Pubblicità

Vitamine e minerali contro il “mal d’autunno”

Ecco che cosa serve per ritrovare l’energia e per proteggersi dai malanni invernali.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
risveglio, debolezza, stanchezza, sonno, vitamine

Alzarsi alla mattina è sempre faticoso agli inizi dell’autunno. Un po’ come in primavera, facciamo fatica ad abituarci al cambiamento di clima.

È normale che sia così: il nostro organismo deve riadattarsi ai nuovi ritmi, alla nuova temperatura, alle giornate che diventano sempre più corte.

Mai come in questo mese diventa essenziale fare attenzione all’alimentazione. Sì, perché uno dei modi migliori per ritrovare l’energia necessaria per studiare e lavorare, nonché rinforzare l’organismo in vista dei virus influenzali che sono in agguato, è introdurre una quantità adeguata di vitamine e sali minerali attraverso un’alimentazione varia e bilanciata, o qualora servisse, anche attraverso un integratore multivitaminico nella cui scelta è bene farsi guidare dal proprio farmacista di fiducia.

Se vuoi saperne di più sugli integratori leggi questo articolo oppure ascolta il parere del farmacista SapereSalute.

Pubblicità

Energia e benessere con le vitamine del gruppo B

Non c’è una sola vitamina B, ce ne sono diverse. Tutte insieme concorrono al buon funzionamento del cervello in tanti modi, uno dei quali è la sintesi dei neurotrasmettitori, sostanze che consentono la trasmissione degli impulsi nervosi.

Sono la vitamina B1, la B2, la B3 o vitamina PP, la B5, la B6, la B9, la B8 o vitamina H, e la B12. Nel loro insieme sono utili anche per contrastare lo stress ed evitare ansia, nervosismo e insonnia.

Lo scudo degli antiossidanti

I virus influenzali stanno per arrivare anche in Italia. Per non farsi cogliere impreparati è utile rifornire l’organismo di quei nutrienti, soprattutto antiossidanti, in grado di rinforzare le difese naturali.

Stiamo parlando delle vitamine A, E e C. Ma non solo: anche il coenzima Q10, l'acido lipoico e alcuni oligoelementi, come selenio, manganese, rame e zinco aumentano la resistenza agli attacchi dei virus.

Agiscono neutralizzando i radicali liberi, molecole che innescano reazioni dannose a carico delle cellule, inclusi i fenomeni di invecchiamento e indebolimento del sistema immunitario.

Anche lo sport aiuta

Una regolare attività sportiva, senza eccessi, migliora la circolazione sanguigna e linfatica, tonifica il cuore e ossigena l’organismo. In poche parole aiuta a difendersi dai malanni invernali.

Inoltre è stato dimostrato che l’organismo stressato è meno resistente ai virus. E dal momento che il movimento fisico riduce lo stress e le tensioni emotive, non ci sono più scuse: tuta e scarpe da ginnastica sono fondamentali in questa stagione.

Cristiano Minotti

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
VIDEO

Stanchezza e spossatezza in estate, che scocciatura

Albertomartina

Come affrontare quel senso di fatica che a volte ci prende in estate? Ne parliamo con Alberto Martina, medico e docente all'Università di Bologna

LEGGI TUTTO
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su