Trigliceridi alti: ecco che cosa bisogna fare

Dieta adeguata, niente alcolici e attività fisica: ecco le prime misure per ridurre i triglicerdi troppo alti.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Ipertrigliceridemia trigliceridi dieta sport farmaci

Molecole di grasso che l’organismo accumula come fonte di energia. Quando sono troppi, nel sangue, possono comportare rischi gravi per il cuore.

La gran parte dei trigliceridi presenti nel nostro sangue proviene dalla dieta; soltanto una minima parte è prodotta dall’organismo, più precisamente dal fegato.

I valori normali dei trigliceridi, a digiuno, sono compresi tra 50 e 150 mg/dl. Se si superano tali livelli si parla di ipertrigliceridemia lieve (tra 150 e 199 md/dl), grave (fino a 500 mg/dl) e molto grave (se superiore a 500 mg/dl).

Alti livelli di trigliceridi nel sangue aumentano il rischio di incorrere in malattie cardiovascolari, cioè la probabilità di andare incontro a un infarto è superiore alla media.

Ecco le strategie più consolidate per abbassarli.

Via i chili di troppo

Essendo fonti energetiche i trigliceridi aumentano nell’organismo ogni volta che assumiamo più calorie di quante ne consumiamo.

La prima cosa da fare, quindi, è perdere i chili di troppo. Riducendo la quantità di calorie introdotte ogni giorno e aumentando quelle consumate.

Nella gran parte dei casi, le ipertrigliceridemie lievi si risolvono riducendo il peso corporeo.

Vuoi conoscere la top ten degli sport brucia grassi? Leggi questo articolo.

Carboidrati complessi sì, quelli semplici no

Gli zuccheri complessi, per intenderci quelli dei cereali e dei legumi, sono assorbiti più lentamente dall’intestino rispetto a quelli semplici.

Entrano meno velocemente nel sangue e quindi stimolano in misura minore la produzione di trigliceridi da parte del fegato.

È stato anche osservato che in alcune persone il fruttosio, lo zucchero di cui sono ricchi soprattutto i fichi, i cachi, le banane e l’uva, è un potente stimolo alla produzione di trigliceridi.

In sintesi, i carboidrati consigliati sono quelli dei legumi:

  • fagioli
  • piselli
  • ceci
  • fave
  • lenticchie

Quelli da consumare con moderazione (se integrali è meglio) sono invece:

  • pasta
  • riso
  • pane
  • orzo
  • farro
  • segale

Fibra alimentare

La verdura e i legumi sono fonti preziose di fibra. Oltre a regolarizzare l’intestino le fibre alimentari rallentano l’assorbimento dei grassi.

Via libera quindi a verdura (cotta e cruda) e ai legumi, i quali peraltro hanno il duplice vantaggio di essere poco calorici e di contenere carboidrati a lento assorbimento.

Olio di oliva o burro?

Molto meglio l’olio extravergine di oliva. I grassi saturi contenuti nei cibi di origine animale, infatti, aumentano i livelli di trigliceridi. Al contrario, quelli insaturi tipici dei grassi di origine vegetale, hanno l’azione opposta.

Limitare i grassi alimentari in genere è, secondo alcuni, importante ma non fondamentale. Sembra che a giocare un ruolo determinante siano gli zuccheri. In sostanza, la dieta di una persona con i trigliceridi alti deve essere simile a quella di un diabetico.

Stop all’alcol

Che sia vino, birra o superalcolici poco importa. Chi ha valori di trigliceridemia sballati deve ridurli sensibilmente, meglio ancora se li elimina del tutto.

L’alcol infatti stimola la produzione di trigliceridi in modo massiccio. E non solo: siccome è dimostrato che chi abusa di vino & Co. a lungo andare danneggia il fegato, è consigliabile ridurre la loro assunzione al minimo.

Il pesce e gli omega-3

Gli acidi grassi omega-3 contenuti nel pesce sono veri amici del nostro cuore. Da un lato abbassano il tasso di trigliceridi, dall’altro hanno un’azione antitrombotica simile a quella di alcuni farmaci.

Inoltre in alcuni soggetti normalizzano il battito cardiaco, sono cioè validi antiaritmici.

Attività fisica

Non c’è soltanto l’attenzione alla dieta, se si vuole abbassare il livello di trigliceridi. Bisogna anche fare attività fisica.

È stato provato che un’attività regolare, tre volte alla settimana, contribuisce a normalizzare i livelli di questi grassi nel sangue.

Nella gran parte dei casi, è stato dimostrato, è sufficiente seguire un programma di esercizi aerobici, come jogging, passeggio, ciclismo, nuoto, tre volte alla settimana.

Non sono necessarie ore e ore di attività, bastano 35-40 minuti.

I farmaci

Non tutti coloro che presentano valori elevati di trigliceridi devono assumere farmaci. La scelta, valutata da caso a caso, spetta al medico. I farmaci usati in questi casi sono:

  • statine,
  • fibrati,
  • derivati dell'acido nicotinico,
  • composti degli acidi omega-3.

Fausto Zappoli

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Panciroli Claudio Panciroli
Cardiologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "CUORE"
VIDEO

Infarto, se lo conosci si può sconfiggere

Mortalita da infarto

Con pochi piccoli sforzi è possibile ridurre la mortalità per infarto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette segreti per mantenere il cuore in salute

  • Sovrappeso

    Mangiare sano e combattere il sovrappeso

    Evitare cibi troppo grassi, zuccheri e cereali raffinati, si sa, non può che far bene a tutto l’apparato cardiovascolare. Tra i tanti alimenti particolarmente utili per la salute del cuore bisogna ricordare l’olio d’oliva, la soia, il pesce azzurro, i pomodori e le noci.

  • Sport

    Tanti i benefici dello sport

    L’attività fisica è un vero toccasana per tutto l’organismo, a patto che non manchi la costanza. Per il cuore meglio quella aerobica, calibrando la frequenza e l’intensità in base alla proprie caratteristiche e condizioni fisiche. I vantaggi sono innumerevoli perché lo sport aiuta a combattere i grandi nemici del cuore: ipertensione, sovrappeso e stress.

  • Stress

    Al bando lo stress

    Essere costantemente sotto pressione causa un lavoro extra per il cuore, innesca infatti la produzione di adrenalina, che a sua volta aumenta il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna. Attenzione quindi: se lo stress si prolunga a lungo, tanto da diventare cronico, l’azione dell’adrenalina può causare uno stato di sofferenza cardiaca.

  • Fumo

    No smoking

    Il fumo di sigaretta non fa male solo ai polmoni, ma anche al cuore e a tutto il sistema cardiovascolare. I suoi effetti deleteri vanno dall’accelerazione del battito cardiaco all’aumento della pressione, fino al restringimento delle arterie e alla maggiore probabilità che si formino pericolosi coaguli.

  • Colesterolo

    Abbassare il colesterolo, ma solo quello cattivo

    Buono o cattivo? Questo è il problema. Se il primo (l’HDL) è importante per il buon funzionamento dell’organismo, il secondo (l’LDL) è invece uno dei fattori di rischio più importanti per le malattie cardiache. Si può cercare di tenerlo sotto controllo con uno stile di vita sano, ma se i valori sono troppo elevati e non scendono si può ricorrere ad alcuni farmaci, come per esempio le statine.

  • Pressione

    Misurare la pressione

    La pressione sanguigna è la “forza” con cui il sangue viene immesso in circolo dal cuore: se è troppo alta, il cuore si affatica, aumenta di dimensioni ed è più a rischio di aterosclerosi.

  • Disturbi sonno

    Attenzione ai disturbi del sonno

    Dormire poco o male incide sicuramente sulla qualità di vita. Alcuni studi hanno dimostrato che insonnia e apnee notturne sono deleterie anche per il cuore, in quanto aumentano il rischio di scompenso cardiaco e ipertensione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI ESAMI E ANALISI
Torna su