Intestino irritabile: ecco i sintomi

Dolore addominale, stipsi o diarrea, mal di testa, stanchezza. Ma non solo...

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Intestino irritabile sintomi e segnali

Dolore addominale, stipsi o diarrea, mal di testa, stanchezza. Sintomi piuttosto aspecifici, che ognuno di noi può aver sperimentato. Ecco quando sospettare il colon irritabile.

I sintomi riconducibili alla sindrome del colon irritabile possono variare da una persona a un’altra e spesso sono liquidati come disturbi da cattiva alimentazione.

In effetti compare più frequentemente in chi mangia in modo disordinato e scorretto, ma non è il cibo la causa principale di questa sindrome, che appare essere, oggi, una delle malattie intestinali più frequenti.

Pensi di soffrire di colon irritabile. Prova il questionario di Saperesalute e scopri che cos& 39;hai

La sintomatologia si fa in tre

Sostanzialmente si presenta con tre differenti tipi di disturbi:

  • gonfiore e dolore addominale accompagnati spesso da meteorismo, oppure crampi;
  • alterazione della frequenza di evacuazione e della consistenza delle feci;
  • sintomi non intestinali, quali nausea, bruciore gastrico, fastidio o dolore alla testa, stanchezza.

C’è chi si ritrova a dover andare in bagno di continuo, con feci molli o vera e propria diarrea e chi, al contrario, soffre per crampi addominali e stitichezza: le feci sono più dure del solito e la defecazione difficile.

Spesso è presente muco chiaro o biancastro nelle feci.

Qualcuno, poi, sperimenta periodi di diarrea alternati a periodi di stipsi. E quasi sempre associati a sintomi non intestinali, come nausea, mal di testa e stanchezza insolita.

Può succedere anche che la sintomatologia sparisca o si attenui per alcuni mesi.

Il segreto è la frequenza

Con disturbi così aspecifici, come si fa a sapere se siamo in presenza di colon irritabile? Gli esperti ci suggeriscono di fare attenzione alla loro frequenza.

Se si deve correre in bagno più di tre volte al giorno o, al contrario, si riesce ad evacuare non più di tre volte la settimana e questi eventi continuano per un periodo di almeno 12 settimane (anche non consecutive) nel corso dell'anno è molto probabile che si soffra di colon irritabile.

I fattori che peggiorano i disturbi

La sintomatologia poi può esacerbarsi in alcune situazioni tra le quali:

  • dopo pasti abbondanti;
  • assunzione di determinati cibi o bevande, come grano, orzo, segale, cioccolata, latte e derivati, alcol, bevande contenenti caffeina;
  • accumulo di gas nel colon;
  • assunzione di alcuni farmaci;
  • periodi di stress.

Nelle donne, inoltre, i sintomi sono più gravi durante il ciclo mestruale, quindi sembra che gli ormoni sessuali abbiano un ruolo nel peggiorare i disturbi da colon irritabile.

Infine, chi soffre di intestino irritabile è spesso un soggetto ansioso o depresso; sappiamo che ansia e depressione possono far peggiorare la sintomatologia, ma potrebbe anche accadere il contrario, ovvero la malattia può indurre depressione e ansia.

Attenzione se...

Non si possono ascrivere a colon irritabile, invece, situazioni quali:

  • esordio dei disturbi dopo i 50 anni;
  • sintomi acuti che compaiono all’improvviso;
  • anoressia o perdita di peso;
  • febbre;
  • diarrea senza sintomatologia dolorosa;
  • grasso nelle feci;
  • sangue nelle feci;
  • intolleranza al lattosio e al glutine.

In questi casi il medico prescriverà esami specifici per valutare la presenza di altre patologie dell’intestino.

Eugenio Bubo

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Samanta mazzocchi Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Come riconoscere la sindrome dell'intestino irritabile

Sintomi intestino irritabile

Intervista a Luisa Spina, gastroenterologa dell'IRCCS Policlinico San Donato, Milano.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su