Pubblicità

Ulcera gastrica: sintomi, cause e cure

Una specie di ferita che si forma sulla parete interna dello stomaco quando i fattori protettivi della mucosa vengono a mancare.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Ulcera gastrica cause farmaci

Che cos’è

L’ulcera gastrica (dello stomaco) è una specie di ferita che si forma sulla parete interna dello stomaco (tonaca mucosa). Si sviluppa quando i fattori protettivi della mucosa vengono a mancare.

Diagnosi e sintomi dell'ulcera gastrica

Il sintomo più comune dell'ulcera è il dolore, localizzato al di sotto dello sterno (osso anteriore verticale del torace). Possono essere presenti anche nausea e vomito.

I sintomi dell'ulcera gastrica tendono a presentarsi per periodi che durano da uno a due mesi, soprattutto in primavera e autunno.

La diagnosi avviene sulla base dei sintomi e confermata da esami quali la gastroscopia (che permette l'osservazione della superficie interna dello stomaco) e l'esame radiografico con mezzo di contrasto (pasto di bario).

L'infezione da Helicobacter può essere diagnosticata con il rilevamento di anticorpi specifici nel sangue.

Le cause comuni dell'ulcera gastrica

Fino a pochi anni fa si riteneva che le cause dell’ulcera gastrica fossero legate soltanto a fattori favorenti fisiologici e comportamentali: gastriti croniche (infiammazione prolungata), eccessiva produzione di succhi gastrici acidi, il fumo di sigaretta, lo stress, l’eccessivo consumo di superalcolici e di caffè, e l'azione corrosiva di farmaci assunti per lunghi periodi (antinfiammatori).

Recentemente, però, è stato scoperto che nel 50/65% dei casi l’ulcera gastrica è causata dalla presenza di *Helicobacter pylori*, un batterio che si localizza al di sotto della mucosa e provoca una reazione infiammatoria locale.

Curare l'ulcera gastrica

In passato l’intervento chirurgico era la cura per l'ulcera gastrica più utilizzata mentre oggi è riservato a pochi e gravi casi urgenti con perforazione.

I farmaci più utilizzati sono: gli antiacidi (idrossido di alluminio), bloccanti del recettore H2 dell'istamina (cimetidina, ranitidina) e inibitori di pompa protonica (omeprazolo e derivati).

Nei pazienti positivi per l'infezione da Helicobacter pylori, viene associato un antibiotico mirato. È necessaria la ricetta medica per tutti eccetto che per alcuni antiacidi.

Anche i cambiamenti dello stile di vita e l’alimentazione possono essere utili nella cura dell’ulcera gastrica.

Per esempio consumare i pasti a orari regolari, piccoli e frequenti, non digiunare per lunghi periodi.

Sono sconsigliati il pepe, il caffè, il tè e il cacao, i succhi di frutta e i cibi grassi o piccanti. Da evitare i superalcolici.

Complicazioni

La principale e più pericolosa conseguenza di un’ulcera trascurata a lungo è la perforazione della parete dello stomaco con successiva emorragia interna (perdita di sangue).

L’emorragia si può esternare con perdita di sangue nelle feci (melena). In questi casi si può osservare anche perdita di peso e anemia.

Quando consultare il medico

Quando è presente un dolore addominale persistente e si notano forti e frequenti nausee o disturbi digestivi, è sempre meglio sentire cosa ne pensa il medico di famiglia. Soprattutto se subentrano anche vomito e rapida perdita di peso.

Quanto è diffusa

L’ulcera gastrica è abbastanza diffusa nel mondo occidentale, anche se è in diminuzione negli ultimi 20 anni.

Si stima, oggi, che almeno il 10-20 per cento della popolazione adulta possa avere un’ulcera nel corso della vita. La massima incidenza dell'ulcera gastrica è negli uomini tra i 50 e i 60 anni. Il rapporto maschi/femmine è di 3:1.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ulcera: cause, esami e rimedi

Fotogallery

Sette trucchi per digerire meglio

  • Digerire pranzo stress

    Mangia con calma

    La fretta è il peggior nemico della digestione. Meglio prendersi il tempo necessario per mangiare e masticare con calma, boccone dopo boccone. Meglio evitare quindi il panino ingurgitato in fretta e furia al bancone del bar perché è il modo migliore per sentirlo andare su e giù per tutta la giornata. Se possibile, nella pausa pranzo, vanno evitate anche le fonti di stress. Quindi niente discussioni di lavoro, almeno a tavola.

  • Digestione pantaloni

    Evita le cinture che “strizzano” la vita

    Almeno un merito la tanto vituperata moda dei pantaloni “a vita bassa” ce l’ha: lascia libero lo stomaco da inutili costrizioni, facendo appoggiare le cinture o fasce sui fianchi. Chi invece preferisce vestirsi in modo più classico deve orientarsi verso tagli più morbidi e tessuti meno rigidi. E le donne che indossano gonne o shorts e collant dovrebbero evitare di posizionare gli elastici proprio all’altezza dell’ombelico.

  • Digerire fritto

    Stai lontano dai cibi grassi

    Fritti e condimenti a base di burro sono tra gli alimenti più difficili e lunghi da digerire. Lo stomaco deve lavorare un bel po’ prima di riuscire a smaltirli. Chi soffre di problemi digestivi deve quindi evitare, a pranzo e a cena, di mettere troppi grassi nel piatto.

  • Pennicchella digestione

    No alla pennichella

    Dopo un pranzo abbondante, a volte anche dopo un pasto leggero, viene l’abbiocco. Non è nulla di grave: il sangue scorre copioso verso lo stomaco, per favorire la digestione, e diminuisce l’afflusso al cervello. Stanchezza, spossatezza, palpebre abbassate sono un fenomeno naturale. Meglio evitare però la classica pennichella se si fa fatica a digerire perché la posizione orizzontale e il sonno non facilitano il lavoro dello stomaco.

  • Acqua digestione

    L’acqua frizzante non serve

    C’è chi pensa che l’acqua gassata aiuti a digerire. Sarebbe bello, ma in realtà è soltanto un’impressione. L'anidride carbonica non ha alcuna proprietà digestiva: le bollicine si limitano a dilatare lo stomaco, favorendo l'espulsione del gas. Ma questo non certo è sinonimo di digestione.

  • Digestione freddo

    Niente sbalzi di temperatura dopo mangiato

    Anche il classico colpo d’aria allo stomaco, così come il tuffarsi in acqua, subito dopo un pasto è un deterrente alla digestione. Il freddo è un ostacolo al lavoro dello stomaco e se per alcune fortunate persone non cambia nulla, per quelli che soffrono di difficoltà digestive può rappresentare un problema.

  • Antiacido

    Un antiacido all’occorrenza

    Se dopo il pasto insorgono bruciori e dolori allo stomaco è molto probabile che ci sia un problema di iperacidità gastrica. Niente di grave, se succede di tanto in tanto. Nella gran parte dei casi può bastare un antiacido, di quelli che si comprano in farmacia senza ricetta medica. Si tratta di sostanze che reagiscono con l'acido cloridrico, neutralizzandolo. Si presentano sotto forma di compresse o granulati, come per esempio i preparati a base di carbonato di calcio e di magnesio. Neutralizzano rapidamente l'iperacidità e sono rimedi efficaci per facilitare la digestione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su