Pubblicità

Vitamine per lo sport

Vitamine e minerali. Ecco quali sono quelle che non devono mai mancare allo sportivo.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Vitamine sport integratori attività fisica

Quali sono

Le vitamine più importanti in ambito sportivo sono la vitamina D, le vitamine del gruppo B e, tra quelle con proprietà antiossidanti, la vitamina C, la vitamina A e la vitamina E.

Anche alcuni minerali (ferro, zinco, magnesio, calcio e selenio) sono d’aiuto nello sport.

Fonti alimentari

Olio di fegato di merluzzo, uova e pesce sono ricchi di vitamina D, mentre il gruppo B è presente in cereali e legumi, carni e fegato.

Pomodori, peperoni, kiwi e agrumi sono ottime fonti di vitamina C e il beta-carotene è presente negli ortaggi e nella frutta di colore giallo arancio o verde scuro come carote, zucca, broccoli, spinaci, albicocche, melone.

La vitamina E si trova negli oli vegetali, germe di grano, cereali integrali, vegetali a foglia verde e frutta secca a guscio.

Assorbimento

Farmaci (lassativi, contraccettivi orali, aspirina, antibiotici), caffè, fumo e alcol possono ridurre l'assorbimento o l'utilizzo delle vitamine da parte dell’organismo.

La ridotta disponibilità può essere dovuta anche a malassorbimento causato da disordini intestinali.

Effetti

Coinvolti in numerose reazioni metaboliche e nei processi di adattamento biochimico muscolare indotti dall’esercizio fisico, vitamine e minerali sono micronutrienti indispensabili per sostenere l’organismo nella pratica sportiva, ma dopo l’impegno fisico si perdono, quindi vanno sempre reintegrati.

La vitamina D è d’aiuto nel processo di consolidamento della struttura ossea, mentre le vitamine del gruppo B, favorendo l'utilizzo di zuccheri, grassi e proteine per ricavarne calorie, sono importanti per fornire all’organismo l’energia necessaria per affrontare al meglio allenamenti e gare.

Carenza

Eventuali carenze (ipovitaminosi), quando gravi portano allo sviluppo di malattie nutrizionali come scorbuto, beri-beri, pellagra e rachitismo.

Ma anche deficit meno pronunciati inducono disturbi segnalati da sintomi quali perdita di appetito, dolori articolari, secchezza della pelle, difficoltà visive e debolezza generalizzata.

Integrazione

Generalmente una dieta varia ed equilibrata è in grado di fornire all’organismo il giusto apporto di nutrienti.

Tuttavia in caso di impegno sportivo, ma anche in caso di stanchezza e affaticamento può essere utile ricorrere alla supplementazione con un multivitaminico e multiminerale per sostenere i processi di produzione energetica e colmare eventuali carenze di micronutrienti.

Dosi consigliate

Il fabbisogno giornaliero di vitamine e minerali dipende sia dal tipo di sport sia dall’intensità con la quale viene praticato. Per questo può anche essere necessaria una dose maggiore di quella generalmente consigliata.

Gli integratori alimentari hanno comunque un dosaggio di vitamine e minerali in linea con il dosaggio giornaliero raccomandato, espresso dall'RDA (Reccomended Daily Allowance).

Esistono inoltre prodotti multivitaminici e multiminerali commercializzati come farmaci da banco, nei quali il dosaggio di vitamine e/o minerali può anche essere superiore all'RDA, conferendo al prodotto una valenza profilattica/terapeutica, e che il farmacista potrà consigliare caso per caso.

Precauzioni

Le vitamine liposolubili (A, D, E, K) tendono ad accumularsi nei tessuti, una volta introdotte nell'organismo; pertanto è importante integrare tali micronutrienti nelle quantità corrette, in linea con il dosaggio giornaliero raccomandato.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Sport: verità scientifiche e leggende metropolitane

Sport leggende e verita

Riduce la pressione? Fa venire il mal di testa? Giuseppe Marini, medico dello sport, svela che cosa c'è di vero sulle tante leggende metropolitane.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Che cosa succede se potassio e magnesio vanno in riserva

  • Potassio magnesio 4

    Attenti al caldo

    È soprattutto in estate, quando l’afa avanza, che si possono verificare carenze di magnesio e potassio. Ne perdiamo in grandi quantità con il sudore. In questo periodo dell’anno è quindi importante garantire all’organismo adeguate quantità di questi sali minerali, con la dieta e con un’adeguata integrazione.

  • Potassio magnesio

    Stanchezza fisica

    Uno dei primi sintomi della carenza di magnesio e potassio è la stanchezza fisica. Ci si sente spossati senza motivo e non si hanno le forze per godere appieno la bella stagione.

  • Potassio magnesio 2

    Sonnolenza

    Quando i livelli di magnesio e potassio scendono, siamo vittime di colpi di sonno e difficoltà a concentrarci sul lavoro e nello studio. Fondamentale, in questi casi, ricorrere a una corretta integrazione.

  • Potassio magnesio 5

    Crampi muscolari

    Possono insorgere mentre facciamo attività fisica oppure di notte, quando dormiamo. All’origine dei crampi c’è spesso una carenza di magnesio e potassio.

  • Potassio magnesio 3

    Aumenta il rischio ipertensione

    Una delle complicanze a lungo termine più temute della carenza di potassio è l’aumento del rischio di sviluppare ipertensione arteriosa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su