12 mg
Potassio376 mg
Ferro1 mg
Calcio
86 mg
Magnesio
45 mg
Zinco
950 µg
Rame
240 µg
Fosforo67 mg
Sodio
133 mg


Proprietà benefiche


Il carciofo è un alimento considerato da sempre tonico e digestivo; noto per il suo caratteristico sapore amaro, i suoi principali componenti attivi sono i derivati dell'acido caffeico (tra cui la cinarina), flavonoidi e lattoni sesquiterpenici.

Grazie a questi principi attivi al carciofo sono riconosciute: attività coleretica e colagoga, ovvero è in grado di stimolare la produzione e la secrezione di acidi biliari.

In effetti gli effetti del carciofo sul fegato erano già ampiamente noti nel XVII secolo; studi più moderni, iniziati nel secolo scorso, hanno confermato le proprietà stimolanti dei suoi estratti sia a livello del fegato sia a livello della cistifellea.

Gli acidi biliari consentono la digestione degli acidi grassi e abbassano i livelli del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue.

Possiede anche una dimostrata azione antiossidante ed epatoprotettrice, nel senso che protegge il fegato dai processi di ossidazione.

Da questo punto di vista il carciofo può essere considerato un rimedio dalle proprietà depurative che aiuta il corpo a non accumulare tossine.

Infatti il fegato è uno degli organi preposti alla depurazione dell'organismo; per questo promuovere la sua buona salute significa anche favorire la depurazione del corpo.

Inoltre le proprietà depurative del carciofo si basano anche sul fatto che è ricco in fibre e che grazie ai composti flavonici e ai sali minerali, in particolare potassio e magnesio, ha anche azione diuretica, promuovendo così la funzione depuratrice renale.

La capacità di stimolare la diuresi, l'attività del fegato e quella della cistifellea sono stati solo i primi aspetti su cui si è concentrata la ricerca sui benefici di questo ortaggio, che si è poi estesa ai suoi effetti sui grassi nel sangue, alla sua attività antiossidante e alle sue potenzialità in caso di diabete.

Al carciofo è stata infatti associato anche un effetto ipoglicemizzante.

Come accennato, il carciofo contiene anche molto ferro. Purtroppo però il ferro di origine vegetale è meno facilmente assimilabile rispetto a quello presente negli alimenti di origine animale; per aumentare la sua biodisponibilità è possibile sfruttare le proprietà degli acidi organici, come l'acido ascorbico, che è possibile aggiungere nelle ricette a base di carciofi sotto forma di succo di limone.

Nel suo insieme quindi questa pianta esercita attività utili alla digestione.

Pubblicità


Utilizzi

In virtù delle sue proprietà coleretica, colagoga e antiossidante, che hanno un effetto positivo sulla funzionalità epatica, il carciofo viene utlizzato come protettore del fegato.

Inoltre l’estratto di foglie di carciofo sembra efficace contro i sintomi associati a dispepsia e in caso di disturbi digestivi e colon irritabile.

In effetti l'estratto di foglie di carciofo è uno dei pochi rimedi fitoterapici per cui sono state ottenute prove di efficacia sia attraverso indagini sperimentali sia attraverso studi clinici.

Le ricerche condotte fino ad oggi hanno permesso di associare a questo rimedio naturale proprietà antiossidanti probabilmente associate all'aumento di molecole come la superossido dismutasi e il glutatione (attive contro i radicali liberi) e testimoniate dalla riduzione di sostanze come la malondialdeide, un marcatore della presenza di lipidi ossidati.

L'estratto di foglie è dotato anche della capacità di stimolare la produzione di bile e proteggere il fegato.

Quest'ultima sembra essere il principale beneficio del carciofo, e anche se i dati a disposizione non possono ancora essere considerati definitivi fra gli esperti c'è un generale accordo sul fatto che il suo impiego tradizionale come digestivo e come rimedio contro i problemi intestinali (viene ad esempio consigliato contro la stitichezza) sia giustificato dalle sue reali proprietà.

Sembra ridurre dolore addominale, crampi, gonfiore flatulenza e costipazione legati e difficoltà digestive, probabilmente grazie all’elevato contenuto in inulina e fibre che favorirebbero il proliferare della flora batterica utile alla digestione.

L'estratto di foglie di carciofo sembrerebbe utile anche nella prevenzione dei problemi cardiovascolari, in quanto apparentemente coinvolto nella riduzione dei livelli di ematici di colesterolo totale, delle LDL (il cosiddetto colesterolo “cattivo”) e dei trigliceridi.

Questi effetti positivi sembrerebbero dipendere da due principi attivi in particolare: la luteolina e l'acido clorogenico.

Anche i cuori di carciofo, previa cottura, sembrano utili contro gli eccessi di lipidi nel sangue; nel loro caso, però, gli effetti benefici dipenderebbero dalla fibra solubile presente al loro interno (l'inulina).

Infine, il carciofo selvatico bollito riduce l'aumento della glicemia e dei livelli di insulina nel sangue dopo i pasti; purtroppo, però, questo effetto benefico sembra valido solo nelle persone sane, mentre non sarebbe utile in caso di sindrome metabolica già diagnosticata.

Non sono invece state ancora raccolte prove a sufficienza per giustificare il suo utilizzo per abbassare la pressione, nelle diete dimagranti o contro la ritenzione idrica, spesso accusata di essere la responsabile della comparsa dell'odiata cellulite.

Preparazioni

Gli estratti di carciofo possono essere ottenuti da diverse parti della pianta: foglie, fiori o radici.

La forma fitoterapica consigliata è l’estratto secco, meglio se titolato in acido caffeilchinico (min. 13%), del quale si consiglia di assumere 5 - 8 mg per kg di peso corporeo, suddivisi in due somministrazioni, preferibilmente 30 minuti prima dei due pasti principali.

Eventi avversi e controindicazioni

L’estratto, poco gradevole poiché amaro, non ha comunque mostrato tossicità; deve soltanto essere utilizzato con cautela in caso di calcoli biliari o di restringimenti delle vie biliari.

Interazioni

Non sono note interazioni del carciofo con altri fitoterapici o con farmaci.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Curcuma: proprietà e benefici

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Sannia1
Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Le malattie del fegato

Fegato malattie emergenti

Fegato: ecco le malattie più frequenti, quelle emergenti e da che cosa sono causate.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI RIMEDI NATURALI
Torna su