Pubblicità

Eritema: cause, sintomi, rimedi

Lesione della pelle molto comune caratterizzata da rossore e gonfiore che scompaiono durante la compressione.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Eritema rimedi

Che cos’è

L’eritema è una lesione della pelle molto comune e si caratterizza da rossore e gonfiore che scompaiono durante la compressione.

A provocare queste manifestazioni, che possono essere diffusi o localizzati, è un fenomeno di vasodilatazione.

Di solito è accompagnata da prurito e talvolta da essudazione o pustole. Anche le manifestazioni cutanee di morbillo, rosolia o scarlattina si possono definire eritemi.

Clicca il link se vuoi saperne di più sulle dermatiti da pannolino

Cause

A volte la causa non è individuabile, negli altri casi è dovuto a infezioni, per esempio da herpes, oppure a una reazione di ipersensibilità verso alcuni farmaci, ai vaccini oppure a fattori ambientali, come per esempio il sole.

Sintomi comuni

Si manifesta con bolle o vescicole o ponfi che emergono dalla pelle arrossata e pruriginosa. Possono riguardare mani, piedi, caviglie, polsi, oppure labbra e cavo orale.

Sulla pelle talvolta hanno la forma rialzata di ciambella, all'interno rossa e con una vescica.

Si può accompagnare a febbre, malessere e dolori articolari.

Diagnosi

Per individuarlo si considerano la simmetria delle manifestazioni eritematose e la presenza delle cause scatenanti, cioè la presenza di infiammazioni virali o batteriche che possono coinvolgere la pelle.

Pubblicità

Complicazioni

Una delle complicanze più gravi è la sindrome di Stevens-Johnson, forma di eritema molto grave che provoca la comparsa di bolle a livello della bocca, della gola, dell'area genitale e anale, degli occhi che sono accompagnate da febbre e difficoltà di deglutizione e di vista che possono essere anche fatali.

Le cure

Spesso non sono necessarie terapie vere e proprie, ma è sufficiente attendere che l’eritema passi da solo.

Quando se ne individua la causa bisogna fare in modo da eliminarla.

Se l'eritema è molto esteso si sono dimostrati utili i farmaci corticosteroidi sistemici.

Quando invece l'eritema è conseguenza dell'esposizione al sole, bisogna evitare l'esposizione delle parti interessate ai raggi UV.

Quando consultare il medico

Quando compare un eritema molto esteso, assieme a febbre, oppure se colpisce la mucosa orale o genitale è sempre meglio rivolgersi al medico o al dermatologo, che può valutarne le possibili cause e i rischi connessi e consigliare la terapia più adeguata.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Come faccio a far passare in fretta l’eritema solare?

Rimedi eritema solare

L'eritema solare è una reazione infiammatoria della pelle provocata dall'eccessiva esposizione i raggi solari. Ecco come attenuarne i sintomi.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Pantenolo, vitamina multitasking

  • Fotolia 40613763 s

    Sederini arrossati, no problem

    Se affrontate per tempo, le irritazioni da pannolino, chiamate anche dermatiti, si possono risolvere senza problemi. Il pantenolo è dotato di attività rigenerante e lenitiva dell'epidermide. In pratica, non soltanto previene gli arrossamenti, ma allevia i sintomi quando il sederino è già irritato e favorisce il naturale processo di rigenerazione dell'epidermide.

  • Fotolia 50527591 s

    Scottature solari

    Irritata, arrossata e sensibile: così appare la pelle dopo una giornatadi mare. Alla sera, una crema a base di pantenolo aiuta, da un lato, a raffreddare e a lenire il fastidio provocato dalla piccola ustione e, dall’altro, a prevenire ulteriori danni al tessuto cutaneo. Anche in questo caso, la provitamina idrata e favorisce il naturale processo di rigenerazione della cute.

  • Fotolia 42637730 s

    Anti-smagliature in gravidanza

    Dopo nove mesi con il pancione ci si può scoprire a fare i conti con le smagliature della pelle. Per questo è importante, dai primi mesi e fin dopo il parto, applicare creme a base di pantenolo: migliorano l’elasticità della pelle e aiutano a ridurre la comparsa delle smagliature.

  • Fotolia 51649704 s

    Protezione del seno

    Allattare è un’esperienza meravigliosa. A patto che non lasci brutti ricordi intorno al capezzolo. In caso di arrossamenti e irritazioni, si possono usare creme a base di pantenolo: vanno applicate dopo ogni poppata, avendo cura di detergere accuratamente le mammelle prima della poppata successiva.

  • Fotolia 52541674 s

    Tatuaggi, che passione

    È un uso non ufficiale del pantenolo, ma sui siti di settore e nei blog se ne parla molto. In pratica, dopo aver fatto un tatuaggio, la pelle appare arrossata e irritata. In molti hanno visto che applicando una crema a base di pantenolo il disturbo guarisce più in fretta. Non esistono però prove scientifiche di questo utilizzo. Per cui è sempre bene chiedere un parere al medico o al farmacista prima di applicarlo.

  • Fotolia 48015407 s

    Naso raffreddato, pelle irritata

    Dopo un raffreddore non è raro ritrovarsi con la pelle del naso e del labbro superiore arrossata e screpolata. In questi casi può aiutare l’applicazione di creme contenenti pantenolo che, in virtù delle sue proprietà lenitive e rigenerative della cute, manda via il fastidio in poco tempo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su