Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
guaranà proprietà

Guaranà

Contiene caffeina, psicostimolante che migliora attenzione e memoria nonché le performance mentali e riduce il senso di fatica.

Che cos’è

Denominata Paulinia cupana, il guaranà è una pianta rampicante, sempreverde, proveniente dalla foresta amazzonica, dove cresce prevalentemente lungo i fiumi, e appartenente alla famiglia delle Sapindaceae.

Può superare i 10 metri d’altezza ed è considerata sacra da varie tribù indio, che l’hanno sempre utilizzata per la cura delle malattie.

Attività

La pianta secca contiene almeno il 2,5% di caffeina, che agisce come psicostimolante, migliorando le capacità di attenzione e memoria nonché le performance mentali e riducendo il senso di fatica.

La caffeina determina inoltre accelerazione del battito cardiaco insieme a un’azione modicamente vasodilatatrice e diuretica. Favorisce inoltre la mobilizzazione dei grassi dal tessuto adiposo.

Perché si usa

Il guaranà è impiegato come tonico mentale, per migliorare il livello di attenzione, in caso di deficit di memoria e/o deperimento psichico, e come dimagrante, in virtù dell’azione lipolitica, in condizioni di sovrappeso e obesità.

Leggi anche Guaranà, per cominciare meglio la giornata.

Come si usa

La pasta di guaranà è impiegata storicamente dai nativi sudamericani come stimolante, astringente e per contrastare la diarrea cronica.

I semi grattati nell´acqua sono utilizzati in caso di febbre, problemi cardiaci, mal di testa, lombalgie, emicrania e affaticamento provocato dal caldo.

Normalmente si utilizza l’estratto secco titolato al 3% in caffeina. Il dosaggio giornaliero è di 400-800 mg di estratto secco, corrispondenti a 12-24 mg di caffeina.

Effetti indesiderati

Il guaranà può dare luogo a sovreccitazione, tremore, insonnia, irritabilità, tachicardia e, in alcuni casi, nausea ed episodi di vomito.

Gli effetti indesiderati sono per lo più legati all’assunzione di dosaggi eccessivi e per periodi di tempo protratti.

Precauzioni

Il guaranà è controindicato in caso di:


EtàAl di sotto dei 10 anni
Patologie
Ipertiroidismo, aritmie cardiache e cardiopatie in genere, ipertensione, ulcera peptica, sindromi ansiose
Altre condizioni

Gravidanza


A dosaggi eccessivi può causare disturbi da ipereccitazione (insonnia, agitazione, euforia). Non dovrebbe essere assunto la sera e impone attenzione in caso di ipertensione.

Interazioni

Il guaranà aumenta l’escrezione della fenitoina (famaco antiepilettico), riducendone l’effetto terapeutico.

Altre interazioni importanti riguardano l’acido acetilsalicilico, gli antiaritmici, gli anticoagulanti, il litio, i fluorochinolonici, gli ormoni tiroidei, gli inibitori delle monoamino-ossidasi (impiegati nella terapia della malattia di Parkinson), i macrolidi e i contraccettivi orali.

A cura della redazione

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Sannia1
Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

TAG
CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
VIDEO

Rimedi dalla natura per aiutare memoria e concentrazione

Memoria concentrazione stress

Calo di memoria e affaticameno mentale. Ecco come affrontarli e i rimedi fitoterapici.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PIANTE OFFICINALI
Torna su