Pubblicità

Antiossidanti

Antiossidanti: che cosa sono, quali sono le loro azioni e dove si trovano.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Antiossidanti proprietà alimenti

Che cosa sono

Si definiscono antiossidanti tutte quelle sostanze capaci di interferire con le reazioni chimiche di ossidazione che danno origine ai cosiddetti radicali liberi.

I radicali liberi sono continuamente prodotti come risultato dei normali processi metabolici e di alcune reazioni immunitarie, e possono danneggiare le strutture cellulari (compreso il materiale genetico) e alterare il funzionamento di molecole biologiche importanti (per esempio le proteine).

Per contrastarne l’azione via via che vengono liberati, l’organismo ha a disposizione una serie di meccanismi di difesa: alcuni composti chimici, in parte sintetizzati al suo interno e in parte assunti con la dieta, e alcuni sistemi enzimatici specializzati.

Quando la produzione di radicali liberi eccede le capacità di questi sistemi protettivi, si dice che l'organismo è esposto a una condizione di stress ossidativo.

Leggi anche l'articolo Antiossidanti naturali: che cosa sono e a che cosa servono.

Come agiscono

Dato che i danni prodotti dai radicali liberi derivano dalle svariate reazioni chimiche concatenate da essi innescate, le differenti sostanze antiossidanti intervengono a livelli diversi di questa catena di reazioni, bloccandone la progressione.

Quali sono

Tra i composti antiossidanti che l'organismo sintetizza autonomamente ci sono alcuni prodotti del metabolismo, come il glutatione, l’ubichinolo (o coenzima Q) e l’acido urico, e l'ormone melatonina.

Tra gli antiossidanti di origine alimentare troviamo:

  • l'acido ascorbico o vitamina C;
  • i tocoferoli (una famiglia di otto composti alla quale appartiene anche la vitamina E);
  • i carotenoidi (beta-carotene, luteina, zeaxantina, criptoxantina, licopene) e vitamina A;
  • alcuni composti polifenolici (flavonoidi, resvetarolo);
  • alcuni oligoelementi (selenio, rame, manganese, zinco) essenziali per il funzionamento dei sistemi enzimatici antiossidanti dell'organismo.

La maggior parte degli antiossidanti di provenienza alimentare si trova in cibi di origine vegetale (ortaggi, frutta, cereali, legumi, semi, cacao, tè, caffè, vino rosso).

Effetti sulla salute

È indubbio che i composti ossidanti possono avere effetti biologici negativi e che i sistemi antiossidanti endogeni ed esogeni contribuiscono a contrastare tali danni.

Inoltre è stato osservato che diete ricche di cibi contenenti antiossidanti sembrano avere un ruolo protettivo nei confronti di condizioni patologiche possibilmente legate a stress ossidativi.

Effetti collaterali

Alcuni degli studi condotti per accertare l'utilità della supplementazione con antiossidanti ad alte dosi avrebbero riscontrato effetti negativi, opposti a quelli attesi, ma esistono dati discordanti.

Se vuoi saperne di più sul Coenzima Q10 leggi questo articolo.

Lo sapevi che le conserve di pomodori, in quanto a proprietà, se la battono con quelli freschi? Guarda il video.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su