Pubblicità

Tosse: cause, sintomi, rimedi

È un sintomo, non una malattia. Tuttavia va curata nel modo adeguato a seconda del tipo di disturbo.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
Tosse cause sintomi rimedi

Che cos’è

La tosse è un riflesso naturale, come lo starnuto e la deglutizione, ed è la risposta dell’organismo a un’irritazione delle vie respiratorie (faringe, laringe, trachea, bronchi, polmoni).

Non è di per sé una malattia, ma certamente è il segnale di un’infezione o di un’infiammazione.

Bisogna distinguere tra tosse secca (non produttiva), che esprime uno stato irritativo e spesso di-sturba il sonno, e tosse produttiva, che è caratterizzata invece dalla produzione di catarro, anche in notevoli quantità.

Leggi anche A che cosa serve il muco bronchiale.

Cause

La tosse, che è sostenuta e regolata da un vero e proprio circuito nervoso, può essere favorita o scatenata non soltanto da infezioni (batteriche o virali), ma anche dall’inalazione di sostanze irritanti (fumo, solventi, ammoniaca) o a cui si è sensibilizzati.

A volte, più semplicemente, è indotta dal classico boccone (talvolta la stessa saliva) che va di traverso.

Forme più gravi di tosse sono quelle associate a insufficienza cardiaca e neoplasie faringolaringee e broncopolmonari.

La tosse, infine, può anche essere il sintomo della riacutizzazione di una bronchite cronica. E in alcuni può essere anche di natura psicosomatica: la cosiddetta tosse isterica, legata di solito a stati ansiosi.

Sintomi comuni

In genere la tosse è preceduta da una veloce e profonda inspirazione, da cui dipende l’intensità sonora, e si manifesta con una rapida e forte espirazione a glottide chiusa: la colonna aerea così compressa nell'albero respiratorio provoca la brusca apertura della glottide stessa e, fuoriuscendo, determina la caratteristica vibrazione delle corde vocali.

È importante osservare i caratteri e l’andamento della tosse: le infezioni respiratorie sono in genere precedute da tosse secca, spesso insistente, che dopo qualche giorno comporta la formazione di catarro.

D’altra parte essa è il meccanismo attraverso il quale le basse vie aeree possono essere liberate dal muco, prodotto in maggiori quantità in caso di aggressione da parte di microrganismi o fattori esterni.

Una tipologia particolare e a sé stante è la pertosse: in questo caso rappresenta l’effetto sul sistema nervoso centrale di una particolare tossina, prodotta dal batterio responsabile della malattia (Bordetella pertussis) ed è preceduta da un inconfondibile rumore, assimilato al raglio d’asino, dovuto a un’introduzione forzata di aria nelle vie respiratorie.

L’associazione di raucedine permette di correlare la tosse alla presenza di laringite.

Complicazioni

La tosse può essere anche causa di complicazioni, soprattutto se è particolarmente violenta: traumi laringei, danni alla mucosa delle vie aeree, strappi muscolari, bradicardia e aritmie cardiache, emorragie (in particolare sottocongiuntivali e nasali), incontinenza urinaria, cefalea, insonnia, vomito, sincope.

Le cure

Innanzitutto è sempre opportuno osservare l’andamento della tosse, per capire se tende nel tempo a migliorare, se compare o diventa più insistente al momento di coricarsi, o se invece è presente sempre, di giorno e di notte, con la stessa intensità.

I farmaci devono essere utilizzati correttamente: in particolare, i mucolitici si usano in caso di tosse con catarro, perché lo rendono più fluido e ne favoriscono l’eliminazione; i sedativi, al contrario, sono adatti nel caso di una tosse secca e fastidiosa.

I mucolitici possono anche essere somministrati per aerosol. In questo modo raggiungono facilmente le piccole vie aeree, dove svolgono un’efficace azione di pulizia meccanica.

Una raccomandazione utile è quella di bere molto, sia perché le secrezioni respiratorie sono ricche di liquidi sia perché un buono stato di idratazione è funzionale a rendere il catarro più fluido.

Nella stagione fredda è consigliabile mantenere negli ambienti riscaldati un grado di umidità ottimale, cioè compreso tra il 50 e il 60%. A tale scopo si può installare un apparecchio elettrico in grado di vaporizzare l’acqua, il cosiddetto umidificatore.

Se vuoi conoscere in dettaglio i farmaci mucolitici leggi questa scheda.

Quando consultare il medico

Il medico dovrebbe essere chiamato in caso di notevole fatica a respirare, con sensazione di fame d’aria, rigonfiamento notevole delle vene del collo e accentuazione degli spazi intercostali.

Meglio chiamarlo anche se il colorito della pelle e delle mucose (in particolare labbra e bocca) tende a diventare, da roseo, bluastro. Oppure quando la tosse subentra nel contesto di un attacco d’asma.

Va contattato anche in caso di peggioramento vistoso delle condizioni generali o se verso sera si osserva puntualmente un rialzo febbrile, anche se lieve.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Tosse grassa persistente: come curarla

VIDEO

Come si fa a curare la tosse grassa?

Tosse grassa cause e rimedi a

La tosse grassa è caratterizzata dalla presenza di catarro del quale va aiutata l'eliminazione. Ecco come curarla.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su