Pubblicità

Vitamina B1 (tiamina)

Bitamina B1: dove si trova e quali sono le sue attività principali.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Vitamina B1 tiamina cereali proprietà

Che cos’è

La vitamina B1, o tiamina, è una vitamina idrosolubile che fa parte del gruppo B. Le vitamine di questo gruppo prendono parte al metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine e sono quindi essenziali per la produzione di energia e per il normale funzionamento di diversi organi e apparati.

Fonti alimentari

Le più importanti fonti di vitamina B1 sono i cereali integrali e la carne, ma essa è presente anche in alcuni legumi secchi (ceci, fagioli bianchi, fagioli di Spagna), nel germe di grano, nel fegato di manzo, nelle carni di maiale, nel salmone e nei semi di girasole essiccati. Anche il lievito di birra ne contiene importanti quantità.

Viene rapidamente assorbita nella parte inferiore dell'intestino tenue e distribuita al fegato, ai reni, al cuore. L’organismo ne deve essere rifornito giornalmentetenndo conto che viene rapidamente distrutta dall'alcol, da quantità eccessive di zucchero e dal fumo.

La vitamina B1 teme le temperature di cottura troppo elevate, ma non risente del congelamento degli alimenti; per evitarne la dispersione è infine importante cuocere gli alimenti in pochissima acqua.

Pubblicità

Attività

La vitamina B1 è essenziale per il corretto funzionamento del sistema nervoso, del cuore e dei muscoli. Contribuisce inoltre alla formazione dei globuli rossi e svolge un'azione coadiuvante nel trattamento dell'herpes zoster.

Lo sapevi che a volte l'insonnia è causata proprio dalla mancanza di queste vitamine? Leggi questo articolo e scopri il perché.

Carenza

Tra i sintomi che possono indicare una carenza di vitamina B1 ci sono inappetenza e senso di affaticamento e, nei casi più gravi, nausea, vomito e un generale indebolimento della muscolatura.

La carenza grave di questa vitamina, oggi presente per lo più negli alcolisti, porta al Beri-Beri, che si accompagna a danni al sistema nervoso che poi si estendono ai sistemi cardiovascolare e gastrointestinale. I sintomi più evidenti sono quelli neurologici: fatica, irritabilità, mancanza di memoria e, successivamente, dolore ai nervi periferici (polinevrite).

Sovradosaggio

L’intossicazione con questa vitamina è molto improbabile perché l’eccesso è in genere eliminato dall’organismo con le urine.

Dosi consigliate

Il fabbisogno giornaliero raccomandato di vitamina B1 è per gli uomini adulti di 1,2 mg (sopra i 60 anni scende a 0,8 mg), per le donne dai 14 anni in su di 0,9 mg (donne in gravidanza: 1 mg).

Un supplemento di vitamina B1 può essere necessario per chi soffre di cirrosi e in altre situazioni di carenza provocate da stati infettivi o malattie come l'ipertiroidismo o il diabete. Anche chi è convalescente da un intervento chirurgico può aver bisogno di integratori di vitamina B1.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su