Pubblicità

Dimagrire? Ecco gli sport brucia-calorie

Dimagrire con lo sport, abbinato a una dieta corretta, si può. Ecco quelli che funzionano di più.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Sport calorie bruciate

Scegliere l’attività fisica in base a come e quanto si desidera perder peso? Perché no, ricordando sempre che i risultati si ottengono solo allenandosi con costanza.

Il movimento fa bene alla salute; secondo gli studi più recenti, è anche un fattore protettivo per alcune patologie cardiovascolari e il diabete. Non solo, fare attività fisica, soprattutto all’aperto, contribuisce a scaricare tensioni e stress.

E l’esercizio, se praticato con una certa frequenza, in associazione a un’alimentazione equilibrata, aiuta a dimagrire.

Per muoversi, infatti, il corpo ha bisogno di consumare calorie, che trova soprattutto negli zuccheri dei carboidrati e nei grassi. Più sport facciamo, senza naturalmente incrementare l’introduzione di calorie, più peso perdiamo.

L’attività fisica moderata e costante rassoda i muscoli e la linea ne guadagna in tonicità e armonia delle forme.

Un fisico abituato a essere attivo si mantiene snello anche perché i muscoli continuano a richiedere energia e a bruciarla, cosa che non avviene in presenza di troppa massa grassa.

Insomma, una volta ottenuto il risultato desiderato, si può ben sperare di rimanere in forma. A patto di continuare a muoversi e a nutrirsi in modo sano.

Pubblicità

Sport o dieta?

Per ottenere risultati duraturi e mantenersi in linea non c’è scelta: sport e dieta devono andare di pari passo.

Non è producente, infatti, iniziare una dieta decisamente ipocalorica (pari o al di sotto delle 1.200 calorie al giorno per le donne, pari o al di sotto delle 1.500 calorie al giorno per gli uomini) per ottenere un dimagrimento “lampo”, perché non fornisce nutrienti sufficienti e non può essere protratta nel tempo. Inoltre, l’organismo si abituerà a consumare ancora meno.

Il segreto, invece, è calcolare circa 1.600 calorie per le donne e 2.000 calorie per gli uomini programmando un dispendio energetico quotidiano extra intorno almeno alle 300 calorie.

Quale attività fisica privilegiare

La migliore è quello che piace, diverte, si fa con passione e senza eccessivi costi in termini di organizzazione. Qualsiasi attività è destinata a essere abbandonata in breve tempo se non ci rende, oltre che più magri e tonici, anche psicologicamente sereni. Passiamone in rassegna qualcuna.

  • Ciclismo: può essere adatto a chi ha parecchi chili in più perché il peso del corpo non viene scaricato sulle gambe. Aiuta a controllare la respirazione. Promette gambe e fianchi più snelli. Per avere un’idea di quanta energia si consuma pedalando è necessario incrociare i dati relativi a durata dell’attività, chilometri percorsi e resistenza. Per esempio, pedalare per un’oretta a bassa velocità è un esercizio di sicuro benessere, ma per dimagrire è necessario aumentare lo sforzo e quindi il numero di chilometri percorsi.

  • Nuoto: il beneficio riguarda tutto il corpo, addominali compresi. Oltre ai movimenti, l’acqua crea un effetto massaggio. Lo stile che aiuta a consumare di più è a rana.

  • Sci di fondo: sono le gambe e i glutei a trarre il maggior beneficio, in parte anche le braccia risulteranno più sode.

  • Corsa: corpo asciutto e scattante se si prende l’abitudine di correre ogni giorno per almeno un’oretta. È sufficiente una corsa moderata, la velocità va lasciata a chi è già allenato. Anche in questo caso, come per il ciclismo, più intenso è l’allenamento, più calorie si consumano.

  • Tennis: promette di dimagrire in modo armonioso, a patto di giocare bene. Che non significa emulare Rafael Nadal, ma correre per tutto il campo.

Clicca sulla tabella che trovi qui sotto e scopri la top ten degli sport brucia grassi.

Shamiran Zadnich

Fotogallery

Che cosa succede se potassio e magnesio vanno in riserva

  • Potassio magnesio 4

    Attenti al caldo

    È soprattutto in estate, quando l’afa avanza, che si possono verificare carenze di magnesio e potassio. Ne perdiamo in grandi quantità con il sudore. In questo periodo dell’anno è quindi importante garantire all’organismo adeguate quantità di questi sali minerali, con la dieta e con un’adeguata integrazione.

  • Potassio magnesio

    Stanchezza fisica

    Uno dei primi sintomi della carenza di magnesio e potassio è la stanchezza fisica. Ci si sente spossati senza motivo e non si hanno le forze per godere appieno la bella stagione.

  • Potassio magnesio 2

    Sonnolenza

    Quando i livelli di magnesio e potassio scendono, siamo vittime di colpi di sonno e difficoltà a concentrarci sul lavoro e nello studio. Fondamentale, in questi casi, ricorrere a una corretta integrazione.

  • Potassio magnesio 5

    Crampi muscolari

    Possono insorgere mentre facciamo attività fisica oppure di notte, quando dormiamo. All’origine dei crampi c’è spesso una carenza di magnesio e potassio.

  • Potassio magnesio 3

    Aumenta il rischio ipertensione

    Una delle complicanze a lungo termine più temute della carenza di potassio è l’aumento del rischio di sviluppare ipertensione arteriosa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI BELLEZZA
Torna su