Pubblicità

Sinusite, un aiuto dai rimedi naturali

Quando l’infiammazione colpisce i seni paranasali, i sintomi più fastidiosi possono essere trattati con successo anche grazie ai metodi della nonna.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 11 minuti
Sinusite rimedi naturali

Quando l’infiammazione colpisce i seni paranasali, i sintomi più fastidiosi possono essere trattati con successo anche grazie ai metodi della nonna.

Scambiare la sinusite per un banale raffreddore è abbastanza facile perché i sintomi di partenza sono uguali: naso chiuso, febbre e mal di testa. Eppure, ci sono alcuni segnali che dovrebbero indurci a sospettare di trovarci di fronte a qualche cosa di differente.

In ogni caso, è possibile prevenire la sinusite. Leggi questo articolo e scopri come fare.

I segni di riconoscimento

Il segno più importante è il dolore al volto, che di solito interessa la fronte, le zone sopra e sotto gli occhi e la mascella, e che si accentua quando si muove la testa o quando si esercita una pressione sulla zona indolenzita.

Il secondo segnale è la comparsa di una secrezione giallo-verdognola che dalla sede dell’infezione scende nel naso o nella gola.

Se aggiungiamo tosse con catarro, riduzione del gusto e dell’olfatto, con molta probabilità siamo di fronte a un caso di sinusite, ossia l’infiammazione dei seni paranasali.

Questi ultimi sono quattro paia di cavità (collocate all’interno degli zigomi, della fronte, dietro la cavità nasale e, in profondità, dietro l’osso frontale) rivestite dalle stesse mucose che si trovano nel naso e nella bocca.

Come e perché arriva

In caso di raffreddore o allergia, i tessuti dei seni paranasali si gonfiano e iniziano a produrre una maggiore quantità di muco, proprio come succede all’interno del naso. Ma se il sistema di drenaggio di questi canalicoli si blocca, il muco rimane intrappolato all’interno e facilita lo sviluppo di virus, batteri o funghi.

Spesso la sinusite si risolve spontaneamente, senza bisogno di farmaci, in due o tre settimane (sinusite acuta). Alcune volte, invece, si protrae per mesi (sinusite cronica) e necessita di terapie farmacologiche.

Per rendere più veloce il decorso della malattia, è meglio evitare gli ambienti molto secchi, il fumo, gli sbalzi di temperatura repentini e le temperature rigide.

Se ti interessa una panoramica completa di tutte le cure per la sinusite leggi questo articolo.

Rimedi naturali antichi e moderni

In ogni caso, esistono rimedi naturali che ci aiutano ad alleviare i disturbi più fastidiosi, come il naso chiuso e il mal di testa. A partire dai suffumigi fino ad arrivare alle tisane.


Rimedio
Benefici
Suffumigi
Contrastano dolore, tensione muscolare del viso, congestione e infezione
Lavaggi nasali
Umidificano, detergono e disinfettano le mucose nasali
Massagi al viso
Sbloccano la congestione nasale
Bagni e docce
Decongestionano le mucose
Tisane
Eliminano le tossine, fluidificano il muco, hanno attività antinfiammatoria e
astringente

Vediamoli nel dettaglio.

Suffumigi. L’inalazione di vapore è la più classica e antica delle terapie drenanti ed è utile contro il dolore, la tensione muscolare del viso, la congestione e l’infezione. Ed è anche la più semplice: basta versare dell’acqua bollente in un recipiente, aggiungere erbe aromatiche oppure oli essenziali e inspirare profondamente. Ecco alcune “ricette”:

  • Allo zenzero: prendete circa 3 centimetri di radice fresca e sminuzzatela in pezzetti più piccoli. Fateli bollire in una tazza di acqua per due minuti. Respirate i vapori, coprendovi con un asciugamano. Se non avete a disposizione lo zenzero fresco, versate 2 cucchiaini di quello in polvere direttamente nell’acqua bollente.

  • All’aglio: in una scodella, pestate due o tre spicchi di aglio e aggiungete un cucchiaino di aceto di mele. Versate sopra mezzo litro di acqua bollente e inalate i vapori.

  • All’eucalipto: in mezzo litro d’acqua bollente, mettete un cucchiaio di foglie di eucalipto, un cucchiaio di timo e uno di gemme di pino. Inalate i vapori caldi due o tre volte al giorno.

Inalatori a getto di vapore. Sono i fratelli più giovani dei suffumigi e rappresentano un metodo più efficace per inalare vapore. Si acquistano in farmacia, ma possono essere anche noleggiati.

Utilizzateli per inalare acque termali (le più adatte sono quelle solforate e salsobromoiodiche, ossia di mare), oli essenziali come la lavanda, l’eucalipto e l’elicriso (azione antiallergica e disinfettante), propoli (azione antibatterica), limone, camomilla e bicarbonato (azione antisettica e lenitiva).

Va bene anche l’aerosol (con soluzione fisiologia) grazie alla sua funzione detergente e idratante.

Lavaggi nasali. Se non possedete né un inalatore, né un apparecchio per l’aerosol, potete fare dei lavaggi del naso con uno schizzetto o una siringa (senza ago). Perfetta in questo caso la soluzione salina, che aiuta a umidificare, detergere e disinfettare le mucose nasali. Si ottiene sciogliendo un quarto di cucchiaino di sale e un quarto di cucchiaino di bicarbonato di sodio in 30 ml di acqua.

Massaggi. Grazie al massaggio del viso e alla pressione sui punti indolenziti è possibile contribuire a sbloccare la congestione.

  • Massaggi al tea tree oil: spalmare alcune gocce dell’olio, che ha un’azione antisettica, sulle parti indolenzite, massaggiando con vigore per 30 secondi. Evitate, però, il contorno occhi.

  • Pressioni alla cannella: mescolate mezzo cucchiaino di polvere di cannella con sufficiente acqua in modo da farne una pastella. Applicate sulla zona del viso corrispondente ai seni paranasali intasati.

Bagni e docce. I vapori caldi aiutano a decongestionare le mucose. Appena svegli, fate una doccia calda: la mattina infatti è il momento più critico per la sinusite.

La sera, prima di andare a letto, godetevi il piacere di un buon bagno, a cui aggiungerete alcune gocce di oli essenziali: quello di lavanda ha proprietà antinfiammatorie, mentre quelli di bacche di ginepro, mirra e rosmarino aiutano a ridurre l’eccesso di muco e a disintossicare l’organismo (attenti però: durante la gravidanza e l’allattamento evitate gli oli di bacche di ginepro e di rosmarino).

Tisane. Se siete appassionati di infusi e tisane, sappiate che la radice di tarassaco e quella di liquirizia sono perfette per l’eliminazione delle tossine, mentre il decotto di marrubio, issopo e tussilagine è ottimo per fluidificare il muco.

Indicate anche questi infusi, semplici da preparare:

  • Zenzero: ha attività antinfiammatoria. Versate 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato e un cucchiaino di miele in una tazza di acqua bollente. Bevete 3-4 tazze al giorno. In mancanza di quello fresco, utilizzate zenzero in polvere.

  • Fieno greco: è un buon decongestionante. Mettete un cucchiaino di semi di fieno greco in una tazza di acqua bollente e lasciate infondere per 15 minuti. Filtrate e bevetene 3-4 tazze al giorno.

  • Verbena:
 è antinfiammatoria e astringente. Mettete 2 cucchiaini di verbena in una tazza d’acqua calda. Lasciate riposare per 10 minuti, filtrate e bevete, meglio se dolcificato con miele di lavanda.

A cura della redazione

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Sinusite e mal di testa: cosa fare e rimedi

Zenzero: proprietà, effetti e controindicazioni

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Sannia1 Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Antidolorifici, conoscerli per usarli al meglio

Foto corrado giua

Ne esistono diversi tipi e non tutti agiscono alo stesso modo. Intervista al farmacologo Corrado Giua.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Mal di testa: le cause che non ti aspetti

  • Fotolia 55819234 s

    Dopo uno sforzo fisico eccessivo

    Si chiamano anche cefalee da sforzo e colpiscono soltanto le persone predisposte. In alcuni casi è sufficiente una corsetta al parco per scatenare il dolore. Altre volte insorge quando ci si sottopone a una fatica a cui non si è abituati. È tipico il caso di chi fa una vita sedentaria e deve fare uno sforzo inusuale, come per esempio un trasloco: sollevare scatoloni, portarli su e giù dalle scale può innescare questo tipo di cefalea. Meglio non sottovalutarlo e chiedere il parere del proprio medico di fiducia.

  • Fotolia 8402904 s

    Russamento, digrignamento e apnee notturne

    Se il mal di testa arriva al mattino è molto probabile che la causa sia da cercare nel nostro comportamento notturno. I problemi più comunemente associati a questo tipo di cefalea sono l’abitudine a russare, le apnee notturne, cioè l’assenza temporanea di respiro durante il sonno, e il digrignamento dei denti. In tutti questi casi è preferibile consultare un medico.

  • Fotolia 51123329 s

    Se l’amore fa male alla testa

    È sicuramente tra le cause più piacevoli del mal di testa. Può colpire sia gli uomini sia le donne e il dolore, in entrambi i casi, è proporzionale al piacere provato. Insorge nel bel mezzo dell’attività sessuale e culmina con l’orgasmo, per poi sparire subito dopo. È probabile che questo tipo di cefalea sia legata all’aumento della pressione arteriosa che inevitabilmente insorge quando si fa l’amore. In ogni caso è opportuno approfondire il problema con il medico di fiducia.

  • Fotolia 35123075 s

    Quando l’acqua va in riserva

    Anche la disidratazione, fenomeno che in genere succede in estate, può causare un attacco di mal di testa. In alcune persone basta una perdita di liquidi pari all’1 per cento del peso corporeo per scatenare la cefalea. Un buon motivo per bere tanta acqua ogni giorno.

  • Fotolia 48997326 s

    Influenza e febbre

    Un episodio di influenza porta sempre con se un rialzo febbrile, a volte lieve, altre volte più importante. Il mal di testa insorge, sembra, proprio a causa dell’aumento della temperatura corporea. Alcune persone ne soffrono di più, altre di meno. In ogni caso, i farmaci antinfiammatori non steroidei, come per esempio l’acido acetilsalicilico, usati comunemente per curare l’influenza, hanno anche un effetto antidolorifico, quindi spengono il dolore.

  • Fotolia 39563534 s

    Poco sonno, troppo sonno

    Il rapporto tra il sonno e il mal di testa è ambivalente: da un lato chi non dorme molte ore rischia di trovarsi, il giorno dopo, un bel cerchio alla testa. Ma lo stesso dolore può insorgere se, al contrario, si va a letto alle nove e ci si alza a mezzogiorno. Dormire troppo o troppo poco hanno un effetto nefasto sulla nostra testa. Meglio tenerlo sempre presente.

  • Fotolia 55729876 s

    Raffreddore e sinusite

    Il naso chiuso, per un raffreddore o un allergia, può dare mal di testa. Ma è soprattutto la sinusite, quando cioè si infiammano i seni paranasali che abbiamo negli zigomi e sulla fronte, la causa più comune di cefalea. Se per curare il comune raffreddore virale basta andare in farmacia, per la sinusite e un’allergia è preferibile rivolgersi al proprio medico.

  • Fotolia 48802916 s

    Se alzi troppo il gomito

    Dopo una forte bevuta non è raro soffrire di mal di testa. Il principale responsabile è l’etanolo: viene smaltito nel fegato, ma se la quantità introdotta è superiore a quella che il metabolismo epatico riesce a eliminare, può insorgere nausea e mal di testa. Oltre a un antidolorifico, è opportuno bere molta acqua per aiutare l’organismo a liberarsi dell’etanolo.

  • Fotolia 51304458 s

    Difetti della vista che danno alla testa

    Non vederci bene, da vicino o da lontano, può comportare fastidiosi mal di testa. È soprattutto alla sera, dopo una giornata passata a studiare o lavorare, che insorge di solito questo tipo di cefalea. Per questo è utile, quando si ha il sospetto di un difetto visivo, farsi visitare da un oculista.

  • Fotolia 53441576 s

    Quando cala lo stress

    Chiamato anche mal di testa da weekend, è tipico di chi lavora moltissimo da lunedì a venerdì e al sabato mattina, non appena la tensione cala, si deve arrendere alla cefalea. Non esiste ancora una spiegazione esauriente di questo fenomeno, sembra però che la colpa sia del calo improvviso dello stress, che non permette all’organismo di adattarsi alle nuove, e in teoria più piacevoli, condizioni. In questi casi, oltre a rivolgersi al proprio medico, potrebbe essere utile evitare di sobbarcarsi di lavoro il venerdì, così da cominciare ad allentare le tensioni in vista del weekend.

  • Fotolia 31793079 s

    Troppo tempo davanti al computer

    Anche la normativa italiana sulla sicurezza sul posto di lavoro dice che ogni due davanti a uno schermo bisogna fare una pausa di 15 minuti. Tra i vari problemi a cui si può andare incontro se si sta troppo davanti al pc c’è anche il mal di testa. Quando ci si accorge del problema occorre rivedere alcune cose, come per esempio l’altezza dello schermo, della sedia e della scrivania, la posizione di mouse e tastiera.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su