Pubblicità

Appendicite: cause, sintomi, cure

L'infiammazione dell'appendice non è sempre facile da riconoscere. Ecco che cosa bisogna sapere.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Appendicite cause sintomi terapie

Che cos’è

L'appendicite è un'infiammazione acuta dell'appendice, piccola escrescenza simile a un lombrico che si trova all'inizio del grosso intestino, nella parte inferiore destra dell'addome.

Di solito è dovuta all'ostruzione da parte di feci, noccioli, muco o ingrossamento del tessuto linfatico.

È leggermente più frequente negli uomini e di solito insorge tra i 10 e i 30 anni. Richiede un trattamento chirurgico rapido perché la parete dell’appendice potrebbe rompersi.

Cause

La causa scatenante è la presenza di materiale ostruttivo che provoca il rigonfiamento e l’arrossamento dell’appendice che può diventare necrotica e perforarsi.

Fino a qualche tempo fa si riteneva che la piccola escrescenza intestinale non avesse alcuna utilità, ma attualmente è riconosciuta la sua funzione nella produzione di anticorpi, anche se la sua rimozione non indebolisce le difese immunitarie.

Sintomi comuni

Di solito si caratterizza per un dolore a livello dell'ombelico che si sposta verso la parte inferiore destra dell'addome, ma la sintomatologia può variare da persona a persona e si accentua in circa 6-12 ore.

Il dolore cresce quando dopo avere premuto sull'area inferiore destra dell’addome si rilascia bruscamente la pressione, oppure dopo sforzi come un colpo di tosse, camminare o fare le scale.

Può essere accompagnata anche da febbre, nausea e vomito.

Diagnosi

Fare una diagnosi di appendicite non è sempre semplice: dal 20% al 50% dei casi si interviene chirurgicamente anche su appendici non infiammate, senza riuscire a risalire alla causa scatenante la sintomatologia.

Questo perché le patologie o anche i semplici disturbi a livello addominale che possono dare un quadro simile a quello dell'appendicite sono numerosi.

Di solito però alcune manovre eseguite dal medico e gli esami del sangue, uniti alla presenza dei sintomi tipici, rappresentano una traccia utile a cui, oggi, si aggiunge la TAC per eliminare i dubbi residui.

Complicazioni

Se l'appendicite non viene trattata in modo rapido la parete dell’appendice si può rompere. Questa evenienza causa di solito una peritonite, ovvero un'infiammazione del peritoneo, la membrana che riveste le viscere.

Questa richiede un intervento di massima urgenza e può, ancora oggi, essere fatale.

Le cure

La terapia dell'appendicite acuta è chirurgica e consiste nella rimozione dell'appendice, che può essere eseguita in aperto o per via laparoscopica. Le modalità di esecuzione e tempi di degenza variano in base alla gravità dell'infezione.

Quando consultare il medico

Se compaiono sintomi dolorosi persistenti o crescenti alla base dell'addome, attorno all'ombelico o sul lato destro, che si accompagnano a nausea, vomito o febbre è bene rivolgersi a un pronto soccorso.

Nei bambini piccoli, in gravidanza e negli anziani i segnali possono essere diversi da quelli classici e bisogna pertanto rivolgersi sempre al medico nel caso di disagi o dolori addominali la cui causa non è identificabile.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Appendicite: sintomi, trattamenti e consigli

CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su