Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Alimentazione in caso di cistite"

Vorrei avere dei consigli su quali alimenti è meglio usare e quali invece evitare in caso di ripetuti episodi di cistite. In particolare è vero che i cibi acidi, tipo pomodori o limoni o pompelmi, vanno evitati per non aggravare l'infiammazione? In contemporanea ad una alimentazione adeguata esistono altri prodotti utili a prevenire la cistite o ad accelerare la guarigione?

Così come avviene per tutte le condizioni in cui l’alimentazione corretta può fare la differenza, anche per la cistite ricorrente è bene seguire le raccomandazioni per una corretta alimentazione per la popolazione generale in merito alla riduzione di grassi soprattutto di origine animale, di bevande ed alimenti ricchi di zuccheri e alla corretta assunzione di adeguate porzioni di frutta e verdura. Si deve mantenere una buona idratazione, incrementare il consumo di fibra e privilegiare (non evitare) il consumo di alimenti che acidificano le urine, ciò aiuta a contrastare l’aderenza dei batteri alla parete mucosa della vescica. È meglio evitare del tutto: alcolici potenti irritanti di tutte le mucose dell’organismo, vescica compresa - caffè, tè e bevande contenenti caffeina; peperoncino, pepe e spezie piccanti in generale perché possono agire come irritanti della vescica; formaggi piccanti; zuccheri semplici perché facilitano la crescita batterica (cioccolato, gelati, dolciumi, bevande zuccherine.) In particolare vanno evitati anche i dolcificanti artificiali (in pastiglie o contenuti in alcuni yogurt, marmellate, prodotti da forno e bibite). Abbandonare i condimenti grassi come burro, lardo, margarine, fritture e intingoli. Bandire gli insaccati e le salse a base di senape, maionese e ketchup . È sempre meglio ridurre il sale. Della carne è consigliabile preferire quella proveniente da tagli magri, privata del grasso visibile, e preparata con metodi di cottura semplici. Evitare quelle affumicate. Consumare: almeno 2 Litri di acqua al giorno; almeno una porzione di verdure a pasto per apportare vitamine, sali minerali e antiossidanti. Preferire quelli con poco sodio e molto potassio tra cui: cavolfiori, finocchi, carote, lattuga, broccoli, spinaci. Circa tre frutti al giorno meglio consumati con la buccia dopo averli ben lavati. In particolare mirtilli, ribes, kiwi e frutti di bosco rinforzano le vie urinarie e il sistema immunitario perché sono ricchi in vitamina C. Mangiare anche frutta cotta (preferibilmente pere o prugne). Anche anguria e ananas sono indicati per il loro basso contenuto di sodio, elevato apporto di potassio ed effetto drenante. Ottime le tisane e gli infusi ad esempio al timo, disinfettante naturale delle vie urinarie. Aglio e cipolla se graditi sono ottimi per le loro proprietà antimicrobiche e immunostimolanti. Sedano e prezzemolo in virtù della loro azione diuretica. I cereali integrali sono da preferire a quelli raffinati. Il pesce fresco e i formaggi freschi sono sempre consentiti. Olio extravergine d’oliva a crudo per condire gli alimenti. Latte fermentato e suoi derivati, come lo yogurt; oppure fermenti lattici (probiotici) a cicli possono infine aiutare a regolarizzare la diuresi e le funzioni intestinali.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su