Mal di schiena: cause, sintomi, rimedi

È una delle sindromi dolorose più frequenti e non a caso è tra i motivi principali per il quale viene richiesto un consulto medico.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Mal di schiena cause terapie

Che cos’è

Il mal di schiena è una delle sindromi dolorose più frequenti e non a caso è tra i motivi principali per il quale viene richiesto un consulto medico.

Con il termine generico di mal di schiena si intendono diversi tipi di disturbi, ma in generale si possono distinguere due forme: acuta e cronica.

Sintomi

Il sintomo che accomuna tutti i tipi di mal di schiena è il dolore. E a partire dalla collocazione precisa, dall’intensità, dalla durata e dai particolari momenti durante la giornata in cui si riscontra la sensazione dolorosa si può stabilire con precisione la natura del disturbo.

Se la gran parte dei disturbi dolorosi alla schiena ha origini benigne, in alcuni rari casi il mal di schiena può denunciare la presenza di malattie, anche gravi.

Cause

Tralasciando il mal di schiena transitorio dovuto a condizioni influenzali o conseguente a una grave malattia, come un tumore, questo disturbo, nella maggior parte dei casi, è associato a traumi.

Questi possono interessare i muscoli, per esempio uno stiramento, che causa a sua volta uno squilibrio scheletrico generale. Il dolore in tal caso non passa fin tanto che persistono gli squilibri di forza tra muscoli sani e muscoli lesionati o contratti dallo stiramento.

Terapie

Le terapie contro il mal di schiena, che si tratti di quello acuto o quello cronico, hanno questi obiettivi:

  • ridurre l'intensità del dolore nel tempo più breve possibile;
  • restituire la capacità lavorativa individuale;
  • permettere al paziente di sopportare il dolore residuo;
  • ottenere la remissione completa dei sintomi, in assenza di gravi cause sottostanti.

Le terapie variano a seconda del disturbo e a volte è necessario provare più di un trattamento per ottenere un sollievo.

I farmaci più usati sono i rilassanti muscolari, i narcotici, i farmaci antinfiammatori non steroidei. Questi ultimi possono essere assunti per via orale oppure sotto forma di cerotti o creme.

La fisioterapia, l'esercizio fisico, lo stretching e il rafforzamento muscolare (specifico per i muscoli che sorreggono la colonna vertebrale) sono spesso utilizzati per modificare la postura e ridurre l’incidenza del disturbo.

In alcuni casi si è dimostrato utile anche il massaggio, a patto che sia condotto da un terapista esperto. L’acupressione, o digitopressione, può dare risultati migliori rispetto al massaggio classico.

Se vuoi saperne di più sui farmaci per il mal di schiena leggi questo articolo.

Quando consultare il medico

Il medico di famiglia o lo specialista andrebbe consultato in ogni caso alla comparsa dei sintomi e nuovamente se le terapie non sortiscono l’effetto desiderato.

CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI SCHIENA"
Fotogallery

Come prevenire il mal di schiena?

  • Scarpe

    Indossare scarpe comode

    L’uso di calzature inadeguate (nel caso delle donne sotto accusa soprattutto i tacchi troppo alti) può determinare una distribuzione non omogenea del peso corporeo sulla pianta del piede, e di conseguenza una postura scorretta della colonna.

  • Materasso

    Materassi rigidi, ma non troppo

    Il materasso deve fornire un adeguato sostegno alla colonna vertebrale, assecondando però la sua curvatura naturale. Da evitare quindi quelli che si “infossano”, ma anche il vecchio materasso ortopedico di una volta.

  • Camminare

    Camminare spesso e niente ascensore

    Svolgere quotidianamente una moderata attività fisica tonifica i muscoli dorsali, che hanno il compito di sorreggere la colonna vertebrale in modo che non sia sovraccaricata dal peso del corpo.

  • Colpi di freddo

    Evitare i colpi di freddo

    Aria condizionata d’estate o colpi d’aria d’inverno possono indurre i muscoli della schiena a contrarsi, causando contratture dolorose.

  • Sedia

    In ufficio sedie rigide con braccioli

    Di grande aiuto sono anche i supporti lombari da applicare allo schienale, una corretta posizione delle gambe (piedi ben appoggiati a terra e ginocchia piegate ad angolo retto) e il posizionamento della sedia completamente sotto la scrivania, in modo da evitare di piegare la schiena in avanti.

  • Sollevare

    Sollevare oggetti senza piegare la schiena

    Per sollevare correttamente un peso, come per esempio un sacchetto della spesa o uno scatolone, bisogna divaricare leggermente i piedi, piegare le gambe e inclinare la colonna mantenendola ben dritta.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su