Dolore: cause, complicazioni, cure

È un prezioso segnale d’allarme che ci avvisa quando in un punto del nostro organismo c’è qualcosa che non va.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Dolore e terapie

Che cos’è

Il dolore è un prezioso segnale d’allarme che ci avvisa quando in un punto del nostro organismo c’è qualcosa che non va (una ferita, una contusione, un’ustione, uno strappo, un’infiammazione articolare eccetera).

In pratica ci avverte che dobbiamo porvi rimedio, smettendo di dedicarci a quello che stavamo facendo e concentrandoci sulla parte colpita dal danno.

In questi casi si tratta di dolore “acuto”, ossia di durata limitata nel tempo, che tende a scomparire quando la ferita inizia a guarire o tenendo a riposo il muscolo o l’articolazione compromessi dal trauma o sovraccaricati da uno sforzo.

Esiste, però, anche un dolore “inutile”, che insorge in modo apparentemente spontaneo o come sintomo di una patologia cronica e che tende a persistere per lunghi periodi, in modo continuo o intermittente.

Cause

Alla base del dolore acuto c’è invariabilmente la sollecitazione troppo intensa o protratta di recettori nervosi periferici della sensibilità (gli stessi che di norma ci permettono, per esempio, di sentire che un oggetto è caldo o freddo e che qualcuno ci sta toccando una spalla) oppure, se lo stimolo è particolarmente forte, di specifici recettori del dolore.

Un altro tipo di dolore, che può manifestarsi da solo o insieme al precedente, è quello infiammatorio.

In questo caso, a causarlo è l’azione delle prostaglandine: le sostanze che avviano e sostengono una reazione infiammatoria spontanea oppure associata a una patologia specifica (artrite, gotta, mialgia eccetera).

Un terzo tipo di dolore è quello neuropatico, scatenato da un danno o da un’irritazione persistente di una terminazione nervosa o di un ramo di un nervo (come avviene nel caso della neuropatia diabetica, della nevralgia del trigemino o della sensibilità dentale).

Caratteristiche

In relazione all’intensità, il dolore può essere lieve, moderato o severo. Rispetto invece alle sensazioni prodotte, può essere descritto come urente, sordo, trafittivo, gravativo.

In funzione dell’andamento, può essere continuo o pulsante (colico).

Complicazioni

Il dolore, se non è subito trattato, tende a peggiorare aumentando di intensità e persistendo più a lungo perché la stimolazione dei primi recettori interessati dal trauma, dalla nevralgia o dall’infiammazione, genera circuiti di sollecitazione secondaria di recettori del dolore vicini, amplificando il disagio.

Le cure

Il dolore acuto di intensità lieve o moderata, generato da una causa nota può essere efficacemente alleviato con preparati da banco a base di acido acetilsalicilico, paracetamolo e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Quando è più marcato e questi rimedi non riescono ad assicurare un sollievo sufficiente, il medico può prescrivere farmaci analgesici più potenti.

Quando consultare il medico

Il medico va sempre consultato se il dolore insorge senza una ragione apparente, se è fin dall’inizio molto inteso o accompagnato da altri sintomi poco chiari o tende a ripresentarsi spesso o per periodi prolungati.

Quando il dolore è associato a una causa nota, come un trauma o il sovraccarico di un muscolo o di un’articolazione, il medico va interpellato se il sintomo non è adeguatamente attenuato da farmaci analgesici e/o antinfiammatori da banco e se non migliora (o peggiora) nell’arco di 4-5 giorni.

Se a provare dolore sono un bambino, un anziano o una persona che già assume farmaci per il trattamento di patologie specifiche, prima di somministrare analgesici e/o antinfiammatori (anche da banco) è necessario chiedere consiglio al medico.

CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI TESTA"
VIDEO

Antidolorifici, conoscerli per usarli al meglio

Foto corrado giua

Ne esistono diversi tipi e non tutti agiscono alo stesso modo. Intervista al farmacologo Corrado Giua.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Mal di testa: le cause che non ti aspetti

  • Fotolia 55819234 s

    Dopo uno sforzo fisico eccessivo

    Si chiamano anche cefalee da sforzo e colpiscono soltanto le persone predisposte. In alcuni casi è sufficiente una corsetta al parco per scatenare il dolore. Altre volte insorge quando ci si sottopone a una fatica a cui non si è abituati. È tipico il caso di chi fa una vita sedentaria e deve fare uno sforzo inusuale, come per esempio un trasloco: sollevare scatoloni, portarli su e giù dalle scale può innescare questo tipo di cefalea. Meglio non sottovalutarlo e chiedere il parere del proprio medico di fiducia.

  • Fotolia 8402904 s

    Russamento, digrignamento e apnee notturne

    Se il mal di testa arriva al mattino è molto probabile che la causa sia da cercare nel nostro comportamento notturno. I problemi più comunemente associati a questo tipo di cefalea sono l’abitudine a russare, le apnee notturne, cioè l’assenza temporanea di respiro durante il sonno, e il digrignamento dei denti. In tutti questi casi è preferibile consultare un medico.

  • Fotolia 51123329 s

    Se l’amore fa male alla testa

    È sicuramente tra le cause più piacevoli del mal di testa. Può colpire sia gli uomini sia le donne e il dolore, in entrambi i casi, è proporzionale al piacere provato. Insorge nel bel mezzo dell’attività sessuale e culmina con l’orgasmo, per poi sparire subito dopo. È probabile che questo tipo di cefalea sia legata all’aumento della pressione arteriosa che inevitabilmente insorge quando si fa l’amore. In ogni caso è opportuno approfondire il problema con il medico di fiducia.

  • Fotolia 35123075 s

    Quando l’acqua va in riserva

    Anche la disidratazione, fenomeno che in genere succede in estate, può causare un attacco di mal di testa. In alcune persone basta una perdita di liquidi pari all’1 per cento del peso corporeo per scatenare la cefalea. Un buon motivo per bere tanta acqua ogni giorno.

  • Fotolia 48997326 s

    Influenza e febbre

    Un episodio di influenza porta sempre con se un rialzo febbrile, a volte lieve, altre volte più importante. Il mal di testa insorge, sembra, proprio a causa dell’aumento della temperatura corporea. Alcune persone ne soffrono di più, altre di meno. In ogni caso, i farmaci antinfiammatori non steroidei, come per esempio l’acido acetilsalicilico, usati comunemente per curare l’influenza, hanno anche un effetto antidolorifico, quindi spengono il dolore.

  • Fotolia 39563534 s

    Poco sonno, troppo sonno

    Il rapporto tra il sonno e il mal di testa è ambivalente: da un lato chi non dorme molte ore rischia di trovarsi, il giorno dopo, un bel cerchio alla testa. Ma lo stesso dolore può insorgere se, al contrario, si va a letto alle nove e ci si alza a mezzogiorno. Dormire troppo o troppo poco hanno un effetto nefasto sulla nostra testa. Meglio tenerlo sempre presente.

  • Fotolia 55729876 s

    Raffreddore e sinusite

    Il naso chiuso, per un raffreddore o un allergia, può dare mal di testa. Ma è soprattutto la sinusite, quando cioè si infiammano i seni paranasali che abbiamo negli zigomi e sulla fronte, la causa più comune di cefalea. Se per curare il comune raffreddore virale basta andare in farmacia, per la sinusite e un’allergia è preferibile rivolgersi al proprio medico.

  • Fotolia 48802916 s

    Se alzi troppo il gomito

    Dopo una forte bevuta non è raro soffrire di mal di testa. Il principale responsabile è l’etanolo: viene smaltito nel fegato, ma se la quantità introdotta è superiore a quella che il metabolismo epatico riesce a eliminare, può insorgere nausea e mal di testa. Oltre a un antidolorifico, è opportuno bere molta acqua per aiutare l’organismo a liberarsi dell’etanolo.

  • Fotolia 51304458 s

    Difetti della vista che danno alla testa

    Non vederci bene, da vicino o da lontano, può comportare fastidiosi mal di testa. È soprattutto alla sera, dopo una giornata passata a studiare o lavorare, che insorge di solito questo tipo di cefalea. Per questo è utile, quando si ha il sospetto di un difetto visivo, farsi visitare da un oculista.

  • Fotolia 53441576 s

    Quando cala lo stress

    Chiamato anche mal di testa da weekend, è tipico di chi lavora moltissimo da lunedì a venerdì e al sabato mattina, non appena la tensione cala, si deve arrendere alla cefalea. Non esiste ancora una spiegazione esauriente di questo fenomeno, sembra però che la colpa sia del calo improvviso dello stress, che non permette all’organismo di adattarsi alle nuove, e in teoria più piacevoli, condizioni. In questi casi, oltre a rivolgersi al proprio medico, potrebbe essere utile evitare di sobbarcarsi di lavoro il venerdì, così da cominciare ad allentare le tensioni in vista del weekend.

  • Fotolia 31793079 s

    Troppo tempo davanti al computer

    Anche la normativa italiana sulla sicurezza sul posto di lavoro dice che ogni due davanti a uno schermo bisogna fare una pausa di 15 minuti. Tra i vari problemi a cui si può andare incontro se si sta troppo davanti al pc c’è anche il mal di testa. Quando ci si accorge del problema occorre rivedere alcune cose, come per esempio l’altezza dello schermo, della sedia e della scrivania, la posizione di mouse e tastiera.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su