Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
rabarbaro proprietà

Rabarbaro: proprietà, utilizzo, controindicazioni, effetti collaterali

Può essere utilizzato come digestivo, ma possiede anche proprietà lassative e purganti a seconda della dose.

Che cos'è

Il rabarbaro (specie Rheum) è una pianta erbacea perenne presente allo stato selvatico in Europa e in Asia con circa 60 specie. Dotata di un grande rizoma, può raggiungere un’altezza attorno ai due metri. Le foglie sono grandi e sorrette da un lungo stelo carnoso e i fiori, bianco-giallasti o purpurei sono raccolti in pannocchie.

Il rabarbaro ha un uso sia alimentare sia medicinale, per quest’ultimo la specie d’elezione è Rheum palmatum, noto anche come rabarbaro cinese.

A fini alimentari si utilizza il lungo stelo fogliare rossastro principalmente per marmellate o come amaricante in bevande tonico-digestive e in numerose preparazioni.

L’uso delle foglie come succedaneo degli spinaci è sconsigliato per l’elevato contenuto di acido ossalico che, oltre a irritare la mucosa intestinale e favorire la formazione di calcoli renali, a dosaggi elevati è tossico.

Quando può essere usato

Assunto a dosaggi bassi ha principalmente una funzione digestiva e blandamente lassativa. A dosaggi più elevati esplica una vera e propria azione purgante.

Va peraltro assunto solo in presenza di episodi di stitichezza occasionali dato che l’uso continuativo per più di otto-dieci giorni provoca assuefazione, con conseguente minore efficacia e il rischio di un peggioramento della stipsi.

Meccanismo d’azione

Il rabarbaro è ricco di polifenoli, e in particolare di flavonoidi e tannini, e di derivati antracenici (reina) ai quali va principalmente ascritta la capacità di stimolare la secrezione dei succhi gastrici, l’escrezione della bile dalla colecisti e la peristalsi intestinale.

A bassi dosaggi a questa azione si accompagna un blando effetto lassativo dovuto all’aumento della motilità della muscolatura liscia intestinale, che diventa però purgativo a dosaggi più alti a causa del ridotto riassorbimento di acqua e sali minerali indotto dai suoi principi attivi.

Come si presenta

Il prodotto erboristico può presentarsi sotto forma di infuso, estratto idroalcolico o in polvere. La forma migliore è però l’estratto secco nebulizzato e titolato in derivati idrossiantracenici espressi come reina minimo 5%.

Posologia

Il dosaggio dell’estratto secco va dai 2 ai 4 milligrammi per chilo di peso corporeo. La titolazione in derivati antracenici, espressa come reina, deve essere del 5 per cento. È preferibile che l’assunzione sia fatta in un’unica dose serale.

Effetti collaterali

Può provocare diarrea, dolori addominali e calo dei livelli di potassio.

È controindicato nei bambini al di sotto dei 12 anni, in gravidanza e durante l’allattamento (rende sgradevole il sapore del latte al neonato), in caso di occlusione o sub-occlusione intestinale e in chi soffre di diverticoli.

La sua assunzione può interferire con i farmaci usati nelle aritmie cardiache (chinidinici, digitalici, betabloccanti), con i diuretici, con la vincamina e con il fenoxedil.

Valori nutrizionali

100 grammi di rabarbaro contengono:


Kcal
21
Proteine
0,9 g
Grassi
0,2 g
Carboidrati
4,54 g
Potassio
288 mg
Calcio
86 mg
Fosforo
14 mg
Magnesio
12 mg
Sodio
4 mg
Ferro
0,22 mg

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Curcuma: proprietà e benefici

A cura della redazione

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Samanta mazzocchi
Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
Sannia1
Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

TAG
ARTICOLI CORRELATI
VIDEO

Esistono rimedi naturali contro la stitichezza?

Stitichezza abitudini alimentari e soluzioni

Ecco i rimedi naturali contro la stitichezza che ci consiglia il farmacista.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PIANTE OFFICINALI
Torna su