Pubblicità

Dolcificanti

I dolcificanti, o edulcoranti, possono essere di origine naturale o sintetica, ed avere potere dolcificante e calorico differente

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
Dolcificanti vantaggi dimagrire

Che cosa sono

I dolcificanti, o edulcoranti, sono sostanze ampiamente utilizzate perché in grado di conferire sapore dolce agli alimenti e alle bevande.

In campo farmaceutico sono fondamentali nella formulazione degli sciroppi e per rendere più gradevoli alcuni farmaci assunti per via orale.

In commercio sono presenti un gran numero di edulcoranti con origini e proprietà differenti.

Classificazione

I dolcificanti possono avere origine naturale o sintetica. Per caratterizzarli si considerano alcuni valori come l’indice glicemico, l’apporto calorico, il potere dolcificante e l’azione cariogena.

Principali dolcificanti naturali

Saccarosio o zucchero da cucina. Ottenuto dalla canna o dalla barbabietola da zucchero è usato come standard di riferimento per caratterizzare gli altri dolcificanti, naturali e sintetici.

Al saccarosio si attribuisce un potere dolcificante pari a 1, valore scelto per consentire un più facile confronto con gli altri edulcoranti.

Il saccarosio è formato da una molecola di fruttosio e una di glucosio. La sua assunzione inevitabilmente aumenta la presenza di glucosio nel sangue, un effetto da non sottovalutare nei soggetti diabetici.

Risulta cariogeno. Ha elevato potere calorico: 100 grammi di zucchero corrispondono a 392 Kcal.

Fruttosio: è presente nel miele e in molti frutti. Viene raffinato e venduto sotto forma di cristalli bianchi. Ha un potere dolcificante 1,5 volte più alto di quello del saccarosio.

Viene trasformato in glucosio nel fegato. Perciò, sebbene il metabolismo del fruttosio sia indipendente dall'insulina, se ne assumiamo oltre 40 grammi in un giorno viene convertito in glucosio e determina un aumento della glicemia.

L’azione cariogena del fruttosio è inferiore rispetto a quella del saccarosio o del glucosio, ma comunque non trascurabile.

Glucosio o destrosio: è una molecola organica fondamentale in quanto è la principale fonte di energia per gli organismi viventi.

Nell’organismo il suo utilizzo viene controllato dall’insulina. Il glucosio in eccesso è conservato nel fegato e nei muscoli sotto forma di glicogeno, un polisaccaride che viene degradato per produrre energia in caso di bisogno.

Ha un elevato indice glicemico, quasi due volte maggiore rispetto al saccarosio. In commercio si trova anche liquido, simile a uno sciroppo denso e molto dolce.

Miele: è un liquido denso che viene prodotto dalle api in diverse varietà. È un alimento energetico perché contiene zuccheri semplici come glucosio e fruttosio e nutriente perché contiene vitamine, enzimi, oligominerali.

Grazie al contenuto in fruttosio, il miele presenta un potere edulcorante superiore rispetto al saccarosio. Fornisce meno calorie: 304 Kcal per 100 grammi.

L’indice glicemico del miele varia a seconda dei fiori da cui deriva ma, generalmente, è minore di quello del saccarosio.

Lattosio: è formato da glucosio e galattosio ed è conosciuto come lo zucchero del latte. Presenta un potere edulcorante e un indice glicemico inferiori a quelli del saccarosio.

Xilitolo, sorbitolo, mannitolo: detti polioli, sono alcoli degli zuccheri presenti in natura. Sono impiegati frequentemente come edulcoranti in bevande o in dolciumi non cariogeni, quali chewingum, caramelle, cioccolato.

Utilizzati in colluttori, sciroppi per la tosse, dentifrici, pasticche per la gola.

Lo xilitolo ha una dolcezza pari a quella del saccarosio, a differenza del sorbitolo e del mannitolo che hanno un potere edulcorante inferiore. Forniscono un numero di calorie inferiore al saccarosio.

Sono assorbiti lentamente dall’intestino, dove possono dar luogo a processi fermentativi. Non bisogna superare la dose di 20 grammi/dì, in quanto potrebbero avere effetti lassativi.

Zucchero di canna integrale: si ottiene dalla canna da zucchero, ma a differenza dello zucchero raffinato contiene vitamine, sali minerali e una minore percentuale di saccarosio.

Il potere calorico è di poco inferiore a quello del saccarosio: 100 grammi di zucchero integrale di canna forniscono 356 Kcal. Le altre caratteristiche sono simili a quelle dello zucchero tradizionale.

Principali dolcificanti sintetici

Nati in laboratorio dall’esigenza di dolcificare alimenti speciali per diabetici, si sono poi affermati come edulcoranti per alimenti dietetici grazie al loro ridotto apporto calorico.

Il potere edulcorante è talmente elevato che piccolissime quantità sono in grado di conferire il sapore dolce con minimo apporto calorico.

Il potere edulcorante di aspartame e acesulfame, per esempio, è 200 volte e quello della saccarina è 300-500 volte quello del saccarosio.

Dolcificanti artificiali: fidarsi è bene?

La Comunità Europea ne autorizza l’utilizzo, ma consiglia di non superare la dose giornaliera ammissibile (DGA): 40 mg/kg di peso corporeo per l’aspartame, 5 mg/kg per la saccarina, 9 mg/kg per l’acesulfame.

Un uso concomitante di bustine o compresse di dolcificante, bevande light, farmaci o caramelle contenenti questo tipo di edulcoranti potrebbe far superare facilmente le dosi.

Al momento gli effetti tossici e cancerogeni non sono stati comprovati sull’uomo, ma la discussione sulla loro sicurezza è ancora animata.

Attenzione particolare va rivolta all’aspartame. Durante il metabolismo viene scisso nei due amminoacidi che lo compongono, l’acido aspartico e la fenilalanina. Persone con fenilchetonuria, incapaci di metabolizzare la fenilalanina, possono incorrere in problemi di salute molto seri.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Sette trucchi per digerire meglio

  • Digerire pranzo stress

    Mangia con calma

    La fretta è il peggior nemico della digestione. Meglio prendersi il tempo necessario per mangiare e masticare con calma, boccone dopo boccone. Meglio evitare quindi il panino ingurgitato in fretta e furia al bancone del bar perché è il modo migliore per sentirlo andare su e giù per tutta la giornata. Se possibile, nella pausa pranzo, vanno evitate anche le fonti di stress. Quindi niente discussioni di lavoro, almeno a tavola.

  • Digestione pantaloni

    Evita le cinture che “strizzano” la vita

    Almeno un merito la tanto vituperata moda dei pantaloni “a vita bassa” ce l’ha: lascia libero lo stomaco da inutili costrizioni, facendo appoggiare le cinture o fasce sui fianchi. Chi invece preferisce vestirsi in modo più classico deve orientarsi verso tagli più morbidi e tessuti meno rigidi. E le donne che indossano gonne o shorts e collant dovrebbero evitare di posizionare gli elastici proprio all’altezza dell’ombelico.

  • Digerire fritto

    Stai lontano dai cibi grassi

    Fritti e condimenti a base di burro sono tra gli alimenti più difficili e lunghi da digerire. Lo stomaco deve lavorare un bel po’ prima di riuscire a smaltirli. Chi soffre di problemi digestivi deve quindi evitare, a pranzo e a cena, di mettere troppi grassi nel piatto.

  • Pennicchella digestione

    No alla pennichella

    Dopo un pranzo abbondante, a volte anche dopo un pasto leggero, viene l’abbiocco. Non è nulla di grave: il sangue scorre copioso verso lo stomaco, per favorire la digestione, e diminuisce l’afflusso al cervello. Stanchezza, spossatezza, palpebre abbassate sono un fenomeno naturale. Meglio evitare però la classica pennichella se si fa fatica a digerire perché la posizione orizzontale e il sonno non facilitano il lavoro dello stomaco.

  • Acqua digestione

    L’acqua frizzante non serve

    C’è chi pensa che l’acqua gassata aiuti a digerire. Sarebbe bello, ma in realtà è soltanto un’impressione. L'anidride carbonica non ha alcuna proprietà digestiva: le bollicine si limitano a dilatare lo stomaco, favorendo l'espulsione del gas. Ma questo non certo è sinonimo di digestione.

  • Digestione freddo

    Niente sbalzi di temperatura dopo mangiato

    Anche il classico colpo d’aria allo stomaco, così come il tuffarsi in acqua, subito dopo un pasto è un deterrente alla digestione. Il freddo è un ostacolo al lavoro dello stomaco e se per alcune fortunate persone non cambia nulla, per quelli che soffrono di difficoltà digestive può rappresentare un problema.

  • Antiacido

    Un antiacido all’occorrenza

    Se dopo il pasto insorgono bruciori e dolori allo stomaco è molto probabile che ci sia un problema di iperacidità gastrica. Niente di grave, se succede di tanto in tanto. Nella gran parte dei casi può bastare un antiacido, di quelli che si comprano in farmacia senza ricetta medica. Si tratta di sostanze che reagiscono con l'acido cloridrico, neutralizzandolo. Si presentano sotto forma di compresse o granulati, come per esempio i preparati a base di carbonato di calcio e di magnesio. Neutralizzano rapidamente l'iperacidità e sono rimedi efficaci per facilitare la digestione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DIETA
Torna su