Antiossidanti: uno scudo per raffreddore & Co.

Alcune sostanze sono in grado di combattere i radicali liberi, nemici delle nostre cellule. Ecco dove si trovano e come agiscono.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Antiossidanti influenza raffreddore

Ci sono sostanze in grado di combattere i radicali liberi, nemici delle nostre cellule. Ecco dove si trovano e come agiscono.

Raffreddore, influenza, tosse, voce roca e febbre sono all’ordine del giorno durante la stagione invernale. E a volte colpiscono anche in estate.

Responsabili di tanti disagi sono soprattutto i virus, come rinovirus, adenovirus e virus influenzali e parainfluenzali.

A rendere maggiormente suscettibile il nostro organismo al loro attacco concorrono diversi fattori, sia esterni, quali per esempio abbassamento delle temperature e la frequentazione di ambienti chiusi e affollati, sia interni, come l’abbassamento delle nostre difese.

Per prevenire il raffreddore e le diverse forme influenzali spesso è sufficiente seguire una dieta varia ed equilibrata, ricca di vitamine e minerali ad azione antiossidante.

Il segreto nel piatto

L’interesse scientifico verso queste sostanze è nato in seguito ad alcuni studi in cui sono emerse le virtù salutari di frutta e verdura ricche di antiossidanti. In particolare se di colore giallo, arancione e a foglia verde, consumate fresche tutti i giorni.

Gli effetti positivi sono legati alla capacità degli antiossidanti, di cui sono fonti preziose, di neutralizzare i radicali liberi, molecole altamente instabili che si formano all’interno dell’organismo, note per innescare reazioni dannose a carico delle cellule, inclusi i fenomeni di invecchiamento e indebolimento del sistema immunitario.

Ecco chi ci protegge dall’ossidazione

Tra le principali sostanze dotate di attività antiossidante ci sono alcune vitamine, come la vitamina A e il suo precursore betacarotene, le vitamine del complesso B, la vitamina C e la vitamina E.

Altre sostanze presenti nei vegetali, quali il licopene, i flavonoidi, le antocianine, le xantofilline, i polifenoli, i monoterpeni e i tiocianati agiscono sui radicali liberi, così come il coenzima Q10, naturalmente presente nelle nostro organismo.

Tra i minerali ci sono il manganese, il rame, il selenio e lo zinco; tra gli aminoacidi la cisteina.

Agiscono così

Il meccanismo d’azione di queste sostanze non è del tutto chiaro. Gli esperti pensano che in virtù della loro struttura chimica gli antiossidanti riescano a “catturare” i radicali liberi proteggendo così le cellule dal danno ossidativo.

Per questo loro effetto di barriera, oltre a rallentare l’invecchiamento cellulare, aumentano anche la resistenza delle mucose della bocca, del naso e dell’apparato respiratorio in generale dagli attacchi di virus e batteri, rendendole più impermeabili ai microrganismi, compresi quelli che scatenano raffreddore e influenza.

Dove le troviamo

In natura le fonti più ricche di antiossidanti (in ordine decrescente) sono rappresentate da: succo d’uva nera, mirtillo, more, prugne nere, pompelmo rosa, fragole, arancia, susina, avocado, uva nera, kiwi, uva bianca, mela, pesca, banana, pera, albicocche.

Tra le verdure ci sono cavolo verde, spinaci, barbabietole, cavolini di Bruxelles, patate, peperoni, carote, fagiolini, zucca, cavolfiore, cipolla, porri, melanzane e pomodori.

Vantano proprietà antiossidanti notevoli anche la soia, il tè verde, l’olio d’oliva, il germe di grano, le arachidi, il vino rosso e l’aglio.

La possibilità di impiegare gli antiossidanti per stimolare le difese immunitarie e prevenire le infezioni si è ritagliata uno spazio sempre più consistente, tanto da rendere disponibili in commercio diversi integratori che li contengono.

Sebbene un’alimentazione molto ricca in frutta, verdura e altri cibi ricchi di antiossidanti sia senza dubbio un metodo eccellente per proteggere il nostro organismo, i processi di lavorazione industriale hanno lo svantaggio di ridurre la loro concentrazione.

Per questo spesso bisogna ricorrere a una loro supplementazione. Per saperne di più basta chiedere al proprio farmacista di fiducia.

Quanto ne sai sulle arance tarocco, ricchissime di antiossidanti? Guarda il video

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Raffreddore cronico: cause e rimedi se non passa

Luisa Bonometti

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Sannia1 Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore influenza antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su