Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Abbronzatura salute pelle

Abbronzatura

L’abbronzatura consiste nell’aumento di pigmentazione della pelle e serve per proteggerla dai raggi del sole.

Che cos'è

L'abbronzatura è un'aumentata pigmentazione della pelle dovuta alla produzione di melanina da parte di alcune cellule dell'epidermide, i melanociti. Viene stimolata dai raggi ultravioletti (UVA e UVB) che compongono la radiazione luminosa.

Effetti

La produzione di melanina protegge la pelle dai danni causati dagli ultravioletti.

Mentre ci si abbronza i raggi ultravioletti stimolano anche la sintesi di vitamina D, utile per il benessere e l'accrescimento delle ossa, la circolazione e l'attività dei globuli bianchi e disinfettano la cute.

Complicazioni

Un'esposizione prolungata può causare eritemi solari (scottature). I raggi UVA trasmettono calore, causando un aumento della temperatura che rompe i capillari e distrugge il collagene e l'elastina, con formazione di bolle, edemi e, nei casi di ustione più grave, spellature e fuoriuscita di liquido.

La conseguenza principale è un precoce invecchiamento cutaneo, con disidratazione e formazione di rughe. Gli UVB sono ancora più dannosi, perché oltre a causare eritemi danneggiano il DNA, aumentando il rischio di melanomi, tumori cutanei.

Se, invece, la protezione non è sufficiente possono comparire discromie (macchie cutanee), come le lentigo senili.

Asciugarsi al sole dopo un bagno può favorire scottature e disidratazione a causa dell'effetto lente delle goccioline d'acqua. Anche le superfici riflettenti (acqua, neve, sabbia) aumentano la quantità di raggi cui si è esposti.

I raggi UV possono danneggiare cornea, retina e cristallino. I sintomi sono dolore corneale, fotosensibilizzazione, lacrimazione e spasmo delle palpebre.

Infine, gli ultravioletti accelerano la crescita dei peli.

Precauzioni

Bisogna evitare di esporsi al sole quando la radiazione è più intensa, cioè nella tarda mattinata e nel primo pomeriggio.

È bene abituare gradualmente la pelle al sole, perché soltanto dopo circa una settimana inizia a formarsi un'abbronzatura duratura. Stando, poi, in movimento le radiazioni si distribuiscono in modo omogeneo su tutto il corpo.

È indispensabile proteggere la pelle con un filtro solare adeguato al proprio fototipo, meglio se resistente all'acqua. Ne esistono in crema, gel, latte, spray e acqua solare.

Gli oli hanno, in genere, un fattore di protezione basso e sono controindicati per le carnagioni chiare. Gli autoabbronzanti, invece, non proteggono dalle radiazioni. Indossare occhiali da sole aiuta a proteggere gli occhi.

Dopo l'esposizione ai raggi UV è necessario idratare la pelle con una crema o un doposole rinfrescante e lenitivo.

Anche l'alimentazione aiuta a idratare la pelle; largo, quindi, a peperoni, agrumi e kiwi, che contengono vitamina C, uova e broccoli, ricchi di vitamina E e vegetali a polpa rossa o gialla, che riforniscono di vitamina A e beta-carotene.

Queste considerazioni valgono anche per le lampade abbronzanti. Nonostante quelle più moderne siano dotate di filtri che limitano molto l'esposizione agli UVB i rischi che si corrono sono gli stessi dell'abbronzatura naturale.

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Garonzi
Francesco Garonzi
Dermatologo2


Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Come faccio a far passare in fretta l’eritema solare?

Rimedi eritema solare

L'eritema solare è una reazione infiammatoria della pelle provocata dall'eccessiva esposizione i raggi solari. Ecco come attenuarne i sintomi.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI BELLEZZA
Torna su