Pubblicità

Influenza: sintomi, cause e rimedi

Infezione virale molto contagiosa delle vie respiratorie superiori (bocca, naso, gola). Normalmente ha un andamento stagionale (in Italia da dicembre a marzo).

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Influenza: cause sintomi rimedi

Che cos’è

L'influenza è un'infezione virale molto contagiosa delle vie respiratorie superiori (bocca, naso, gola). Normalmente ha un andamento stagionale (in Italia da dicembre a marzo).

Ha un breve periodo d'incubazione, variabile da 1 a 4 giorni (in media 2 giorni), durante il quale può già avvenire il contagio verso un’altra persona.

Cause

Si conoscono fino a oggi tre tipi di virus influenzali, tutti del genere Orthomixovirus: i tipi A e B, responsabili della sintomatologia influenzale classica, e il tipo C, molto meno frequente per l'uomo.

Il virus dell'influenza può essere trasmesso, da una persona all’altra, attraverso la saliva e il muco, per esempio quando si starnutisce o si tossisce.

Anche le persone apparentemente sane, soprattutto negli ambienti chiusi, umidi e affollati, possono trasmettere il virus perché il periodo di contagio comincia qualche giorno prima della comparsa dei sintomi e si prolunga per circa 3-5 giorni.

Per sapere come rinforzare il sistema immunitario e prevenirla leggi l'articolo L’influenza è alle porte: così rinforzi le difese.

Pubblicità

Sintomi comuni

I sintomi più comuni sono:

Particolare attenzione meritano i bambini molto piccoli e gli anziani. I piccoli possono manifestare vomito e gastroenterite (infiammazione dello stomaco e dell’intestino) con diarrea.

Gli anziani (oltre i 75 anni) in genere non hanno febbre elevata, ma possono mostrare forte debolezza e persino un lieve stato confusionale.

Leggi anche l'articolo Influenza, come comportarsi ai primi sintomi.

Complicazioni

Nella maggior parte dei casi l’influenza si risolve in 3-5 giorni. Tuttavia nelle persone già compromesse possono subentrare complicazioni respiratorie, soprattutto polmoniti, causate dalla sovrapposizione batterica. In questi casi la febbre persiste o ricompare, la tosse e le condizioni generali peggiorano.

Ci sono poi le complicanze cardiache, che intervengono soprattutto negli anziani, e neurologiche gravi (encefalite), più frequenti nei bambini, ma assai rare.

Le cure

Stare a riposo in casa al caldo almeno fino al giorno successivo alla scomparsa la febbre, è la cura migliore.

Se la febbre è elevata e persiste al di sopra dei 38,5°C per oltre 48 ore si può ricorrere a un farmaco antinfiammatorio non steroideo (Fans) per abbassarla.

I Fans vanno bene anche per la gola arrossata, i dolori e il mal di testa, mentre i decongestionati possono aiutare a liberare il naso e in caso di tosse si possono utilizzare sedativi o mucolitici.

Gli antibiotici non servono, trattandosi di un’infezione virale, e per lo più transitoria.

Quando consultare il medico

Il medico va consultato quando la febbre è molto elevata e persiste nonostante le cure, se i sintomi compaiono in persone che hanno già complicazioni cardiache o respiratorie o sono deboli e immunodepresse (con ridotte difese immunitarie).

Tutte queste persone sono maggiormente esposte al contagio e alle complicazioni dell'influenza.

È meglio consultare il proprio medico in caso di diabete o di persone anziane che non si alimentano o non bevono liquidi a sufficienza.

Tutti i casi che riguardano i bambini al di sotto dell’età scolare e gli anziani di oltre 65 anni, vanno vigilati con maggior cura e i piccoli affidati prima possibile al pediatra.

Subentrando una sovrainfezione batterica può essere necessaria l’aggiunta di un antibiotico, ma la sua assunzione deve avvenire sempre e soltanto dietro prescrizione del medico.

VIDEO

Influenza e raffreddore: leggende metropolitane e verità scientifiche

Influenza raffreddore miti realta

Per preveire l'influenza basta coprirsi bene? E un bicchierino di superalcolico fa passare prima il raffreddore? Ecco il parere di Aurelio Sessa, medico di Medicina generale e presidente della Simg Lombardia.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su