Diarrea: cause e rimedi

Scariche frequenti di feci liquide o semiliquide. Ecco come affrontare il disturbo quando si presenta.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Diarrea intestino rimedi

Che cos’è

La diarrea, o dissenteria, è un disturbo dell’intestino che si manifesta con scariche frequenti di feci liquide o semiliquide. Va considerato un sintomo e non una malattia.

Cause

La comparsa di diarrea può dipendere dall’ingestione di acqua e cibi contaminati da virus, batteri o parassiti.

Rientra in quest’ambito la diarrea del viaggiatore che colpisce chi soggiorna in Paesi dal clima caldo-umido e con carenti condizioni igienico-sanitarie.

I principali alimenti a rischio sono: molluschi, uova, carne cruda o poco cotta, verdura e frutta lavate con acqua contaminata, latticini non pastorizzati, bibite con ghiaccio.

La diarrea può anche avere origine da intolleranze alimentari (al lattosio, al glutine), da un consumo eccessivo di dolcificanti o dall’impiego di antibiotici che danneggiano la flora batterica intestinale.

Può infine essere causata da alterata motilità intestinale tipica del colon irritabile e di altre malattie croniche infiammatorie dell’intestino (Morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa) o comparire a seguito di eventi emotivamente stressanti.

Se vuoi sapere che cosa mangiare e cosa evitare in caso di diarrea leggi anche questo articolo.

Sintomi comuni

Le scariche di diarrea si associano spesso a dolore addominale, nausea, vomito, debolezza e disidratazione. A volte può comparire febbre.

Le forme acute sono caratterizzate da numerosi attacchi concentrati in pochi giorni, nelle forme croniche la diarrea persiste anche per mesi con conseguente malassorbimento degli alimenti.

Complicazioni

Soprattutto nei bambini piccoli e negli anziani, la principale complicazione della diarrea è l’eccessiva perdita di liquidi e sali minerali con le feci.

I sintomi della disidratazione sono bocca asciutta, vertigini, urine scure e aumento della frequenza cardiaca.

Le cure

Il più delle volte la diarrea si risolve spontaneamente nel giro di pochi giorni. È fondamentale reintegrare i liquidi persi con un’abbondante assunzione di acqua, tè zuccherato, succhi di frutta, tisane, succo di limone ed eventualmente preparati ricchi di sali minerali.

Contribuisce alla guarigione adottare una dieta priva di latte, latticini, fritture, cibi piccanti, kiwi, caffè, cacao e alcol.

Gli alimenti consigliati sono riso, pane bianco, carni magre, bresaola, pesce lesso, parmigiano, carote, patate, spinaci, mele e banane.

L’assunzione di farmaci antidiarroici e antispastici va praticata sotto controllo medico.

Quando consultare il medico

Se insieme con la diarrea compare sangue nelle feci o febbre alta è necessario rivolgersi al medico.

Il medico va consultato anche quando, indipendentemente da dieta e cure, la diarrea non si risolve o è ricorrente.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Dieta per la diarrea

Diarrea nei bambini

VIDEO

La sindrome dell'intestino irritabile

Intestino irritabile cosa e

Intervista a Luisa Spina, gastroenterologa dell'IRCCS Policlinico San Donato, Milano.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Che cosa succede se potassio e magnesio vanno in riserva

  • Potassio magnesio 4

    Attenti al caldo

    È soprattutto in estate, quando l’afa avanza, che si possono verificare carenze di magnesio e potassio. Ne perdiamo in grandi quantità con il sudore. In questo periodo dell’anno è quindi importante garantire all’organismo adeguate quantità di questi sali minerali, con la dieta e con un’adeguata integrazione.

  • Potassio magnesio

    Stanchezza fisica

    Uno dei primi sintomi della carenza di magnesio e potassio è la stanchezza fisica. Ci si sente spossati senza motivo e non si hanno le forze per godere appieno la bella stagione.

  • Potassio magnesio 2

    Sonnolenza

    Quando i livelli di magnesio e potassio scendono, siamo vittime di colpi di sonno e difficoltà a concentrarci sul lavoro e nello studio. Fondamentale, in questi casi, ricorrere a una corretta integrazione.

  • Potassio magnesio 5

    Crampi muscolari

    Possono insorgere mentre facciamo attività fisica oppure di notte, quando dormiamo. All’origine dei crampi c’è spesso una carenza di magnesio e potassio.

  • Potassio magnesio 3

    Aumenta il rischio ipertensione

    Una delle complicanze a lungo termine più temute della carenza di potassio è l’aumento del rischio di sviluppare ipertensione arteriosa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su