Pubblicità

Bronchite: cause, sintomi, rimedi

È un'infiammazione dei bronchi spesso preceduta da raffreddore o influenza. Si accompagna a tosse con abbondante secrezione di catarro.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 12 minuti
Bronchite cause sintomi rimedi

È un'infiammazione dei bronchi spesso preceduta da raffreddore o influenza. Si accompagna a tosse con abbondante secrezione di catarro.

Che cos’è

È un'infiammazione della mucosa che riveste i bronchi, strutture ad albero che conducono l’aria attraverso i polmoni e che via via si ramificano fino a raggiungere le singole unità funzionali dette alveoli polmonari, il reale luogo di scambio tra ossigeno e anidride carbonica.

La bronchite è spesso preceduta da raffreddore o influenza e si caratterizza principalmente per la presenza di tosse con abbondante secrezione di catarro.

La bronchite, in base alla durata dello stato infiammatorio e alla tipologia di sintomi presentati, può essere acuta o cronica.

La forma acuta è generalmente di breve durata: persiste per alcuni giorni e di norma guarisce spontaneamente senza la necessità di terapie farmacologiche nonostante la tosse possa continuare anche fino a tre settimane. La sua causa principale è da ricondurre a un’infezione virale ed è piuttosto frequente soprattutto in autunno e in inverno.

Quando l’infiammazione si ripete prolungandosi nel tempo e presentando un andamento progressivo, cioè con peggioramento del quadro clinico e dei sintomi, si parla invece di bronchite cronica, condizione tra l’altro tipica della broncopneumopatia cronico ostruttiva (Bpco), una patologia caratterizzata da un'ostruzione irreversibile delle vie aeree, di entità variabile a seconda della gravità. In particolare, si fa diagnosi di bronchite cronica quando la tosse catarrale o “produttiva” si presenta quotidianamente e dura per più di tre settimane all’anno per due anni consecutivi.

Ciò si verifica quando il rivestimento dei condotti bronchiali risulta permanentemente ispessito per costante stato di irritazione e infiammazione. Virus, ma anche batteri, possono facilmente infettare i bronchi irritati e, se questo accade, si assiste a un ulteriore prolungamento e aggravamento dei sintomi.

Diverse sono le metodologie che il medico può applicare per diagnosticare una bronchite. Tra le principali troviamo:

  • auscultazione attraverso stetoscopio per individuare eventuali rumori anomali durante la respirazione

  • radiografia al torace per valutare infezioni più estese e che interessano per esempio i polmoni nel loro complesso (polmonite)

  • TAC se è necessario accertare eventuali anomalie strutturali

  • esami del sangue

  • messa a coltura dell’espettorato per determinare la presenza o meno di batteri

  • spirometria.

Quest’ultima tecnica punta a riconoscere in pochi minuti stati d’asma o enfisema attraverso il soffio all’interno di un apparecchio, detto appunto spirometro, che misura il volume di aria rimasta nei polmoni dopo aver profondamente inspirato ed espirato. È in grado inoltre di determinare la velocità di espirazione.

Sempre basandosi sull’aria emessa, è possibile eseguire il test di provocazione bronchiale, che misura la variazione dei parametri respiratori in seguito all’inalazione di metacolina, che induce broncocostrizione (la reazione è accentuata negli asmatici), o valutare la concentrazione di ossido nitrico esalata, direttamente proporzionale al livello di infiammazione.

Cause

Molte sono le cause della bronchite. Nella forma acuta, nella maggior parte dei casi è da ricondurre a malattie infettive di origine virale soprattutto a carico dei virus di raffreddore e influenza. Più raramente l’infezione è batterica. Solitamente l’infezione in fase iniziale riguarda le vie respiratorie superiori quali laringe e trachea per poi estendersi ai bronchi.

Oltre alla componente virale o batterica, anche alcune sostanze che possono irritare i polmoni e le vie aeree aumentano il rischio di insorgenza della malattia. Tra queste, il principale responsabile di bronchite acuta, ma soprattutto cronica, è il fumo di sigaretta, sia per inalazione diretta sia per esposizione passiva.

Pubblicità

A questo vanno ad aggiungersi altri fattori come inquinamento (causato dal particolato fine dell'aria, le micropolveri, prodotto dalla combustione di idrocarburi, legna o carbone), vapori e gas tossici.

Anche l’età sembrerebbe giocare un ruolo importante. Anziani, lattanti e bambini piccoli sono infatti i soggetti più esposti e a maggior rischio di bronchite acuta.

Inoltre, basse difese immunitarie, magari in seguito a una precedente malattia o a particolari terapie farmacologiche, e la presenza di reflusso gastrico frequente con conseguente irritazione della mucosa a livello della gola possono essere fattori predisponenti.

Per quanto riguarda invece la bronchite cronica, fumare è la prima causa della sua comparsa associata, come per la forma acuta, all’inalazione di aria inquinata, polveri e fumi presenti nell’ambiente o nel posto di lavoro. Tuttavia, a differenza della bronchite acuta, quella cronica non risulta correlata all’età nonostante sia più frequente negli adulti sopra i 45 anni. Le donne sembrerebbero avere inoltre il doppio delle probabilità di svilupparla rispetto agli uomini.

Sintomi comuni

Tra i sintomi che caratterizzano la forma sia acuta sia cronica troviamo:

  • tosse persistente
  • produzione eccessiva di espettorato (catarro) trasparente oppure dal colore giallo-verdastro
  • difficoltà a respirare o dispnea
  • asma
  • respiro sibilante
  • dolore durante la deglutizione
  • raucedine
  • mal di gola
  • affaticamento o affanno soprattutto durante l’attività fisica
  • febbre lieve
  • dolore al petto.

Si associa inoltre spesso a sinusite, faringite o laringite e all'abbassamento della voce.

Il sintomo più importante resta comunque la tosse. Inizialmente secca, evolve con produzione di catarro che si intensifica quando ci si sdraia, al freddo e in presenza di sostanze irritanti come il fumo di sigaretta.

Per quanto riguarda in particolare la bronchite cronica, la tosse peggiora al mattino o durante le giornate umide. In questi soggetti sono inoltre molto frequenti le infezioni respiratorie quali raffreddori o sindromi influenzali, aggravate da tosse catarrale.

Complicazioni

Un singolo episodio di norma non desta alcuna preoccupazione nonostante sia in qualsiasi caso da monitorare attentamente: in alcuni casi può tradursi in polmonite, soprattutto in anziani o persone predisposte. Inoltre, negli asmatici, nei fumatori e in chi respira continuamente fumi o aria inquinata la scomparsa dei sintomi di una bronchite acuta potrebbe essere più lenta e gli episodi potrebbero ripetersi con frequenza.

In questi casi la bronchite diventa facilmente cronica e può poi evolvere in broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO) e in enfisema (patologia caratterizzata da perdita di elasticità dei polmoni e da riduzione della superficie respiratoria). Maggiore è infine il rischio di sviluppare tumori ai polmoni soprattutto se non si evita l’esposizione al fumo, attivo o passivo.

Che fare se la bronchite arriva dopo una normale influenza?

Le cure

La bronchite acuta di solito guarisce spontaneamente in meno di 15 giorni. Molto spesso è sufficiente un adeguato riposo e una corretta idratazione per fluidificare il muco. Se la difficoltà a respirare si accentua di notte è consigliabile utilizzare un umidificatore nella stanza da letto oltre che tenere testa e spalle sollevate con dei cuscini.

Se la tosse è moderata, ma è presente molto catarro, è sempre meglio non sopprimerla completamente perché rappresenta un riflesso protettivo del nostro organismo deputato a eliminare corpi estranei e muco e liberare le vie aeree.

In alcune circostanze il medico potrebbe consigliare un approccio farmacologico, diverso a seconda delle esigenze del paziente.

Per aiutare l’espettorazione del muco o se la tosse insistente non permette il riposo notturno si possono utilizzare farmaci da banco con azione mucolitica o fluidificante. I sedativi per la tosse (sconsigliati nei bambini) andranno usati invece soltanto se la tosse è molto insistente.

In caso di febbre o malessere generale, si possono assumere farmaci con azione antipiretica come acido acetilsalicilico, ibuprofene o paracetamolo. I farmaci antinfiammatori non steroidei vanno usati con cautela, seguendo il parere del farmacista o del medico, nei soggetti in cui la bronchite è di origine asmatica.

Soprattutto in pazienti asmatici o con condizioni mediche pregresse che ostacolano la normale respirazione, potrebbe essere necessario ricorrere a farmaci broncodilatatori per inalazione, eventualmente combinati con corticosteroidi per ridurre l’infiammazione e agevolare il passaggio dell’aria.

Da ultimo, l’uso degli antibiotici deve essere opportunamente valutato dal medico in quanto, essendo la causa batterica la meno probabile, risulterebbero inutili nel guarire la malattia.

Tra i più utilizzati ed efficaci troviamo antibiotici appartenenti alla classe delle penicilline o dei chinoloni.

In alternativa a una confermata diagnosi di bronchite batterica, la terapia antibiotica potrebbe essere prescritta a soggetti con forme croniche anche per ridurre il rischio di un’infezione secondaria grave o in generale di complicazioni broncopolmonari.

In alternativa o in accompagnamento alla terapia farmacologica, in presenza di bronchite cronica può essere utile anche intraprendere la riabilitazione polmonare, ovvero un programma di esercizi eseguiti con un fisioterapista specializzato. Queste esercitazioni hanno come obiettivo quello di insegnare al paziente non solo le migliori strategie per respirare con maggiore facilità, ma anche ad aumentare la resistenza fisica in generale riducendo la sensazione di costrizione e oppressione toracica e fiato corto. Oltre alla riabilitazione polmonare, può essere presa in considerazione anche l’ossigenoterapia.

Per saperne di più su come curare la bronchite cronica leggi anche questo articolo.

Quando consultare il medico

Se la tosse non migliora dopo qualche giorno, se compare febbre elevata, se si fatica a respirare o il respiro è sibilante, se si ha dolore rilevante al petto, una sensazione di debolezza che si accentua e comunque nei bambini molto piccoli è bene rivolgersi subito al medico.

In particolare, tempestività e accortezza sono importanti nel caso di bambini sotto i tre mesi con febbre alta.

Nei bambini piccoli molto comune è inoltre la bronchiolite, una condizione analoga alla bronchite ma che interessa i bronchioli, una sotto-componente della ramificazione bronchiale. È frequente in inverno ed è la causa più comune di ospedalizzazione durante il primo anno di vita.

È opportuno infine non sottovalutare la sintomatologia in caso di problemi cronici ai polmoni o al cuore, inclusi stati di asma, enfisema o insufficienza cardiaca congestizia dato che tutte queste condizioni mediche aumentano il rischio di complicazioni originate da infezioni bronchiali.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Tosse grassa persistente: come curarla

VIDEO

Bronchite: cause e rimedi

Bronchite cause rimedi nuovo

La bronchite è una malattia respiratoria frequente he riconosce diverse cause. Francesco Tursi, pneumologo, spiega come curarla.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette trucchi per scansare l'influenza

  • Influenza aria aperta

    Esci di più all'aria aperta

    La leggenda secondo cui in inverno è meglio stare il più possibile al chiuso è falsa: negli ambienti ristretti, soprattutto se molto riscaldati, è più probabile ritrovarsi a stretto contatto con qualcuno che ha già preso l’influenza, e passarvi il virus. Stare all’aria aperta, soprattutto facendo delle passeggiate, riduce il rischio contagio e fa bene alla salute in generale.

  • Influenza stress

    Tieni alla larga lo stress

    Ritagliarsi momenti per rilassarsi un po' fa bene alla psiche, ma soprattutto rinforza le difese immunitarie. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che se l’organismo è stressato, i virus dell’influenza hanno maggiori probabilità di infettare e replicarsi. Quale tecnica adottare? Quella che piace di più, a seconda dei gusti: lo yoga, la ginnastica, leggere un libro, un massaggio, fare una passeggiata. L’importante è tenere alla larga lo stress. E assieme a lui, i virus influenzali.

  • Influenza lavarsi le mani

    Lava le mani appena puoi

    Le mani sono il mezzo preferito dai virus del raffreddore e dell’influenza per diffondersi. Senza che ce ne accorgiamo, stringiamo le mani di qualcuno, apriamo una porta, ci appoggiamo a una sedia. Se qualcuno prima di noi ha toccato la stessa superficie ed è influenzato il gioco è fatto. Lavarsi le mani spesso e con accuratezza evita il diffondersi dei virus e riduce il rischio di ammalarsi.

  • Influenza sonno

    Chi dorme bene non piglia… l’influenza

    Una notte in bianco non è un dramma. Ma se la mancanza di sonno dura per più giorni il nostro sistema immunitario comincia a perdere colpi. In questa stagione è opportuno dormire almeno sette ore per notte, così da dare il tempo all’organismo di rigenerarsi dalle fatiche della giornata ed essere in grado di fronteggiare con successo i germi responsabili dei malanni invernali.

  • Influenza dieta

    Mangia in modo sano

    L’influenza si previene anche a tavola. Frutta e verdura di stagione sono fonti preziose di vitamine antiossidanti e sali minerali essenziali al buon funzionamento delle difese naturali dell’organismo. Legumi e cereali sono invece un ottimo rifornimento di proteine, anch’esse importanti perché alcuni aminoacidi contribuiscono alla sintesi degli anticorpi. In questa stagione è bene non sottovalutare anche la quota di carboidrati, pasta e pane per intenderci. Un po’ di calorie in più aiutano infatti l’organismo a rinforzare le sue difese naturali.

  • Influenza sport

    Fai attività fisica regolare

    È ormai dimostrato in diversi studi: un’attività fisica moderata, ma regolare, abbassa il rischio di buscarsi l’influenza. Una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, per esempio, ha scoperto che chi è fisicamente attivo almeno cinque giorni alla settimana ha una probabilità di prendere l’influenza e il raffreddore quasi dimezzata rispetto a chi lo è soltanto una volta alla settimana.

  • Influenza virus occhi

    Tieni giù le mani

    Spesso non ci si fa caso, ma tendiamo con una certa frequenza a portare le mani al viso. Siccome le tre principali vie d’accesso dei virus nel nostro organismo sono il naso, gli occhi e la bocca, è altamente sconsigliabile toccare queste parti del corpo senza prima aver lavato accuratamente le mani. Il problema è che a volte lo si fa senza accorgersi. Basta sforzarsi di dedicare un po’ di attenzione ai proprio movimenti involontari per ridurre parecchio il rischio di contagio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su