Faringite: cause, sintomi, rimedi

È un’infiammazione della faringe, la parte posteriore della gola, sede delle tonsille. In pratica è il comune mal di gola, al primo posto nella classifica dei malesseri invernali.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Faringite cause sintomi rimedi

Che cos’è

La faringite è un’infiammazione della faringe, la parte posteriore della gola, sede delle tonsille. In pratica è il comune mal di gola, al primo posto nella classifica dei malesseri invernali.

La maggior parte delle faringiti è di natura virale e spesso costituisce uno dei sintomi più comuni del raffreddore, più raramente è causata da batteri. Può essere acuta, e allora tende a guarire spontaneamente, oppure cronica.

Cause

Le principali cause sono i virus (specie quelli di raffreddore e influenza) e, in minor misura, i batteri come lo streptococco.

Contrariamente a quanto si crede, il freddo non induce in modo diretto il mal di gola, mentre può favorire l’attacco di virus e batteri, così come i repentini sbalzi di temperatura tra gli ambienti riscaldati e l’esterno.

Altre cause di mal di gola sono invece l’abuso di alcol, il fumo di sigaretta e lo smog, responsabili soprattutto delle forme croniche.

Anche gli ambienti eccessivamente riscaldati e poco arieggiati, oppure l’aria condizionata, le polveri e i vapori irritanti sono tra le cause della faringite.

Sintomi comuni

Il sintomo principale è il dolore localizzato alla faringe, di solito accompagnato da deglutizione dolorosa, sensazione di prurito o di nodo alla gola, raucedine, arrossamento locale della mucosa.

Possono comparire anche ingrossamento delle tonsille, febbre elevata, ingrossamento dei linfonodi del collo. Talvolta può essere presente anche un dolore alle orecchie.

Nella forma cronica spesso non si hanno sintomi evidenti o si ha soltanto abbassamento della voce, ma nelle fasi di riacutizzazione si avverte una sensazione di tensione nella parte posteriore della gola, localizzata in un punto preciso. Al mattino sono presenti tosse e impellente necessità di raschiare la gola.

Complicanze

Le complicazioni più temibili si hanno nei casi di faringite causata da streptococco, che può coinvolgere anche polmoni, cuore, reni con comparsa di polmoniti, endocarditi o nefriti, oppure causare febbre reumatica.

Per questo è bene trattare con attenzione le faringiti batteriche.

Le cure

Nei casi di faringite acuta la terapia è sintomatica e consiste nell’assunzione di analgesici e antipiretici da banco. Oltre al riposo a letto.

In questi casi, i medici consigliano anche di umidificare l’ambiente e bere molta acqua per contrastare la disidratazione causata dalla febbre.

Se l’origine della faringite è batterica, il medico prescriverà gli opportuni antibiotici.

Nei casi di faringite cronica, è necessario risalire alla causa prima di procedere con la corretta terapia farmacologica.

La propoli è un utile rimedio naturale, in caso di faringite. Leggi questo articolo per saperne di più.

Quando consultare il medico

La faringite acuta di solito guarisce spontaneamente: i sintomi scompaiono nel giro di 4 o 5 giorni.

Il ricorso al medico diventa necessario quando il mal di gola persiste dopo una settimana, se la febbre è molto alta, se si sospetta una infezione da streptococco, se si presentano difficoltà respiratorie, oppure in caso di attacchi frequenti.

VIDEO

Ho mal di gola, che cosa posso prendere?

Mal di gola disturbi e soluzioni

Il mal di gola può essere dovuto a diversi fattori. A seconda delle cause ci sono rimedi adatti. Ecco il parere del farmacista.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su