Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Rame carne

Rame

Il rame, elemento dalle proprietà antiossidanti, è indispensabile nel metabolismo dell'emoglobina. Ma possiede anche molte altre attività.

Che cos’è

Necessario per la sintesi di varie reazioni enzimatiche, il rame è fondamentale nel metabolismo dell'emoglobina, nella produzione di tessuto connettivo e nel metabolismo delle proteine.

Ha inoltre capacità antiossidanti e interviene nei processi di pigmentazione e cheratinizzazione dei capelli e della cute.

Fonti alimentari

Le fonti alimentari con maggiore disponibilità di rame sono la carne (in particolare il fegato), i legumi (soprattutto la soia), i cereali integrali, le verdure a foglia verde e la maggior parte dei frutti di mare.

Effetti

Il rame è un componente importante di varie proteine ed enzimi coinvolti in diverse funzioni metaboliche. Svolge un ruolo importante nello sviluppo e nel mantenimento delle ossa, dei tessuti connettivi, del cervello, del cuore e di altri organi.

Questo sale minerale facilita anche la formazione dei globuli rossi, l’assorbimento e il trasporto del ferro, ed è coinvolto nel metabolismo del colesterolo e del glucosio.

È stato inoltre dimostrato che il rame stimola il sistema immunitario nel contrastare le infezioni batteriche e virali e aiuta a limitare gli effetti dei radicali liberi.

Carenza

Benché rara, i sintomi da carenza di rame includono anemia, debolezza generale, osteoporosi, demineralizzazione delle ossa, leucopenia (carenza di globuli bianchi), maggiore propensione alle infezioni respiratorie, alterazioni nello sviluppo del collagene e nella pigmentazione dei capelli e della cute.

Dosi consigliate

Il fabbisogno giornaliero di rame per ragazzi e adulti è pari a 0,6-0,7 mg. Per i bambini da 1 a 10 anni, le dosi variano dai 0,2 mg/die per i più piccoli, fino ai 0,4 mg/die per i più grandi.

Precauzioni

L’intossicazione da sali di rame può causare dolori allo stomaco, nausea e diarrea.

Non è ancora stata chiarita fino in fondo l’ipotesi, avanzata da alcuni studiosi, secondo cui dosi elevate di rame sono associate a disordini neurologici.

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Pgatti
Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione


Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
ARTICOLI CORRELATI
CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
CONSULTA L’ARCHIVIO DI ALIMENTAZIONE
Torna su