Pubblicità

Ipertiroidismo

L'ipertiroidismo è una condizione nella quale la tiroide funziona troppo. Vediamo le cause, i sintomi, le conseguenze e le cure.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Ipertiroidismo tiroide

Che cos'è

L'ipertiroidismo è una condizione nella quale la tiroide produce una quantità eccessiva di due ormoni, la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3), determinando un aumento dei loro livelli nel sangue e la comparsa di alcuni disturbi a esso legati.

Posizionata alla base del collo, la tiroide è una ghiandola che regola diversi aspetti del metabolismo, tra cui la produzione di calore e il consumo di ossigeno da parte dei tessuti.

Cause

L'ipertiroidismo può avere diverse origini, ma spesso dipende dalla presenza del morbo di Graves-Basedow, una malattia autoimmunitaria che colpisce soprattutto le giovani donne e che altera il meccanismo di controllo della produzione degli ormoni tiroidei.

Altre cause di ipertiroidismo sono l'infiammazione della tiroide (tiroidite), l'assunzione incongrua di ormoni tiroidei (tireotossicosi), la presenza di noduli (gozzo tossico) e l'adenoma ipofisario.

Una forma transitoria di ipertiroidismo può manifestarsi in gravidanza o entro alcuni mesi dal parto e risolversi spontaneamente nel giro di alcune settimane.

La disfunzione può essere aggravata dall'assunzione inconsapevole di iodio contenuto in dentifrici, collutori, disinfettanti, farmaci, conservanti e sale iodato.

Sintomi più comuni

I sintomi sono a volte poco specifici e indipendenti dalla causa. I principali sono: perdita di peso inspiegabile nonostante un buon appetito, irritabilità, insonnia, battito cardiaco accelerato (tachicardia), palpitazioni.

Inoltre, sudorazione eccessiva, tremori alle mani, intolleranza al caldo, rigonfiamento della parte anteriore del collo (gozzo) e debolezza muscolare.

Il segno più caratteristico dell'ipertiroidismo è l'esoftalmo, ovvero una marcata sporgenza dei bulbi oculari in avanti e lateralmente con il tipico sguardo spalancato.

I capelli appaiono fragili e meno luminosi, la cute più calda. L'ipertiroidismo può dare anche irregolarità del ciclo mestruale, fino alla sua scomparsa, e problemi di infertilità anche nel maschio.

Complicazioni

Se non trattato adeguatamente, l'ipertiroidismo può portare, soprattutto negli anziani, ad aumento della pressione arteriosa, fibrillazione atriale, ingrossamento del ventricolo sinistro e scompenso cardiaco resistente alle comuni terapie.

Può verificarsi anche riduzione della acuità visiva e rialzo anomalo della temperatura corporea.

Le cure

L'ipertiroidismo è una condizione cronica che può evolvere nel corso del tempo. Il trattamento deve essere prescritto esclusivamente dal medico che imposterà una terapia personalizzata da seguire scrupolosamente.

Le opzioni includono l'uso di farmaci antitiroidei e betabloccanti, l'impiego di iodio radioattivo e l'intervento chirurgico.

Chi soffre di ipertiroidismo dovrebbe limitare il fumo e il consumo di alcol, cioccolato e bevande contenenti caffeina (tè, caffè e cola).

Quando consultare il medico

Un eccessivo dimagrimento inspiegabile associato a nervosismo e insonnia può far sospettare l'ipertiroidismo. A discrezione del medico, la diagnosi si basa su una visita clinica, l'esecuzione di dosaggi ormonali nel sangue ed esami strumentali (scintigrafia, ecografia).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Gaubello1 Gregorio Guabello
Endocrinologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Le 5 cose da sapere sulla tiroide

  • Tiroide 1

    Così piccola, ma così importante per l’organismo

    La tiroide è una piccola ghiandola situata alla base del collo. Serve per produrre, su stimolazione dell’ipofisi, gli ormoni tiroidei T3 (triiodiotironina) e T4 (tiroxina), che influenzano numerose funzioni fisiologiche: agiscono per esempio sul sistema nervoso e su quello cardiovascolare, regolano il ciclo sonno-veglia e la temperatura corporea, garantiscono il normale sviluppo del feto, ecc.

  • Tiroide 2

    Quando il “troppo stroppia”

    Se la tiroide produce quantità eccessive di ormoni tiroidei, si sviluppa il cosiddetto ipertiroidismo, patologia caratterizzata da un generale aumento delle attività metaboliche dell’organismo. Le causa più comune è il morbo di Basedow, una malattia autoimmune che stimola la tiroide a funzionare più del dovuto. Tra i sintomi più comuni si riscontrano perdita di peso, tachicardia, aumentata sudorazione, irritabilità.

  • Tiroide 3

    L’ipotiroidismo è la disfunzione tiroidea più comune

    Per non causare disturbi, la tiroide non deve funzionare troppo, ma neanche troppo poco. In quest’ultimo caso si parla di ipotiroidismo: i sintomi tipici sono gonfiore del viso e delle palpebre, perdita dei capelli, difficoltà di concentrazione e di memoria, rallentamento della frequenza cardiaca, ipotensione, stanchezza, aumento di peso, ecc. L’ipotiroidismo è una patologia cronica e irreversibile, ma curabile grazie alla terapia sostitutiva a base di levotiroxina (farmaco analogo all’ormone tiroideo T4), da assumere quotidianamente per tutta la vita.

  • Tiroide 4

    Attenzione alla carenza di iodio

    Gli ormoni tiroidei sono costituiti principalmente da iodio; perché la tiroide funzioni correttamente e ne produca a sufficienza, è quindi necessario assumere la giusta quantità di iodio. Il corretto apporto di iodio è facilmente raggiungibile sostituendo il comune sale da cucina, del quale viene comunque raccomandato un consumo moderato, con il sale arricchito con iodio. Da sfatare invece il mito secondo cui respirare l’aria di mare può aumentare la concentrazione di iodio nell’organismo.

  • Tiroide 5

    Si può vivere senza

    Nella stragrande maggioranza dei casi le disfunzioni tiroidee possono essere controllate farmacologicamente. Esistono però casi in cui può essere necessaria l’asportazione chirurgica dell’intera tiroide, per esempio in presenza di neoplasie benigne o maligne a carico della ghiandola, oppure se la terapia farmacologica per l’ipertiroidismo non funziona a dovere. Nonostante la rimozione della ghiandola, è comunque possibile condurre una vita perfettamente normale grazie all’assunzione giornaliera della terapia sostitutiva a base di levotiroxina.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su