Sport: gli integratori che servono di più

Oggi l'offerta è davvero ampia: ecco come orientarsi.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
potassio magnesio sport

Oggi l’offerta di supplementi alimentari per gli sportivi è davvero vasta e spesso ci si trova in difficoltà nella scelta. Ecco come orientarsi.

Per quanto riguarda l’integrazione alimentare, ogni sportivo è un caso a sé: molto dipende dallo stato di salute, dal tipo di alimentazione e dal tipo di sport praticato.

E mentre la disponibilità di prodotti per gli sportivi è in espansione, con formulazioni sempre diverse, i pareri sull’opportunità di assumerli non sono ancora concordi, specie in caso di attività amatoriali.

È vero che in particolari condizioni, anche seguendo uno stile di vita e un regime alimentare corretti, è possibile che un atleta abbia la necessità di assumere determinati supplementi, ma questo non riguarda, in genere, chi pratica sport non agonistico.

A ogni sportivo il suo integratore

Negli sport di resistenza può essere consigliato assumere maltodestrine, ma solo in caso di un impegno fisico che si prolunghi per più di un’ora, e più volte la settimana.

Mentre una supplementazione di aminoacidi ramificati può favorire il recupero, se si seguono di allenamenti particolarmente intensi e prolungati o si è di fronte a un ridotto apporto alimentare.

Così come negli sport di potenza chi segue regimi vegetariani potrebbe trarre beneficio dai supplementi di creatina, mentre è da verificare la sua utilità se la dieta è ricca di proteine animali.

Vitamine e minerali: per tutti

Vitamine e sali minerali, invece, sono utili a tutti e alcune carenze non sono rare, sia negli sportivi di alto e medio livello, sia in chi fa attività fisica amatoriale.

Le vitamine del gruppo B, per esempio, sono utili per combattere la stanchezza muscolare: B1, B6, B12 e acido folico intervengono nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine e contribuiscono a trasformare il cibo in energia.

Vitamine antiossidanti, come la C, sono essenziali per contrastare lo stress ossidativo che deriva dall’attività muscolare. I muscoli, infatti, traggono energia da reazioni che consumano ossigeno. Ma che liberano radicali liberi i quali possono danneggiare i tessuti.

Inoltre, lo sforzo muscolare produce calore che deve essere disperso affinché la temperatura corporea si mantenga costante intorno al valore ideale di 37° C. Il sudore ha questo compito: evaporando rinfresca.

Insieme con i liquidi, però, sudando si perdono anche consistenti quantità di sali minerali, come magnesio e potassio, essenziali per il corretto funzionamento dei muscoli e della conduzione nervosa, e che devono essere reintegrati nelle giuste proporzioni e a dosaggi adeguati.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
VIDEO

Sport: in estate è la stagione ideale, ma...

Albertomartina

Un po' di attività fisica fa sempre bene, ma è con la bella stagione che viene voglia di muoversi. Per sapere come comportarti ascolta l'intervista ad Alberto Martina

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sali minerali: ecco chi rischia di andare in riserva

  • Rischio carenze minerali 4

    In estate siamo tutti a rischio

    Quando fa caldo e sudiamo di più siamo tutti a rischio di andare in riserva di magnesio e potassio. Con il sudore infatti ne perdiamo in abbondanza e se compaiono sintomi quali stanchezza e spossatezza, è bene correre ai ripari.

  • Rischio carenze minerali

    Chi suda molto

    C’è chi soffre di ipersudorazione e chi suda parecchio perché ama fare tanto sport. In entrambi i casi, il rischio di carenze da magnesio e potassio è da prendere in considerazione.

  • Rischio carenze minerali 3

    Chi è in là con gli anni

    Sono soprattutto gli anziani coloro che devono più stare attenti alle carenze di magnesio e potassio: con gli anni infatti ne assorbiamo sempre meno dalla dieta.

  • Rischio carenze minerali 6

    Chi assume diuretici per curare l’ipertensione

    Molti ipertesi devono assumere, per tenere sotto controlla la pressione, farmaci diuretici. Questi medicinali comportano una maggiore escrezione di potassio con le urine e quindi un aumento del rischio carenza.

  • Rischio carenze minerali 2

    Chi è in sovrappeso

    Chi è in sovrappeso o addirittura obeso tende a sudare di più perché i muscoli fanno più fatica a spostare il maggiore peso corporeo. Per questo motivo, chi ha chili di troppo tende ad andare in carenza di magnesio e potassio.

  • Rischio carenze minerali 5

    Chi soffre di diabete

    Il diabete è una patologia che, tra le altre conseguenze, comporta anche il rischio di andare incontro a carenze di magnesio e potassio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SPORT E FITNESS
Torna su