Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Edera proprietà

Edera

L’edera è utilizzata principalmente nella cellulite e per la sua attività sui vasi venosi, ma anche nella tosse.

Che cos’è

L’edera (Hedera helix) è una pianta rampicante e strisciante sul terreno che appartiene alla famiglia delle Araliaceae ed è molto conosciuta anche come pianta ornamentale.

La parte utilizzata in fitoterapia è costituita dalle foglie e dai rami giovani.

Le attività

Gli effetti dell’edera sono legati a saponine, flavonoidi e steroli. L’edera contiene anche sostanze di tipo estrogenico, glucosidi, alcaloidi, acido caffeico, sali minerali e ossalato di calcio.

Tutti questi principi attivi le conferiscono diverse attività: vasocostrittrici, astringenti, anticellulite, antimicrobiche (antifungine), cicatrizzanti, sedative e lenitive.

A queste si aggiunge anche la capacità – sinergica a quella di ippocastano e ginkgo biloba - di migliorare resistenza ed elasticità dei vasi capillari.

Perché si usa

In passato l’edera era impiegata per contrastare nevralgie periferiche e dolori reumatici o artritici.

Attualmente l’impiego principale è nella cellulite, per migliorare l’elasticità cutanea. È utile anche per contrastare l’insufficienza venosa, in virtù dell’azione defatigante e lenitiva, e per ridurre il gonfiore alle caviglie.

Viene poi utilizzata anche in preparati contro la tosse convulsa, di solito in associazione con il timo, e in caso di bronchite per fluidificare il catarro.

Come si usa

Si utilizzano le foglie e i rami giovani della pianta. Principalmente l’impiego è cosmetologico e quindi per via topica (pomata al 10 o 20%, olio) e sfrutta anche la sua azione cicatrizzante.

L’assunzione per via orale prevede un dosaggio di 200-400 mg al giorno in due somministrazioni lontano dai pasti.

Al fine della sicurezza è fondamentale l’uso di estratti titolati e standardizzati: l’estratto secco è titolato in saponosidi totali (minimo 2%), mentre l’estratto fluido viene titolato in ederacoside C.

Effetti indesiderati

Sono stati segnalati, peraltro raramente, bruciori di stomaco e disturbi digestivi.

Precauzioni

La tossicità non è stata ancora caratterizzata nel dettaglio. L’impiego è controindicato in gravidanza, in allattamento e in caso di allergia.

È comunque preferibile evitare di utilizzare l’edera in maniera arbitraria e senza il parere e le indicazioni del medico.

Interazioni

Non sono state riportate interazioni.

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Sannia1
Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia


Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
ARTICOLI CORRELATI
VIDEO

La cellulite dipende da quel che mangio?

Cellulite cause e cattiva alimentazione

Una alimentazione errata può influiresulla comparsa di cellulite, ma non ne è la causa che va ricercata, invece, in una cattiva circolazione.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PIANTE OFFICINALI
Torna su