Raffreddore, combattilo anche con gli antiossidanti

Oltre ad alleviare i sintomi, è utile ricaricare l'organismo di vitamine.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
raffreddore, influenza, vitamine, antiossidanti

Oltre alle note misure comportamentali da adottare per limitare il contagio e ai rimedi per alleviare la sintomatologia un aiuto in più contro il raffreddore arriva dagli antiossidanti.

Ogni inverno accade la stessa cosa: pur adottando tutte le dovute precauzioni un gran numero di persone incappa in uno o più raffreddori.

Certo, chi ha il sistema immunitario un po’ indebolito per esempio per affaticamento eccessivo, stress o fumo, è più facilmente soggetto ai malanni stagionali.

Ma anche se siete sani e in forze, una volta che un virus del raffreddore è riuscito a raggiungere le vostre mucose nasali difficilmente la scamperete.

A peggiorare la situazione, i batteri possono approfittare della situazione diffondendosi e causando infezioni secondarie, come otiti, sinusiti e bronchiti batteriche.

Le colpe dei radicali liberi

Per ridurre il rischio di contagio esistono alcune misure comportamentali, come per esempio lavarsi spesso le mani, cercare di non frequentare ambienti affollati, mantenersi idratati.

E, soprattutto, tenere alte le nostre difese, il che ci aiuta anche se il virus è già riuscito a penetrare, poiché saremo in grado di guarire meglio e più in fretta.

Ad assisterci in questo senso ci sono gli antiossidanti, un vero esercito di sostanze diverse deputate a combattere i radicali liberi, proteggendo così le cellule dal danno ossidativo che le indebolisce.

I radicali liberi si formano nel corso di numerosi processi, sia fisiologici sia patologici, comprese le infezioni virali come il raffreddore.

Tali sostanze sono in grado di innescare reazioni dannose che compromettono l’integrità cellulare e dei sistemi di difesa.

La carica degli “scavengers”

Gli antiossidanti si comportano come veri e propri “scavengers”, che letteralmente significa “spazzini”, poiché sono in grado di catturare e rimuovere i radicali liberi.

In tal modo rinforzano il sistema immunitario come anche le cellule delle mucose, barriere naturali contro la penetrazione dei germi.

Ed è per questo che possono svolgere un ruolo importante nella prevenzione del raffreddore o nell’accelerare la sua guarigione.

Mettere a disposizione del nostro organismo una buona quantità di antiossidanti significa perciò non soltanto rallentare l’invecchiamento cellulare, ma anche aumentare la resistenza agli attacchi dei microrganismi.

Quali sono e dove li troviamo

Tra gli antiossidanti più efficienti troviamo alcune vitamine, come la A, la C e la E e quelle del gruppo B, ma anche alcuni minerali quali manganese, rame, selenio e zinco.

In generale non dovremmo avere grandi difficoltà di approvvigionamento poiché molti di alimenti ne contengono discrete quantità. Un’alimentazione ricca di frutta e verdura dovrebbe essere sufficiente ad apportate antiossidanti in quantità adeguata.

Esistono però alcuni processi di lavorazione e raffinazione che riducono drasticamente il contenuto vitaminico dei cibi, inoltre alcol, caffè, fumo alterano l’assorbimento dei nutrienti.

Per questo può essere indicata una supplementazione, specie nei casi di aumentato fabbisogno: gli integratori multivitaminici sono in grado di fornirci la dose ideale di tutte le sostanze antiossidanti necessarie.

Nicoletta Limido

VIDEO

Raffreddore e influenza: prevenzione e rimedi naturali

Raffreddore influenza regole prevenzione

Raffreddore e influenza, Antonella Sannia, fitoterapeuta, ci spiega come prevenirle con i rimedi naturali.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su