Pubblicità

Contraccettivi

Sono metodi, strumenti o farmaci che impediscono il concepimento, quindi impiegati per evitare gravidanze indesiderate.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Contraccettivi proprietà effetti collaterali

I contraccettivi sono metodi che impediscono il concepimento quindi sono impiegati per evitare gravidanze indesiderate. Chiamati anche anticoncezionali, i metodi contraccettivi sono classificati in diverse categorie in base al loro meccanismo d’azione.

Metodi naturali

Non richiedono l’impiego di sostanze estranee all’organismo. Il loro obiettivo è identificare i giorni fertili della donna, nei quali l’ovulo viene emesso e rimane vitale.

Astenendosi dai rapporti sessuali in questi giorni si riduce il rischio di un concepimento.

I diversi metodi naturali si basano su principi differenti (osservazione delle variazioni del muco cervicale, misura della temperatura basale, della produzione dell’ormone LH, calcolo dei giorni fertili in base al calendario, coito interrotto) e non offrono una protezione anticoncezionale elevata.

Non sono indicati per le donne con un ciclo mestruale irregolare.

Metodi di barriera

Agiscono impedendo l’ingresso degli spermatozoi negli organi riproduttivi femminili ed evitando, perciò, l’incontro tra ovulo e spermatozoi.

Il metodo di barriera più impiegato è il profilattico, chiamato anche preservativo che, oltre a ridurre il rischio di gravidanze, protegge anche dalle malattie a trasmissione sessuale (AIDS, clamidia, gonorrea, sifilide, epatiti).

Anche il diaframma è un metodo di barriera, ma è attualmente poco usato. La sua azione viene aumentata dall’uso contemporaneo di spermicidi.

Poco diffuso e utilizzato, infine, il preservativo femminile.

L’efficacia dei metodi di barriera dipende dalla correttezza della loro applicazione.

Contraccezione ormonale

Prevede l’impiego di ormoni femminili, estrogeni e progestinici, che possono essere assunti per bocca (pillola anticoncezionale), attraverso le pareti della vagina (anello vaginale) o attraverso la cute (cerotto).

Il meccanismo d’azione è comune e ha come obiettivo principale il blocco dell’ovulazione. Altri effetti comprendono l’ispessimento del muco cervicale e l’assottigliamento delle pareti uterine.

Diversamente dalla pillola, anello e cerotto consentono agli ormoni di entrare direttamente in circolo senza passare dal tratto digerente. La loro efficacia non è, quindi, modificata da eventuali episodi di vomito o diarrea.

Tra i diversi contraccettivi, i metodi ormonali sono quelli a efficacia maggiore. Se assunti regolarmente consentono la massima protezione anticoncezionale.

Gli ormoni sono controindicati in presenza di elevato rischio cardiovascolare.

Spirale intrauterina

È un dispositivo a forma di T che viene inserito all’interno dell’utero, dove può rimanere per alcuni anni.

Esiste anche una versione che rilascia piccole dosi di ormoni progestinici che ne aumentano l’efficacia.

La spirale agisce rendendo inospitale l’ambiente agli spermatozoi e a un eventuale embrione. È sconsigliata nelle donne molto giovani o che non hanno mai partorito.

Contraccezione d’emergenza

È la cosiddetta pillola del giorno dopo. Un preparato a base di ormoni estrogeni e progestinici che impedisce l’attecchimento dell’embrione alle pareti dell’utero.

Va impiegata entro 72 ore dal rapporto non protetto.

Sterilizzazione

Può essere attuata sia nella donna sia nell’uomo e consiste in interventi chirurgici che rendono sterili in maniera irreversibile.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Pillola, un’amica della femminilità

La pillola anticoncezionale

Il parere di Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia San Raffaele Resnati di Milano.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Le 5 cose da sapere sulle malattie sessualmente trasmissibili

  • Clamidia

    Clamidia e tricomoniasi fra le più diffuse

    Secondo i dati dell’OMS 2016, ogni giorno nel mondo sono più di un milione le nuove infezioni causate da microrganismi sessualmente trasmissibili: fra le più diffuse la clamidia (131 milioni di nuove infezioni all’anno), la gonorrea (78 milioni), la sifilide (5,6 milioni) e la tricomoniasi (143 milioni). Inoltre, sono 500 milioni le persone con un'infezione genitale da virus herpes simplex (HSV) e oltre 290 milioni le donne che hanno contratto il papillomavirus umano (HPV).

  • Sintomi

    Sintomi spesso lievi ma complicanze gravi

    Le infezioni sessualmente trasmissibili sono spesso asintomatiche. Se non diagnosticate e curate per tempo, possono però causare complicanze anche gravi tra cui, nel caso del papilloma virus, anche tumori della cervice uterina. I responsabili sono virus, batteri, funghi e parassiti, che colpiscono con maggiore facilità le donne, gli adolescenti e gli individui con un sistema immunitario compromesso.

  • Prevenzione

    Prevenire è meglio che curare

    I microrganismi responsabili delle infezioni sessualmente trasmissibili possono essere contratti con qualunque tipo di rapporto sessuale, a causa del contatto con liquidi organici infetti (sperma, secrezioni vaginali, saliva). L’unica arma per difendersi è quindi l’utilizzo del preservativo durante ogni rapporto. Nel caso dell’epatite B e del papilloma virus esiste anche la possibilità di prevenire l’infezione sottoponendosi a un vaccino, che nel caso dell’HPV protegge da quattro ceppi virali, due dei quali (Hpv 16 e 18) sono responsabili di circa il 70% dei casi di tumore della cervice.

  • Falsi miti

    I falsi miti da sfatare

    Sono ancora tanti i falsi miti sulle malattie sessualmente trasmissibili. Per esempio, si pensa erroneamente che l’unica infezione che si può contrarre con rapporti non protetti sia l’HIV, oppure che epatite B e C non facciano parte di questo gruppo di malattie. O ancora che la pillola o la spirale possano proteggere le donne e che le cosiddette “malattie veneree” causino solo piccoli fastidi, come bruciore o prurito intimo.

  • Controlli periodici

    Utili i controlli periodici

    Dal momento che, soprattutto nelle fasi iniziali, queste infezioni spesso non causano alcun sintomo, è importante sottoporsi periodicamente a controlli dallo specialista (ginecologo per le donne, andrologo per gli uomini), soprattutto in caso di rapporti occasionali non protetti. Alcune di queste malattie (non tutte purtroppo), se diagnosticate precocemente e curate adeguatamente, possono essere facilmente debellate.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI FARMACI
Torna su