Pubblicità

Magnesio

Il magnesio è un elemento essenziale per la trasmissione degli impulsi nervosi e la contrazione muscolare, e non solo.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Magnesio proprietà alimenti

Che cos’è

Il magnesio è un elemento essenziale per l'organismo essendo coinvolto nei processi di trasporto e di utilizzazione dell'energia sotto forma di ATP (adenosin trifosfato). Inoltre partecipa alla sintesi degli acidi grassi e delle proteine.

È necessario anche al funzionamento di molti enzimi coinvolti nella sintesi del DNA e dell'RNA.

Il magnesio inoltre è importante per la secrezione e il funzionamento dell'ormone paratiroideo e per il metabolismo della vitamina D e delle ossa.

Il contenuto complessivo di magnesio nell'organismo varia dai 20 ai 35 grammi, metà del quale è sequestrato nelle ossa e non è disponibile per le altre funzioni.

Nel sangue, dove peraltro è essenziale, è presente meno dell'uno per cento del magnesio totale e il suo livello è garantito pressoché esclusivamente dall'apporto alimentare.

Pubblicità

Fonti alimentari

Il magnesio è ampiamente presente in molti prodotti alimentari: legumi, cereali integrali, frutta secca, banane e verdure a foglia verde ne sono particolarmente ricchi, ma anche farinacei, carni e latticini ne contengono discrete quantità.

La cottura dei cibi però ne riduce sensibilmente la disponibilità, come pure l'eccesso di grasso, l'olio di fegato di merluzzo e gli alimenti contenenti molto acido ossalico, come gli spinaci.

Effetti

Il magnesio partecipa alla trasmissione degli impulsi nervosi e alla contrazione muscolare. Inoltre stimola l’assorbimento di altri minerali (calcio, fosforo, sodio, potassio) e il metabolismo delle vitamine del complesso B e delle vitamine C ed E. Durante lo sviluppo è essenziale per una corretta crescita ossea.

Lo sapevi che anche il guaranà, una pianta medicinale, può aiutare in caso di debolezza e stanchezza? Leggi questo articolo.

Carenza

Carenze temporanee di magnesio, facilmente reintegrabili, si possono manifestare dopo un'attività fisica intensa e prolungata, come pure quando fa molto caldo o dopo una sauna, per le elevate perdite attraverso la sudorazione.

Anche alcuni disturbi intestinali (vomito, diarrea, sindrome da malassorbimento) ed errori dietetici possono causare un deficit di magnesio, così come l'abuso di alcol.

Nelle donne in età fertile, la sindrome premestruale appare associata a una carenza di magnesio.

Uno stato di carenza si può instaurare in chi soffre di diabete a seguito dell'uso di farmaci diuretici, dopo asportazione di adenomi alle paratiroidi e nelle persone con livelli elevati di aldosterone, un ormone coinvolto nella regolazione della pressione sanguigna.

I sintomi sono generici: debolezza, stanchezza, spasmi muscolari, tremori, nausea, vomito, diarrea, ipertensione. In caso di carenze più gravi o prolungate si possono verificare aritmie cardiache, scarsa coordinazione motoria, ansietà, confusione.

Dosi consigliate

Il fabbisogno giornaliero di magnesio è di circa 350 mg per gli uomini e di 300 mg per le donne, che aumenta a 450 mg durante la gravidanza e l'allattamento.

Integrazione

In tutti i casi di ridotta assunzione o di aumentato fabbisogno è possibile ricorrere a integratori.

Precauzioni

L’assunzione di magnesio in quantità dannose è un'evenienza molto rara, fatta eccezione per il caso in cui si soffra di insufficienza renale o in seguito alla somministrazione per via endovenosa di magnesio. In tal caso si può assistere a una depressione delle funzioni cardiache e del sistema nervoso centrale (sonnolenza, paralisi neuromuscolare).

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
VIDEO

Multivitaminici o integratori con una sola vitamina: quale scegliere?

Integratori multivitaminici

Scopri come orientarti nel mondo degli integratori vitaminici.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sali minerali: ecco chi rischia di andare in riserva

  • Rischio carenze minerali 4

    In estate siamo tutti a rischio

    Quando fa caldo e sudiamo di più siamo tutti a rischio di andare in riserva di magnesio e potassio. Con il sudore infatti ne perdiamo in abbondanza e se compaiono sintomi quali stanchezza e spossatezza, è bene correre ai ripari.

  • Rischio carenze minerali

    Chi suda molto

    C’è chi soffre di ipersudorazione e chi suda parecchio perché ama fare tanto sport. In entrambi i casi, il rischio di carenze da magnesio e potassio è da prendere in considerazione.

  • Rischio carenze minerali 3

    Chi è in là con gli anni

    Sono soprattutto gli anziani coloro che devono più stare attenti alle carenze di magnesio e potassio: con gli anni infatti ne assorbiamo sempre meno dalla dieta.

  • Rischio carenze minerali 6

    Chi assume diuretici per curare l’ipertensione

    Molti ipertesi devono assumere, per tenere sotto controlla la pressione, farmaci diuretici. Questi medicinali comportano una maggiore escrezione di potassio con le urine e quindi un aumento del rischio carenza.

  • Rischio carenze minerali 2

    Chi è in sovrappeso

    Chi è in sovrappeso o addirittura obeso tende a sudare di più perché i muscoli fanno più fatica a spostare il maggiore peso corporeo. Per questo motivo, chi ha chili di troppo tende ad andare in carenza di magnesio e potassio.

  • Rischio carenze minerali 5

    Chi soffre di diabete

    Il diabete è una patologia che, tra le altre conseguenze, comporta anche il rischio di andare incontro a carenze di magnesio e potassio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI ALIMENTAZIONE
Torna su