Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 18 minuti
Pubblicato: 29 Gennaio 2013 Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2020
Sinusite, raffreddore, mal di testa

Sinusite e mal di testa: come comportarsi?

Affrontarli insieme per alleviare i sintomi e prevenire le ricadute.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Affrontarli insieme per alleviare i sintomi e prevenire le ricadute.

Chi soffre di sinusite (più propriamente detta rinosinusite) sa fin troppo bene che il mal di testa è uno sgradito compagno frequente, se non immancabile, dell’infiammazione dei seni paranasali, specie nei momenti di maggiore congestione.

L'associazione è talmente conosciuta da avere un nome proprio: mal di testa da sinusite.

Chi ne è colpito si trova alle prese con un dolore sordo e pulsante alla parte superiore del volto causato dall'aumento della pressione nei seni paranasali, piccole camere vuote localizzate dietro a naso, occhi e guance comunicanti con le cavità nasali.

I seni paranasali producono il muco, sostanza più o meno densa che aiuta a bloccare l'ingresso nel corpo di germi o particelle presenti nell'aria.

L'eliminazione del muco è consentita da piccole strutture, le ciglia, che lo spingono fuori dai seni in modo che possa essere espulso attraverso il naso.

La comunicazione tra naso e seni paranasali permette quindi la normale circolazione del muco. Tuttavia, in caso di infezioni del tratto respiratorio superiore – come può ad esempio succedere quando si prende un comune raffreddorei gonfiori associati all'infiammazione possono restringere il punto di passaggio.

La pressione nei seni paranasali aumenta di conseguenza, portando alla comparsa dei sintomi della sinusite e, se è molto alta, al mal di testa. 

Raffreddore o sinusite?

Spesso il “classico” raffreddore viene scambiato per una sinusite, e viceversa. Si tratta infatti di disturbi in apparenza simili, che in alcuni casi necessitano dell’occhio esperto del medico per essere distinte. Vediamo di seguito le principali differenze.


Raffreddore
Sinusite
Durata
5-7 giorni
2-3 settimane
Aspetto del muco
Limpido e fluido
Giallo-verdognolo
Sintomi tipici

Congestione nasale

Naso che cola

Congestione nasale

Dolore al viso

Mal di testa

Cos'è la sinusite?

La sinusite è un'infiammazione dei seni paranasali.

Questo disturbo può presentarsi in diverse forme. In particolare, viene definita “acuta” la sinusite che dura tra le due e le tre settimane. Sinusiti che durano per più di 12 settimane vengono definite croniche.

Le infiammazioni dei seni paranasali “ricorrenti”, infine, colpiscono con più attacchi nel corso dell'anno.

Spesso la sinusite acuta inizia con un raffreddore; i virus possono infatti far gonfiare i tessuti di rivestimento dei seni paranasali, che rispondono all'aggressione del microbo producendo più muco.

Quest'ultimo rimane però bloccato a causa del gonfiore, creando un ambiente fertile per i batteri. Il raffreddore può così evolvere in un'infezione di origine batterica.

Le cause della sinusite cronica non sono invece solo infettive, ma possono entrare in gioco anche fattori diversi dai microbi, ad esempio una rinite allergica, problemi al naso (come alterazioni anatomiche, per esempio una deviazione del setto nasale presente dalla nascita o causata da traumi) e malattie o disturbi di salute come polipi che bloccano i seni paranasali. La sinusite con polipi nasali è la forma che più spesso recidiva e si associa ad asma e allergie

Persino un forte sbalzo di temperatura o della pressione dell'aria può scatenare il problema, mentre l'uso eccessivo di decongestionanti nasali in spray, il fumo di sigaretta e le immersioni in acqua possono aumentare il rischio di svilupparlo.

La prevenzione della sinusite passa, insomma, dalla lotta a qualsiasi fattore che potrebbe causare rigonfiamenti o impedire alle ciglia di convogliare il muco verso il naso.

Il sintomo più tipico della sinusite è probabilmente la respirazione ostacolata dal naso chiuso; a questo problema si possono aggiungere febbre, debolezza, affaticamento, malessere, tosse che può peggiorare di notte e ostacolare il sonno, secrezioni nasali purulente giallo-verdastre, perdita di sangue dal naso (epistassi), nausea e riduzione di olfatto e gusto.

A volte il muco in eccesso può scendere fin nella gola; altre volte, invece, ai classici sintomi della sinusite si aggiungono anche un odore cattivo in bocca, dolori ai denti (soprattutto in caso di sinusite mascellare) o una forma particolare di mal di testa.


Pubblicità

I sintomi del mal di testa da sinusite

Il mal di testa da sinusite si presenta infatti come un dolore che pulsa costantemente localizzato non solo a livello della fronte, ma anche a livello facciale, attorno a occhi e guance.

In genere ad essere colpita è solo metà volto e il fastidio è più intenso nelle prime ore della giornata.

In effetti la cefalea da sinusite compare soprattutto al mattino, o quando si resta in posizione sdraiata e tende ad attenuarsi durante la giornata, peggiorando però quando ci si china.

A scatenarla concorrono infatti l’accumulo di secrezioni mucose nelle cavità paranasali e l’aumento della pressione che si verifica quando si assumono certe posture.

Ecco perché il mal di testa può essere accompagnato (ma non sempre) da dolore o sensazione di oppressione intorno agli occhi, nella zona degli zigomi e sulla fronte e da mal di denti a livello dell’arcata superiore.

Il dolore può diventare più intenso ad ogni movimento della testa, e anche forti sbalzi di temperatura possono acuirlo.

Nelle situazioni più complicate i fastidi possono arrivare a coinvolgere anche altri punti della testa; in più il volto può sembrare gonfio e diventare sensibile al tatto.

In alcuni casi i fastidi sono simili a quelli di un'emicrania o di una cefalea associata a stress o a problemi alla cervicale. Per questo può capitare di sbagliare diagnosi e confondere diversi tipi di mal di testa.

Nel caso di quello associato alla sinusite, però, i dolori si sommano ai sintomi della sinusite in quanto tale: abbondante produzione di muco (a volte giallo o verdognolo) e febbre.

Per tutti questi motivi, mantenere le vie nasali il più possibile libere è essenziale, non soltanto per evitare il peggioramento di questa patologia e lo sviluppo di gravi complicanze della sinusite come la cellulite orbitaria, ma anche per alleviare il dolore alla testa che l’accompagna.

Quando andare dal medico?

Una sinusite può durare molto più dell’ostruzione nasale associata a un raffreddore, e quando è associata a un'infezione batterica può essere particolarmente difficile da curare.

Inoltre i seni paranasali possono sviluppare ripetutamente un processo infiammatorio a causa di allergie, facendo ricomparire continuamente anche il mal di testa da sinusite.

Nelle situazioni in cui il problema è persistente e dura per più di una settimana, o se dovesse peggiorare o ripetersi, è bene rivolgersi al medico per dei consigli.

In caso di infezioni batteriche potrebbe infatti essere necessaria una terapia antibiotica; in caso di allergia potrebbero invece essere prescritti degli antistaminici.

Infine, il medico potrebbe prescrivere spray o gocce a base di cortisonici o una visita medica presso un otorinolaringoiatra, che in casi estremi potrebbe anche suggerire di sottoporsi a interventi mirati per migliorare il drenaggio dei seni parasanali.

Come gestire il mal di testa da sinusite a casa

Nel caso in cui i sintomi del mal di testa da sinusite fossero lievi potrebbe invece essere sufficiente una terapia a base di riposo, idratazione abbondante, decongestionanti nasali e, se necessario, antidolorifici.

Sia alcuni decongestionanti nasali che alcuni antidolorifici possono essere acquistati in farmacia senza che ci sia bisogno della prescrizione di un medico.

È però importante ricordare che gli antidolorifici alleviano i fastidi senza agire sulla loro causa; in altre parole, non sono una cura per la sinusite che è all'origine del mal di testa.

L’uso di decongestionanti dovrebbe invece essere valutato insieme con il medico, soprattutto se si tratta di sinusite su base allergica, durante la gravidanza e l'allattamento, e quando il naso chiuso è quello dei bambini.

Qualche consiglio pratico

Per ridurre la pressione del muco e facilitarne il drenaggio è necessario mantenere un giusto grado di umidità sia nell’ambiente esterno sia nel nostro organismo.

Perciò, è necessario anzitutto umidificare l’aria, meglio se con un umidificatore. Ma vanno bene anche i sistemi tradizionali, come recipienti riempiti con acqua bollente o appositi contenitori dell’acqua sui caloriferi.

Anche bagni e docce calde sono indicati: il calore e il vapore inalato aiutano a fluidificare le secrezioni nasali e a espellerle.

Pubblicità
Impacchi caldi sulla zona intorno agli occhi, sulle guance e sulla fronte aiutano il distacco del muco accumulato.

Per provare dei benefici può bastare anche un asciugamano caldo: appoggiarlo sulla zona dolente per pochi minuti più volte al giorno può aiutare a trovare sollievo.

Bere molto aiuta invece a idratare le secrezioni, fluidificandole e facilitandone l’eliminazione. E per quanto riguarda l'alimentazione, è sempre bene garantirsi una dieta sana ricca di frutta e verdura

Leggi anche Sinusite sintomi, cause, rimedi

Liberare le vie aeree superiori

In ogni caso, l'obiettivo da raggiungere con le cure è mantenere il più possibile libere le vie respiratorie superiori.

Anche eseguire irrigazioni nasali può essere utile per favorire l’eliminazione del muco, e non solo, anche di eventuali pollini e altri irritanti.

Si possono utilizzare diverse soluzioni saline per lavaggi nasali e soluzioni a base di acqua di mare già pronte che si trovano in farmacia.

Anche alcuni oli essenziali, come quello di melaleuca, possono essere utilizzati poiché agiscono sulle vie nasali.

In alternativa si possono utilizzare suffumigi, ovvero inalazioni di vapore da un recipiente colmo di acqua bollente, che aiutano a drenare le vie aeree, ridurre la congestione e alleviare dolore e tensione al viso.

All’acqua possono essere aggiunte erbe aromatiche (zenzero, aglio pestato con aceto di mele, eucalipto, timo, gemme di pino, camomilla).

Vanno altrettanto bene gli inalatori, usati con oli essenziali naturali (lavanda, eucalipto, elicriso, propoli), limone, camomilla e bicarbonato o l’aerosol. Anche le cure termali in centri specializzati sono indicate come rimedio per la sinusite.

Infine, i farmaci mucolitici possono essere d’aiuto per fluidificare il muco e quindi facilitarne la rimozione dai seni paranasali.


Ridurre l’infiammazione calma il dolore

Specie in caso di sinusiti acute, per ottenere la guarigione può essere necessario utilizzare farmaci analgesici antinfiammatori, che agiranno sia sulle mucose congestionate, riducendo l’infiammazione e quindi il gonfiore, sia sulla cefalea.

E le vie aeree superiori risulteranno più facili da liberare evitando il ristagno di muco, causa di facili ricadute di sinusite.

L’uso di decongestionanti dovrebbe invece essere valutato insieme con il medico, soprattutto se si tratta di sinusite su base allergica.

Un’ultima opzione terapeutica è rappresentata dalla chirurgia. Infatti, nel caso la sinusite non si risolva e diventi cronica, può essere valutata con il proprio medico anche la possibilità di sottoporsi a un intervento chirurgico. 


Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Sinusite: rimedi naturali per curarla


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
Iconinstagramw 6c7b34da78053ba415ffc420808bcd527a9d6f02a55181b3833981e943f89e87
CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI TESTA"
VIDEO

Antidolorifici, conoscerli per usarli al meglio

Foto corrado giua

Ne esistono diversi tipi e non tutti agiscono alo stesso modo. Intervista al farmacologo Corrado Giua.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su