Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 13 minuti

Setticemia: cause, sintomi e terapie

Una malattia silenziosa che può essere curata con successo se riconosciuta in tempo.

Una malattia silenziosa che può essere curata con successo se riconosciuta in tempo.

Tra i 6 e i 9 milioni di morti all'anno, quasi tutte prevenibili. Provoca più decessi di patologie come cancro alla prostata, al seno e infezione da virus dell'HIV messe insieme. Si tratta della setticemia, una delle patologie più comuni, ma anche una delle più insidiose: non sempre, infatti, viene individuata in tempo per essere trattata con efficacia.

Si tratta di una malattia poco conosciuta, il cui nome non genera nell'opinione pubblica lo stesso allarme provocato da termini come cancro, ictus o infarto. Tuttavia, la setticemia è una minaccia silenziosa per la salute, in costante crescita: negli ultimi 10 anni, i ricoveri ospedalieri per questa patologia sono quasi raddoppiati negli Stati Uniti, superando quelli per infarto.

Cos'è la setticemia?

Setticemia deriva dalla parola greca “ςεψις”, sēpsis, ovvero putrefazione, decomposizione di materiale organico. La sua prima citazione in un'opera letteraria risale addirittura a Omero, ma sarà solo con il XIX secolo, e la formulazione della "Teoria dei germi", che questa patologia verrà definita in modo più preciso.

La definizione più usata, al momento, descrive la setticemia come una condizione innescata da uno stimolo infettivo.

L'infezione, non controllata in modo adeguato, determina la diffusione massiccia di batteri, come streptococchi, stafilococchi, pneumococchi o meningococchi, e meno spesso di funghi, nell'intero organismo. Questo mette in moto una risposta infiammatoria che coinvolge tutto il corpo, stravolgendone l'equilibrio: di fatto, il sistema immunitario cerca di eliminare l'infezione, ma senza successo, e le conseguenze di un'attivazione massiva di questi meccanismi difensivi hanno un impatto negativo su tutto il corpo.

Le cause

La setticemia può avere un esordio decisamente insidioso, in quanto origina con un'infezione localizzata, per esempio a livello di polmoni e tratto respiratorio, dell'apparato gastrointestinale o di quello urinario, oppure a causa di ferite o di qualche lesione della pelle.

Qualsiasi tipo di infezione, non trattata in modo corretto, può potenzialmente determinare complicazioni come lo sviluppo di setticemia.

Tra le cause infettive più frequenti vi sono:

  • polmonite
  • infezioni addominali (appendicite, peritonite, infezione della cistifellea o dei dotti biliari)
  • infezioni delle vie urinarie (vescica, uretra, reni)
  • infezioni della pelle (cellulite)
  • infezioni del sistema nervoso (meningite, encefalite)
  • infezioni delle ossa
  • infezioni cardiaca (endocardite)
  • interventi chirurgici.

Il fenomeno della batteriemia

In condizioni normali, l’attività del sistema immunitario si limita alla zona o all'organo colpiti dall’infezione: attraverso specifici meccanismi infiammatori, il nostro organismo evita che i batteri possano diffondersi al resto del corpo. Tuttavia, esistono casi particolari in cui il paziente è debilitato o con una ridotta funzione immunitaria (come per esempio dopo un trapianto di midollo spinale o altri organi oppure dopo malattie infettive debilitanti) e l'organismo non riesce quindi a eliminare completamente i batteri che sono entrati nel torrente circolatorio.

Si può quindi verificare un fenomeno noto con il nome di batteriemia: in altre parole, i batteri fuoriescono dalla sede iniziale dell'infezione, per invadere il sangue. Il risultato? Anche la risposta infiammatoria andrà a interessare non più un'area localizzata, ma l'intero organismo.

La batteriemia può essere causata non solo da infezioni, ma anche da attività quotidiane apparentemente innocue, come lavarsi i denti, o da procedure odontoiatriche o mediche eseguite con strumenti o in ambienti non perfettamente sterili. Anche la presenza di una protesi o di una valvola cardiaca artificiali possono provocare l'insorgenza di questo fenomeno.

Non sempre, però, la presenza di batteri nel sangue causa una vera e propria setticemia, cioè una diffusione sistematica dei microrganismi a livello esteso in tutto l'organismo; normalmente, infatti, i batteri sono presenti soltanto in piccole quantità e il sistema immunitario li rimuove rapidamente dal flusso circolatorio.

Tuttavia, se i patogeni si accumulano in gran numero, mantenendosi in circolo per un periodo di tempo prolungato, soprattutto in persone che hanno difese immunitarie compromesse, la batteriemia può dar luogo ad altre infezioni e talvolta può innescare quella grave risposta dell'organismo che è la sepsi.

Pubblicità

L'evoluzione della setticemia: la sepsi

Quando la risposta del sistema immunitario per eliminare l'infezione si espande, provocando una risposta infiammatoria diffusa all'intero organismo, si parla di sepsi.

Questa patologia può portare alla formazione di coaguli di sangue, che possono dare origine a veri e propri trombi. Questi aggregati possono diminuire o interrompere del tutto il normale scorrimento del flusso sanguigno verso tessuti periferici e organi vitali, come il cervello, privandoli così di sostanze nutritive e ossigeno.

Nei casi più gravi, può verificarsi che uno o più organi vadano incontro a una totale o parziale incapacità di svolgere la propria funzione, dando luogo a insufficienza renale, cardiaca o respiratoria.

Un'altra grave conseguenza della sepsi è l'ipotensione, ovvero la riduzione eccessiva dalle pressione sanguigna, che può portare il paziente a shock settico, una condizione potenzialmente fatale.

Il termine setticemia è a volte utilizzato impropriamente come sinonimo di sepsi, ma in realtà quest'ultima rappresenta una complicazione della prima. In altre parole, l'infiammazione a livello generalizzato che si manifesta in seguito a una setticemia e che il sistema immunitario non riesce a eliminare con successo viene definita sepsi.

I sintomi

Le caratteristiche della setticemia, in termini di durata e di entità dei sintomi, dipendono da molti fattori, legati sia all'ospite sia alla tipologia di microrganismi patogeni.

I sintomi della setticemia si manifestano in modo piuttosto rapido. Nelle fasi iniziali si possono osservare:

  • brividi
  • elevata temperatura corporea (febbre)
  • respirazione molto rapida e affannosa
  • aumento della frequenza cardiaca.

Nelle fasi successive, i sintomi si aggravano e i pazienti soffrono di:

  • confusione mentale

  • nausea e vomito

  • puntini rossi che si manifestano sulla pelle

  • riduzione della diuresi

  • ipotensione

  • debolezza

  • diarrea

  • dolori muscolari

  • ipotermia

  • perdita di coscienza.

La setticemia nei bambini

Quando la setticemia si manifesta nei bambini di età inferiore ai 5 anni, individuarla può essere difficile.

È quindi importante rivolgersi subito al medico se osservate che il vostro bambino:

  • assume un atteggiamento letargico
  • ha la pelle a chiazze, pallida o bluastra
  • è freddo al tatto (ipotermia)
  • respira affannosamente
  • ha convulsioni

Come si effettua la diagnosi di setticemia?

Si tratta di una malattia spesso sottovalutata nelle fasi iniziali, ma che se individuata tempestivamente può essere curata con successo.

Il sospetto di setticemia può nascere in caso di:

  • elevata temperatura corporea

  • aumentata frequenza cardiaca

  • respirazione rapida e affannosa.

Se si osservano questi sintomi, soprattutto nel caso in cui la persona abbia subito un intervento chirurgico o sia affetta da malattie infettive delle vie respiratorie, urinarie o abbia subito traumi, come ferite o ustioni, il medico potrà prescrivere esami del sangue per valutare:

- il numero di globuli bianchi, in quanto un loro aumento rappresenta uno dei segni legati a infezioni in corso

- eventuali disturbi della coagulazione

- la funzionalità di fegato o reni

- la disponibilità dell’ossigeno

- l’equilibrio elettrolitico.

In base ai risultati di questo test, lo specialista potrà decidere di effettuare ulteriori esami, come:

  • esame delle urine e delle feci
  • analisi delle secrezioni associate a ustioni o ferite
  • analisi delle secrezioni delle vie respiratorie.

Nel caso in cui la localizzazione del focolaio d'infezione non sia chiara, si possono effettuare esami come una tac, per individuare la sede precisa.

Il trattamento

Se individuata nelle prime fasi, quando non sono ancora stati coinvolti organi vitali, la setticemia può essere curata con una terapia antibiotica. Dal momento che spesso non c'è tempo per individuare con precisione il ceppo batterico che ha provocato la setticemia, solitamente si procede a un trattamento con antibiotici ad ampio spettro, per ridurre il più possibile la carica batterica.

Se la malattia è a uno stadio più avanzato, il paziente verrà quasi sicuramente ricoverato in terapia intensiva.

In base allo stato di salute complessiva, potrebbe essere indispensabile sottoporre la persona a:

- ventilazione meccanica, in caso di insufficienza polmonare

- dialisi in caso di insufficienza renale

- intervento chirurgico per rimuovere la causa dell’infezione, come per esempio un accumulo di pus (ascesso)

- alimentazione e idratazione per via endovenosa.

Per tenere sotto controllo la pressione sanguigna, potrebbe essere necessaria la somministrazione di farmaci vasopressori.

Chi è a rischio di setticemia?

Chiunque può essere colpito da un'infezione che può evolvere in setticemia. Tuttavia, esistono alcuni fattori di rischio che potrebbero aumentare la probabilità che questa patologia si verifichi.

I soggetti maggiormente a rischio sono:

- persone con sistema immunitario indebolito, tra cui per esempio persone sottoposte a trapianto di midollo spinale o altri organi

- neonati e bambini

- pazienti anziani

- soggetti affetti da malattie croniche, come diabete, AIDS, tumore e malattie epatiche o renali

- soggetti ricoverati a causa di gravi traumi o ustioni.

Si può prevenire?

La prevenzione delle infezioni è il modo migliore per proteggere l’organismo dal rischio di setticemia. A questo scopo, tra le strategie più semplici da adottare ricordiamo:

  • lavarsi accuratamente le mani soprattutto in ambiente ospedaliero
  • disinfettare sempre con attenzione ferite o abrasioni.

Dato che un intervento rapido può fare la differenza tra la vita e la morte, in caso di sospetta setticemia, la cosa migliore è rivolgersi il più rapidamente possibile a un medico.


Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su