Pubblicità

Eucaliptus

L'eucalipto è una pianta nota per il suo effetto balsamico sulle infiammazioni delle vie respiratorie.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
eucalipto proprietà

Che cos’è

L'eucalipto è un albero sempreverde dalle foglie bluastre e tronco grigio originario dell'Australia che può raggiungere i 100 m di altezza, mentre sulle coste centrali e meridionali italiane arriva ai 30 metri circa.

Il nome botanico è Eucalyptus globulus ed è noto per essere il cibo prevalente dei koala. Se ne utilizzano le foglie da cui si ricavano infusi, polvere e olio essenziale.

Ha inoltre una grande capacità di assorbire l'acqua tanto che viene utilizzato per prosciugare i terreni nelle bonifiche.

Attività

Riduce il catarro e ha un effetto balsamico nelle infiammazioni delle vie respiratorie a livello di bronchi e gola e funziona come antisettico e antipiretico.

L'eucalipto ha anche dimostrato, in alcuni studi, di avere un'attività antiasmatica consentendo di diminuire le dosi di corticosteroidi.

L'applicazione esterna di unguenti, creme o oli a base di eucalipto sembra invece efficace per calmare i dolori reumatici.

La sua azione disinfettante si esplica anche a livello del cavo orale, dove sembra proteggere dalla carie.

Infine l'eucalipto agisce come repellente per gli insetti.

Perché si usa

Si usa come antisettico e antinfiammatorio, per ridurre l'asma e il catarro nelle infezioni delle vie aeree.

È inoltre presente in numerosi prodotti per la disinfezione della bocca e della gola, in preparati per contrastare i dolori reumatici e per proteggersi dalle punture d'insetto.

Come si usa

Dell'eucalipto si utilizzano l'estratto o l'olio essenziale in preparazioni da sciogliere in bocca, da inalare, da spalmare o spray. È presente anche in colluttori e dentifrici.

Effetti indesiderati

Può provocare nausea, vomito e diarrea. L'olio essenziale di eucalipto è tossico anche a piccole dosi e non va ingerito. Anche la dose di un cucchiaino può essere letale.

È controindicato in caso di gastrite o ulcera e problemi renali o epatici. Sulla pelle può provocare irritazioni in soggetti sensibili.

Precauzioni

L'eucalipto è sconsigliato in gravidanza e allattamento. Per uso interno o inalazione è sconsigliato anche nei bambini di età inferiore ai 6 anni perché può dare broncospasmo.

I casi riportati di soffocamento però sono dovuti principalmente all'ingestione accidentale della sostanza lasciata nei diffusori di essenze.

Interazioni

L'azione dell'eucalipto può incrementare quella dei Fans (antinfiammatori non steroidei). Alcuni studi inoltre suggeriscono che l'eucalipto interviene nell'attività enzimatica del citocromo P450 e potrebbe accelerare il metabolismo dei farmaci da questo metabolizzati.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Sannia1 Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Come si fa a curare la tosse grassa?

Tosse grassa cause e rimedi a

La tosse grassa è caratterizzata dalla presenza di catarro del quale va aiutata l'eliminazione. Ecco come curarla.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PIANTE OFFICINALI
Torna su