Pubblicità

Rinite allergica: meglio fare il pieno di vitamina C

Nella rinite allergica la sintomatologia, scatenata dalla liberazione di istamina, può essere alleviata con dosi adeguate di vitamina C.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti
Rinite allergica vitamina C prevenzione

Per molti, primavera fa rima con allergia. Sono soprattutto le riniti allergiche le forme più diffuse. La vitamina C può aiutare.

Un tempo chiamata "raffreddore da fieno", la rinite allergica non è altro che un’infiammazione delle mucose nasali scatenata dall’esposizione a una sostanza, l’allergene, a cui il sistema immunitario delle persone allergiche reagisce in modo non normale.

In pratica, ci sono persone il cui sistema immunitario risponde in modo esagerato a quelle sostanze che in genere sono innocue: le considerando dannose e produce anticorpi specifici (IgE) per combatterle.

Tra le cause di queste reazioni ci sono i pollini che si diffondono nell’aria, ma anche lo smog e la polvere domestica, che provocano oltre al raffreddore vero e proprio, starnuti e prurito al naso e alla gola, irritazioni agli occhi come la congiuntivite e, nei casi più gravi, cefalea.

Complicazioni da prevenire

Che succede se non si cura in modo adeguato? L’infiammazione può divenire cronica e comportare lo sviluppo di otiti medie, sinusite e poliposi nasale.

La rinite allergica può anche diventare un fattore scatenante il peggioramento dell’asma in chi ne soffre.

Le due malattie sono infatti spesso presenti contemporaneamente: il 40 per cento di chi ha la rinite allergica soffre anche di asma e coloro che soffrono di asma sono tutti a rischio di rinite allergica.

Vitamina salva mucose

Una ricerca statunitense ha svelato che l’alterazione delle mucose nasali caratteristica della rinite allergica può diminuire anche grazie a una adeguata assunzione quotidiana di vitamina C.

Per farlo si può mangiare più ortaggi a foglia verde e agrumi. Oppure ricorrendo agli integratori multivitaminici.

Rafforzando il sistema immunitario, la vitamina Cpuò portare a una riduzione della sintomatologia. Inoltre, supportando la salute della pelle, la vitamina C può portare sollievo alle mucose irritate del tratto respiratorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Dagostino Marco D'Agostino
Allergologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Mi è venuto uno strano raffreddore, potrebbe essere allergia?

Allergia rinite sintomi cause

Raffreddore allergico: un disturbo non solo della stagione dei pollini. Ecco le altre cause.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

5 consigli utili per gestire le allergie respiratorie

  • Biancheria letto

    Biancheria da letto anti-allergica

    Per difendersi dagli acari della polvere, è importante che federe, lenzuola e coprimaterasso siano rigorosamente anti-allergici e vengano lavati un paio di volte a settimana ad alte temperature.

  • Tende

    Eliminare tappeti e tende

    Gli acari della polvere, come anche il polline, si concentrano su tappeti, tende, moquette, pelouche, ecc. Ecco perché è opportuno eliminare, soprattutto dalla camera da letto, tutto ciò che può favorire l’accumulo degli allergeni fra le mura di casa.

  • Aria condizionata

    Filtri anti-polline

    Sia in casa sia in auto è bene dotare gli impianti di aria condizionata di filtri anti-polline, in modo da “chiudere fuori” gli allergeni che provocano i fastidiosi sintomi respiratori. E per prevenire la formazione delle muffe, anch’esse causa di allergia, può essere utile installare in casa anche un deumidificatore.

  • Vita all'aria aperta

    Vita all’aria aperta, ma non troppo

    Nel periodo di fioritura del polline che causa l’allergia respiratoria è consigliabile svolgere attività sportiva in luoghi chiusi e uscire all’aria aperta solo al mattino presto e alla sera tardi, quando la concentrazione di polline nell’aria è minore. Da evitare inoltre le passeggiate in campagna, in particolare se è stata appena tagliata l’erba.

  • Pulizie

    Pulizie di primavera

    Tenere pulita la casa è d’obbligo per chi soffre di allergie respiratorie. Particolare attenzione deve essere riservata alla camera da letto, da pulire tutti i giorni con panni umidi o elettrostatici per non sollevare la polvere e con aspirapolveri dotati di filtro Hepa (dall’inglese High Efficiency Particulate Air), che permette di trattenere al suo interno anche le particelle di piccole dimensioni, come gli allergeni.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su