Pubblicità

Sinusite: cause, sintomi, rimedi

È l’infiammazione della mucosa che riveste i seni paranasali, piccole cavità scavate nelle ossa del volto in corrispondenza degli zigomi, della fronte, della mascella e ai lati del naso.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 11 minuti
Sinusite: cause sintomi rimedi

È l’infiammazione della mucosa che riveste i seni paranasali, ossia piccole cavità piene d’aria scavate nelle ossa del volto in corrispondenza degli zigomi, della fronte, della mascella e ai lati del naso.

Che cos’è

La sinusite è l’infiammazione della mucosa che riveste i seni nasali o paranasali, ossia piccole cavità piene d’aria scavate nelle ossa del volto in corrispondenza degli zigomi, della fronte, della mascella e ai lati del naso.

L’infiammazione è causata dall’abbondante produzione di muco, che ristagna provocando un’ostruzione nasale; si tratta di una condizione abbastanza frequente che si verifica solitamente dopo un raffreddore, un attacco allergico o a causa di irritazioni dovute a fattori ambientali.

Esistono tre forme di sinusite:

  • acuta
  • cronica
  • ricorrente.

Si parla di forma acuta se dura non più di tre settimane, cronica, se persiste per almeno tre mesi e ricorrente se si hanno più di tre o quattro episodi acuti in un anno.

A seconda poi della sede, si distinguono sinusiti mascellari, frontali, etmoidali e sfenoidali.

Cause

In genere le cause di sinusite sono da collegare a complicazioni di una comune rinite, detta anche raffreddore, e possono essere di tipo batterico virale, allergico o, anche se più raramente, da ricondurre alla presenza di funghi a livello delle prime vie respiratorie.

La forma batterica è probabilmente la più comune e generalmente si identifica con sintomi che peggiorano dopo la prima settimana e che persistono per oltre dieci giorni, se la gravità della sua manifestazione è superiore a una qualsiasi causa virale e se l’uso di decongestionanti non comporta alcun beneficio.

Di minore intensità e durata è invece di norma la forma virale.

La mucosa dei seni paranasali di fronte all’infezione, si infiamma, si gonfia e produce grandi quantità di muco che rimane intrappolato nelle cavità. Si forma così un ambiente ideale per la proliferazione dei microrganismi.

L’insorgenza della sinusite è favorita anche dalla presenza di condizioni predisponenti dell’individuo stesso quali polipi nasali o difetti anatomici (deviazione del setto nasale, ipertrofia dei turbinati) tali da ostacolare il drenaggio e la fuoriuscita di muco dalle cavità nasali.

Tra i fattori che aumentano il rischio di sinusite troviamo inoltre:

  • la compromissione del sistema immunitario (HIV, chemioterapia)

  • particolari tipi di allergia (rinite allergica o febbre da fieno) o altre condizioni mediche che interessano soprattutto le vie aeree (fibrosi cistica o malattia da reflusso gastroesofageo) o che impediscono il corretto funzionamento delle ciglia a livello nasale.

In casi più rari, può dipendere da un’infezione ai denti (granulomi, ascessi) non adeguatamente curata.

Fumo, inquinamento dell’aria e dell’acqua, immersioni subacquee e viaggi in alta quota sono altrettanti fattori di rischio.

Pubblicità

Sintomi comuni

La sua manifestazione caratteristica in fase acuta è la sensazione di pressione sul volto che segue i movimenti del capo accompagnata da un dolore accentuato e localizzato nella zona dove ristagna il muco.

Un dolore alla fronte, per esempio, indica che sono colpiti i seni frontali, se invece interessa la mascella, l’arcata dentale superiore e le guance può indicare che sono affetti i seni mascellari.

Altri sintomi sono:

  • naso chiuso
  • abbondante secrezione di muco giallo-verdastro
  • stanchezza
  • gonfiore e dolore facciale soprattutto a livello della fronte e intorno a guance e occhi
  • tosse con catarro
  • mal di gola
  • mal d’orecchie
  • mal di denti
  • alterazione del gusto e dell’olfatto (iposmia)
  • alitosi
  • vertigini.

Anche l’età gioca un ruolo importante nel determinare il quadro clinico. I bambini più piccoli infatti lamentano spesso sintomi molto simili a un comune raffreddore (naso chiuso o che cola, febbre leggera) mentre durante il periodo adolescenziale è più comune la tosse secca, febbre, congestione che si intensifica, mal di denti, agli orecchi e dolore al volto. Talvolta è possibile che presentino anche mal di stomaco, nausea, mal di testa e dolore in zona oculare.

A volte la febbre è presente anche tra gli adulti abbinata a uno stato generale di malessere.

La sinusite cronica dà invece disturbi di grado variabile anche se di norma più sfumati ma costanti, come pesantezza alla testa che si traduce spesso in vera e propria cefalea e difficoltà a respirare col naso.

Complicazioni

Le complicanze più serie riguardano soprattutto le forme croniche e purulente. Tra le principali troviamo:

Talvolta, in situazioni più rare, ma più gravi, la sinusite può comportare l’insorgenza di neuriti ottiche, meningite, trombosi del seno cavernoso e longitudinale oltre che complicazioni oculari soprattutto nella prima infanzia. Nelle persone asmatiche inoltre, la sinusite può determinare un aggravamento dei sintomi respiratori mentre, soprattutto nelle forme acute, può sovrapporsi con infezioni all’orecchio.

Le cure

Molte delle infezioni acute dei seni paranasali si risolvono con trattamenti di auto-medicazione e portano alla completa guarigione.

Soprattutto alla prima manifestazione, per liberare le cavità dal muco si consigliano rimedi naturali in particolar modo attraverso fialette monodose o spray nasali salini non medicati a base di soluzione fisiologica (utile solo per il lavaggio) o ipertonica (con effetto decongestionante).

A questi, a seconda delle necessità, vanno ad aggiungersi:

  • inalazione di vapore caldo (aerosol)
  • cure termali a base di cicli annuali di crenoterapia
  • suffumigi con oli essenziali di eucalipto
  • impacchi caldi sulla fronte.

Anche l’assunzione di abbondanti liquidi sembrerebbe avere un effetto positivo nell’alleviare la sintomatologia e il grado di infiammazione andando a fluidificare le secrezioni nasali e contribuendo all’eliminazione degli agenti infettivi per azione meccanica.

Nelle forme più gravi, croniche o ricorrenti è invece opportuno intervenire farmacologicamente tenendo presente la causa scatenante in modo da ottimizzare l’efficacia delle cure.

I casi virali di sinusite solitamente non richiedono alcuna terapia precisa benché gocce o spray nasali medicati con vasocostrittori ad azione decongestionante siano molto usati, a volte anche attraverso la combinazione di più principi attivi. È importante ricordare come il loro uso deve tuttavia essere interrotto dopo 6-7 giorni di uso consecutivo per evitare ricadute.

Rigorosamente su consiglio del medico e quando la sinusite è di origine batterica potrebbero essere indicati gli antibiotici da assumere per otto o dieci giorni, magari associati a cortisonici e mucolitici anche per aerosol.

Amoxicillina, doxiciclina e sulfametoxazolo-trimetroprim sono quelli maggiormente consigliati e prescritti soprattutto a pazienti con sinusite cronica, con dolore e fastidio al volto che non migliora dopo la prima settimana di terapia con semplici decongestionanti oppure in caso di sintomi gravi da rinosinusite. Sono in genere da preferire antibiotici a spettro limitato, ovvero attivi solo nei confronti di un ristretto numero di batteri, in quanto meno soggetti al fenomeno di resistenza.

Se la terapia antibiotica non si dimostrasse efficace nemmeno con principi attivi ad ampio spettro, di solito è necessario ricorrere a test allergologici o a metodologie di desensibilizzazione.

Opportuni accorgimenti di principio attivo, dose e durata del trattamento sono da tenere presenti in casi di sinusiti pediatriche.

Nel caso di sinusiti di natura allergica può essere opportuna l’assunzione di farmaci antistaminici, sia topici (spray) sia sistemici, sempre su consiglio del medico.

Le formulazioni da banco possono essere utili nel ridurre prurito, starnuti o congestione nasale. Sono disponibili inoltre combinazioni di antistaminici con basse dosi di un decongestionante con buona azione sulla mucosa nasale.

Gli antistaminici, a causa del loro meccanismo d’azione, possono avere effetti sedativi e causare sonnolenza. Sono tuttavia in commercio nuove formulazioni non sedative e, talvolta, disponibili anche in combinazione con decongestionanti per alleviare la sintomatologia oltre che gli effetti collaterali complessivi, sedazione inclusa.

Inoltre, per prevenire e alleviare i sintomi da rinite allergica in soggetti predisposti, tra i prodotti da banco troviamo anche spray nasali medicati a base di cortisonici (da prescrizione) da iniziare un paio di settimane prima della stagione allergica senza restrizioni temporali di utilizzo.

In generale, per tenere a bada il dolore è possibile ricorrere ad antinfiammatori o analgesici quali paracetamolo, acido acetilsalicilico o ibuprofene.

Infine, si valuta di ricorrere all’intervento chirurgico quando il controllo dei sintomi attraverso l’approccio naturale e/o farmacologico non ha avuto effetti. La tecnica più comune è di tipo endoscopico e prevede l’uso di un tubicino inserito nella cavità nasale con l’obiettivo di ampliare i canali di drenaggio del muco tra i seni e il naso permettendo il riciclo dell’aria e la fuoriuscita del muco. Nei casi più semplici questo tipo di intervento è eseguito in day-hospital e con anestesia locale.

Per saperne di più sulle terapie per la sinusite leggi questo articolo.

Quando consultare il medico

È importante non trascurare la sinusite in quanto può diventare cronica e, per evitare che l’infezione si diffonda ai tessuti circostanti, il medico andrebbe sempre consultato.

Bisogna rivolgersi in particolare alla figura specialistica dell’otorinolaringoiatra nelle forme gravi di sinusiti e quando disturbi come febbre alta, difficoltà nella respirazione e a percepire gli odori (anosmia), sensazione di costante pesantezza quando si tiene la testa bassa, dolore pulsante alla fronte e all’altezza degli zigomi che aumenta con la pressione, presenza di sangue nel muco, gonfiore al volto, annebbiamento della vista, tosse e voce di timbro nasale durano per più di due settimane.

Per chi vuole curarsi in modo naturale, esistono anche validi rimedi erboristici: Sinusite: rimedi naturali per curarla

VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore influenza antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su