Pubblicità

Probiotici, prebiotici e simbiotici

Probiotici, prebiotici: attività e benefici sul sistema gastrointestinale e su quello immunitario.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Probiotici prebiotici simbiotici

Che cosa sono

  • Probiotici. La definizione di probiotici oggi internazionalmente accettata è quella elaborata da un gruppo di esperti delle due agenzie dell'Organizzazione delle nazioni unite per l'alimentazione (Fao) e per la sanità (Oms): “microrganismi vivi che, ingeriti in adeguate quantità (attraverso alimenti appositamente arricchiti o sotto forma di integratori), sono in grado di esercitare funzioni benefiche per l’organismo”.

  • Prebiotici. Sono alcune sostanze di origine alimentare non digeribili (per lo più appartenenti alla classe chimica degli zuccheri) che, se ingerite in quantità adeguata, sono in grado di favorire selettivamente la crescita e/o l’attività di uno o più microrganismi tra quelli già presenti nella flora batterica intestinale o tra quelli contestualmente somministrati come probiotici.

  • Simbiotici. Sono quegli alimenti o integratori che contengono contemporaneamente sia microrganismi probiotici sia sostanze dotate di proprietà prebiotiche.

Come agiscono

Probiotici. I principali meccanismi attraverso i quali i probiotici possono produrre effetti positivi sono:

  • modulazione delle funzioni immunitarie a livello della mucosa intestinale (inibizione della risposta infiammatoria, attivazione dei meccanismi di difesa);
  • azione di contrasto/competizione nei confronti di altri microrganismi che possono provocare infezioni (patogeni);
  • eliminazione di sostanze nocive (tossine, radicali liberi) presenti nel lume intestinale.

Prebiotici. La loro trasformazione da parte dei microrganismi della flora intestinale produce molecole (acidi grassi a catena corta) che hanno vari effetti favorevoli:

  • stimolazione della crescita di microrganismi benefici (soprattutto bifidobatteri);
  • riduzione della crescita di batteri patogeni;
  • ottimizzazione dell'assorbimento intestinale di micronutrienti.

Quali sono

La letteratura scientifica descrive via via un numero sempre maggiore di microrganismi che possono essere considerati probiotici.

Al momento la maggior parte dei ceppi batterici con dimostrata efficacia probiotica e sicurezza d’uso appartiene ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium, ma sono usati anche alcuni ceppi di Escherichia coli e lieviti del genere Saccaromyces.

È stato inoltre dimostrato che singoli ceppi batterici (popolazioni di batteri appartenenti alla medesima specie ma dotate di minime differenze tra loro) hanno specifiche caratteristiche probiotiche e che per ogni tipo di microrganismo la quantità da somministrare per ottenerne effetti benefici varia considerevolmente a seconda dei ceppi.

Per questo motivo gli integratori contenenti probiotici devono riportare, per ogni tipo di microrganismo presente, il nome del genere e della specie, il codice che identifica il ceppo di appartenenza (per esempio Lactobacillus rhamnosus GG, Bifidobacterium animalis DN 173 010 eccetera) e la concentrazione di microrganismi vitali (che devono rimanere tali fino al termine di conservazione del prodotto) normalmente espressa in cfu per millilitro o per dose.

Va sottolineato che gli alimenti arricchiti con probiotici (che non ne riportano le concentrazioni) non sempre contengono un numero di microrganismi sufficiente a garantirne l'efficacia.

Che cosa fanno

Gli effetti positivi dei probiotici meglio documentati sono quelli sull'apparato gastroenterico, dove si sono dimostrati utili come coadiuvanti nella cura di una serie di condizioni patologiche: diarrea associata all'assunzione di antibiotici, gastroenteriti infettive, enterocoliti infantili, sindrome del colon irritabile, colite ulcerosa, infezione da Helicobacter pylori, malassorbimento.

Alcuni studi hanno inoltre dimostrato la potenziale efficacia dei probiotici nella prevenzione o nella riduzione sintomatologica di malattie respiratorie di natura allergica e infettiva e di infezioni urinarie e genitali, riconducibile alla loro attività di immunomodulazione.

Non ancora sufficientemente documentati sono invece altri effetti benefici che si pensa possano essere attribuiti ai probiotici, quali la riduzione dei livelli di colesterolemia e la prevenzione di tumori del colon-retto.

Sicurezza d'uso

I microrganismi utilizzati come probiotici devono possedere una serie di requisiti di efficacia e sicurezza:

  • essere di sicuro impiego nell'uomo;
  • non essere portatori di antibiotico-resistenze acquisite e/o trasmissibili;
  • essere in grado di persistere e moltiplicarsi nell’intestino umano;
  • essere attivi e vitali in quantità tale da giustificare gli eventuali effetti benefici osservati in studi di efficacia.

Per quanto concerne la sicurezza, una lista di specie batteriche qualificate presuntivamente come sicure è stata stilata dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Samanta mazzocchi Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Stipsi: come curarla

Quando parlare di stipsi

Stipsi: definizione, cause, prevenzione e cure

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette trucchi per digerire meglio

  • Digerire pranzo stress

    Mangia con calma

    La fretta è il peggior nemico della digestione. Meglio prendersi il tempo necessario per mangiare e masticare con calma, boccone dopo boccone. Meglio evitare quindi il panino ingurgitato in fretta e furia al bancone del bar perché è il modo migliore per sentirlo andare su e giù per tutta la giornata. Se possibile, nella pausa pranzo, vanno evitate anche le fonti di stress. Quindi niente discussioni di lavoro, almeno a tavola.

  • Digestione pantaloni

    Evita le cinture che “strizzano” la vita

    Almeno un merito la tanto vituperata moda dei pantaloni “a vita bassa” ce l’ha: lascia libero lo stomaco da inutili costrizioni, facendo appoggiare le cinture o fasce sui fianchi. Chi invece preferisce vestirsi in modo più classico deve orientarsi verso tagli più morbidi e tessuti meno rigidi. E le donne che indossano gonne o shorts e collant dovrebbero evitare di posizionare gli elastici proprio all’altezza dell’ombelico.

  • Digerire fritto

    Stai lontano dai cibi grassi

    Fritti e condimenti a base di burro sono tra gli alimenti più difficili e lunghi da digerire. Lo stomaco deve lavorare un bel po’ prima di riuscire a smaltirli. Chi soffre di problemi digestivi deve quindi evitare, a pranzo e a cena, di mettere troppi grassi nel piatto.

  • Pennicchella digestione

    No alla pennichella

    Dopo un pranzo abbondante, a volte anche dopo un pasto leggero, viene l’abbiocco. Non è nulla di grave: il sangue scorre copioso verso lo stomaco, per favorire la digestione, e diminuisce l’afflusso al cervello. Stanchezza, spossatezza, palpebre abbassate sono un fenomeno naturale. Meglio evitare però la classica pennichella se si fa fatica a digerire perché la posizione orizzontale e il sonno non facilitano il lavoro dello stomaco.

  • Acqua digestione

    L’acqua frizzante non serve

    C’è chi pensa che l’acqua gassata aiuti a digerire. Sarebbe bello, ma in realtà è soltanto un’impressione. L'anidride carbonica non ha alcuna proprietà digestiva: le bollicine si limitano a dilatare lo stomaco, favorendo l'espulsione del gas. Ma questo non certo è sinonimo di digestione.

  • Digestione freddo

    Niente sbalzi di temperatura dopo mangiato

    Anche il classico colpo d’aria allo stomaco, così come il tuffarsi in acqua, subito dopo un pasto è un deterrente alla digestione. Il freddo è un ostacolo al lavoro dello stomaco e se per alcune fortunate persone non cambia nulla, per quelli che soffrono di difficoltà digestive può rappresentare un problema.

  • Antiacido

    Un antiacido all’occorrenza

    Se dopo il pasto insorgono bruciori e dolori allo stomaco è molto probabile che ci sia un problema di iperacidità gastrica. Niente di grave, se succede di tanto in tanto. Nella gran parte dei casi può bastare un antiacido, di quelli che si comprano in farmacia senza ricetta medica. Si tratta di sostanze che reagiscono con l'acido cloridrico, neutralizzandolo. Si presentano sotto forma di compresse o granulati, come per esempio i preparati a base di carbonato di calcio e di magnesio. Neutralizzano rapidamente l'iperacidità e sono rimedi efficaci per facilitare la digestione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI FARMACI
Torna su