Pubblicità

Ti sei beccato l'influenza? Ecco il menù che fa per te

Gli alimenti da portare in tavola quando siamo KO per colpa dei virus stagionali.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Influenza, cibi, alimentazione, verdure, frutta, vitamine

Gli alimenti da portare in tavola quando siamo KO per colpa dei virus stagionali.

Febbre alta e improvvisa, mal di testa, dolori muscolari e sintomi respiratori: sono questi i disturbi con cui ci si trova ad avere a che fare quando si è vittime dell'influenza.

Anche se all’apparenza questi sintomi non hanno nulla a che vedere con stomaco e intestino, è facile che il virus faccia passare l'appetito.

Mangiare è, però, fondamentale per rimettersi in forma. Non solo, alcuni alimenti sono veri e propri alleati della guarigione.

Reidratarsi con gusto e fare il pieno di nutrienti

La prima regola è garantirsi il giusto livello di idratazione. L'acqua non è l'unica soluzione: i fluidi possono essere assunti anche sotto forma di salutari centrifugati di verdura, frullati, succhi di frutta o tè, tutti ricchi di antiossidanti e vitamine che potenziano il sistema immunitario.

Le carote per esempio sono ricche di vitamina A e beta-carotene, mentre cavoli, cavolfiori, broccoli, arance, mandarini, pompelmi e kiwi sono una buona fonte di vitamine C ed E.

A fornire l'idratazione migliore durante i pasti è il brodo di pollo. L'aggiunta di aglio e peperoncino alla sua preparazione conferisce al tutto un'azione coadiuvante contro i virus.

Il brodo di pollo contiene anche le proteine di origine animale indispensabili per rinforzare il sistema immunitario e produrre anticorpi.

Per farne il pieno si possono mangiare anche uova, pesce e carne bianca facilmente digeribile, come quella di tacchino. Sempre per favorire la digestione come frutto si può scegliere una banana, soprattutto se tra i sintomi contro cui si deve lottare sono inclusi diarrea, nausea o vomito.

A giungere in soccorso a chi, invece, deve lottare con il mal di gola sono ancora centrifugati, frullati e succhi di frutta, più facili da deglutire. E poi il miele: un cucchiaio nel tè lenisce il dolore e svolge un'azione disinfettante.

Non è, infine, da trascurare l'aiuto che può derivare dal consumo di cibi ricchi di prebiotici, sostanze che non vengono digerite dal nostro corpo ma che costituiscono una fonte di nutrimento per i batteri della nostra flora intestinale, quell'insieme di batteri alleati della salute e che possono stimolare, inviando segnali specifici, anche l'attività del sistema immunitario nelle vie respiratorie. Via libera quindi a cipolle, carciofi e porri.

Silvia Soligon

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Influenza e raffreddore: leggende metropolitane e verità scientifiche

Influenza raffreddore miti realta

Per preveire l'influenza basta coprirsi bene? E un bicchierino di superalcolico fa passare prima il raffreddore? Ecco il parere di Aurelio Sessa, medico di Medicina generale e presidente della Simg Lombardia.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su