Pubblicità

Calcio

Il calcio è un minerale fondamentale per l’organismo. Oltre a costituire le ossa è coinvolto in numerosi processi metabolici.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Calcio dove si trova

Che cos’è

Il calcio è il minerale maggiormente presente nei tessuti organici. Arriva a rappresentare il 2% del peso corporeo e il 99% è concentrato in ossa e denti.

La quota rimanente svolge un ruolo fondamentale nel funzionamento delle cellule, tra cui quelle muscolari e nervose.

Interviene anche nelle funzioni dei reni, nella coagulazione del sangue e in alcuni processi enzimatici.

Il calcio utilizzato dal metabolismo cellulare è continuamente prelevato dalle ossa e reintegrato con l'alimentazione. Quando non è utilizzato viene eliminato attraverso i reni.

Fonti alimentari

Lo si trova in latte e latticini, nel pesce azzurro come acciughe, sardine e sgombri, nei crostacei, nella verdura verde e bianca come cavoli, carciofi e broccoli, nei legumi, nei semi oleosi, nella frutta fresca e secca e nell'acqua.

Pubblicità

Assorbimento

La quantità di calcio assorbita varia in relazione a numerosi fattori: è più elevata nei giovani e diminuisce con l'avanzare dell'età, dipende dalla razza (africani e asiatici lo assorbono meglio degli europei bianchi) e infine è influenzata dall'alimentazione.

L’assorbimento del calcio è favorito dall'assunzione contemporanea di vitamina D, fosforo, potassio, magnesio e boro e dall'esposizione alla luce del sole.

È invece ostacolato se, assieme al calcio, si introducono alimenti ricchi di acido ossalico (come spinaci, barbabietole e pomodori), acido fitico (cereali, farine integrali, crusca).

Effetti

Un adeguato introito di calcio è essenziale, specie in alcune fasi della vita come nell’infanzia e adolescenza, in gravidanza, durante l’allattamento e in menopausa.

Leggi anche l'articolo Menopausa: amici e nemici a tavola.

È infatti vitale per una corretta crescita ossea, per mantenere normali il ritmo di battiti cardiaci e la trasmissione degli impulsi nervosi e la coagulazione del sangue.

Inoltre, possiede un effetto calmante e tranquillizzante, aiuta la crescita muscolare, ed è in grado di prevenire i crampi.

Assunto in quantità adeguate previene l'osteoporosi e ne rallenta la progressione e può incidere positivamente sulle fratture in età avanzata.

Se vuoi saperne di più sull'osteoporosi leggi questo articolo.

Sembra inoltre influire sui sintomi della sindrome premestruale, alleviando depressione, ritenzione idrica e dolore.

Carenza

Nei bambini e negli adolescenti un apporto insufficiente di questo minerale può compromettere lo sviluppo di una massa ossea ottimale e indurre problemi nella dentizione e alle gengive.

La carenza può essere conseguente anche a un'insufficienza renale o a uno scarso apporto di vitamina D; in questo caso le conseguenze, come osteoporosi e sanguinamento delle gengive o l'iperparatiroidismo si manifestano soltanto dopo diverso tempo.

Quando la concentrazione di calcio nel sangue si riduce (ipocalcemia) compaiono crampi muscolari, alterazioni del ritmo cardiaco, spasmi bronchiali, vescicali, intestinali e vascolari.

Integrazione

In tutti i casi di ridotta assunzione (per esempio in presenza di intolleranza a latte e latticini) o di aumentato fabbisogno (per esempio in gravidanza, allattamento, menopausa) è possibile ricorrere a integratori di calcio, disponibile da solo o associato alla vitamina D.

In caso debbano essere assunti per lungo tempo è meglio chiedere il parere del medico; dosi eccessive possono avere effetti collaterali.

Dosi consigliate

In Italia le dosi giornaliere di calcio raccomandate per non incorrere in una carenza vanno dai 600-1.100 mg per i bambini, circa 1.300 mg per gli adolescenti, 1.000 mg per gli adulti al di sotto dei 60 anni e 1.200 sopra tale età.

Per ottimizzarne l’assorbimento è meglio assumerlo più volte al giorno in piccole dosi.

Precauzioni

In caso di patologie renali, cardiache, delle paratiroidi e di sarcoidosi prima di assumere un integratore di calcio va sempre consultato il medico.

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
Fotogallery

Sali minerali: ecco chi rischia di andare in riserva

  • Rischio carenze minerali 4

    In estate siamo tutti a rischio

    Quando fa caldo e sudiamo di più siamo tutti a rischio di andare in riserva di magnesio e potassio. Con il sudore infatti ne perdiamo in abbondanza e se compaiono sintomi quali stanchezza e spossatezza, è bene correre ai ripari.

  • Rischio carenze minerali

    Chi suda molto

    C’è chi soffre di ipersudorazione e chi suda parecchio perché ama fare tanto sport. In entrambi i casi, il rischio di carenze da magnesio e potassio è da prendere in considerazione.

  • Rischio carenze minerali 3

    Chi è in là con gli anni

    Sono soprattutto gli anziani coloro che devono più stare attenti alle carenze di magnesio e potassio: con gli anni infatti ne assorbiamo sempre meno dalla dieta.

  • Rischio carenze minerali 6

    Chi assume diuretici per curare l’ipertensione

    Molti ipertesi devono assumere, per tenere sotto controlla la pressione, farmaci diuretici. Questi medicinali comportano una maggiore escrezione di potassio con le urine e quindi un aumento del rischio carenza.

  • Rischio carenze minerali 2

    Chi è in sovrappeso

    Chi è in sovrappeso o addirittura obeso tende a sudare di più perché i muscoli fanno più fatica a spostare il maggiore peso corporeo. Per questo motivo, chi ha chili di troppo tende ad andare in carenza di magnesio e potassio.

  • Rischio carenze minerali 5

    Chi soffre di diabete

    Il diabete è una patologia che, tra le altre conseguenze, comporta anche il rischio di andare incontro a carenze di magnesio e potassio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI ALIMENTAZIONE
Torna su