Pubblicità

Intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono dovute a un difetto metabolico e, a differenza delle allergie, non coinvolgono il sistrema immunitario. Ecco i dettagli.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
Intolleranze alimentari glutine celiachia

Che cosa sono

Le intolleranze alimentari sono reazioni dell’organismo verso alcuni alimenti o componenti alimentari.

Esse si verificano quando l’organismo non è in grado di assorbire o assimilare correttamente una sostanza. Ciò ne causa un accumulo nel tempo, fino a un livello massimo oltre il quale compaiono i sintomi.

I livelli scatenanti la sintomatologia sono molto soggettivi ed è per questo che le persone che hanno un’intolleranza possono spesso sopportare piccole quantità dell’alimento o del componente in questione senza sviluppare sintomi.

Non vanno confuse con le allergie alimentari il cui meccanismo è legato all’attivazione del sistema immunitario. Per questo, in genere, chi è allergico deve eliminare completamente dalla propria dieta il cibo incriminato, poiché anche piccole quantità scatenano le reazioni immunitarie.

Cause

Le intolleranze vengono suddivise in tre tipologie a seconda della sostanza o del cibo al quale l’organismo reagisce: - intolleranze a sostanze presenti in alcuni alimenti, come per esempio le xantine che si trovano in caffè e tè, che causano sintomi quali tachicardia e acidità gastrica: - intolleranze indotte da additivi presenti nei cibi, quali conservanti, dolcificanti, esaltatori di sapidità, che inducono di solito sintomi come nausea, mal di testa, dolori addominali o asma; - intolleranze dovute a carenza di enzimi digestivi, come quella al lattosio che deriva da una carenza dell'enzima lattasi. In questo caso, in genere, compaiono sintomi a carico del sistema gastrointestinale, come gonfiore, dolori addominali e diarrea

Sintomi

La sintomatologia è simile a quella che compare nelle allergie ed è molto varia. Possono comparire: - gonfiore addominale - meteorismo - stipsi o diarrea - nausea - crampi allo stomaco - cefalee ma anche: - disturbi dell'umore (come depressione e irritabilità) - dolori articolari - mal di gola - bronchiti ricorrenti - asma

Le intolleranze più frequenti

Le due intolleranze più comuni e riconosciute sono quella a zuccheri - soprattutto al lattosio, ma anche al sorbitolo - e quella al glutine.

L'intolleranza al lattosio è dovuta a un deficit dell’enzima che normalmente permette la digestione di tale zucchero che, non essendo per questo motivo assimilato, richiama liquidi per effetto osmotico. Inoltre, nell’intestino fermenta con produzione di gas.

L’intolleranza al lattosio causa quindi disturbi gastrointestinali quale gonfiore, dolore intestinale, meteorismo, diarrea.

Anche il sorbitolo (zucchero presente in natura in molti frutti) può essere, meno frequentemente, causa di intolleranza alimentare.

Queste due intolleranze sono spesso alla base di problemi intestinali cronici come la sindrome del colon irritabile.

L’intolleranza al glutine, proteina presente in molti cereali (quali frumento, segale, orzo) è chiamata celiachia.

Gli individui che ne soffrono non riescono ad assorbire totalmente il glutine: è quindi una disfunzione intestinale e si manifesta con una reazione a questa proteina.

Le pareti di rivestimento dell’intestino tenue si danneggiano e subiscono una riduzione della capacità di assorbire nutrienti essenziali come grassi, proteine, carboidrati, minerali e vitamine.

I sintomi includono diarrea, debolezza, perdita di peso, irritabilità e crampi addominali. Nei bambini, possono manifestarsi sintomi di malnutrizione.

Un'altra intolleranza divenuta piuttosto frequente è quella dovuta ad alcuni additivi alimentari quali determinati coloranti e i solfiti.

Diagnosi

Una corretta diagnosi delle intolleranze alimentari prevede anzitutto il consulto con il proprio medico, per verificare che i sintomi non siano causati da un’altra malattia.

Si deve prestare particolare attenzione al tipo e alla frequenza dei sintomi e al momento preciso in cui si manifestano in relazione al consumo di determinati alimenti.

Il sospetto va posto quando un disturbo, anziché comparire in modo passeggero o saltuario, inizia a presentarsi sempre più frequentemente.

In questi casi la dieta a esclusione può fornire informazioni utili. Si basa sull’eliminazione di un alimento, o di una combinazione di alimenti sospetti, per un periodo di 3 o 4 settimane, durante le quali si deve verificare un netto miglioramento dei sintomi o la loro scomparsa.

Se in questo periodo i sintomi scompaiono, l’intolleranza è dovuta a uno (o più) dei cibi eliminati, che vengono a questo punto reintrodotti nella dieta, uno per volta.

Si inizia con quantità ridotte e le si aumenta gradualmente finché non si raggiungono le dosi normali oppure non si nota la ripresa del sintomo.

Terapia

In genere chi è intollerante a determinati alimenti lo rimane per tutta la vita. È però possibile individuare la dose soglia che scatena la sintomatologia: questo permette di non dover eliminare completamente quel cibo.

Per chi soffre di celiachia esiste una serie di alimenti appositamente studiati: una dieta priva di glutine, infatti, permette all’intestino di ripararsi gradualmente. In questo modo anche i sintomi scompaiono.

Le persone affette da intolleranza al lattosio, invece, hanno una carenza più o meno marcata di lattasi (l’enzima digestivo che scompone lo zucchero) e la quantità di latte e latticini che determina i sintomi di intolleranza è molto variabile.

Molti soggetti intolleranti al lattosio possono per esempio bere un bicchiere di latte senza alcun problema. Analogamente, i formaggi stagionati, che hanno un basso contenuto di lattosio, e i prodotti a base di latte fermentato, come lo yogurt, sono in genere ben tollerati.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Samanta mazzocchi Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Glutine nascosto: i 5 alimenti insospettabili

  • Salsa di soia

    Salsa di soia

    La soia, di per sé, non contiene glutine, ed è quindi un alimento consentito ai celiaci. Lo stesso non vale però per la salsa di soia, tra i cui ingredienti possono esserci orzo o grano, utilizzati per la fermentazione della soia. I celiaci devono quindi fare attenzione a utilizzare solo le varianti “gluten-free” presenti in commercio e disponibili in alcuni ristoranti.

  • Cioccolato

    Cioccolato

    Se di buona qualità, il cioccolato non dovrebbe contenere glutine, ma è possibile che in alcuni casi tra gli ingredienti ci sia la farina di grano o di frumento. È quindi sempre opportuno controllare l’etichetta degli ingredienti, soprattutto se si tratta di prodotti a base di cioccolato che contengono al loro interno un ripieno.

  • Minestra

    Minestre e sughi pronti

    Per la preparazione industriale di questi prodotti viene spesso utilizzata la farina di mais o di frumento come addensante, in modo da renderli più cremosi. Attenzione quindi alla presenza o meno della dicitura “gluten free”.

  • Prosciutto

    Salumi

    Fatta eccezione per il prosciutto crudo, quasi tutti i salumi sono a rischio di contenere glutine, in particolare il prosciutto cotto. La contaminazione arriva principalmente da additivi utilizzati per la salagione.

  • Curry

    Curry

    Il curry in quanto tale è costituito unicamente da spezie ed è quindi da considerarsi sicuro per i celiaci. In alcuni casi vengono però aggiunti aromi, amidi o additivi: in questo caso diventa un alimento a rischio e può essere consumato solo nel caso sia presente la dicitura “senza glutine”.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su