Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Indigestione rimedi cure terapie stomaco

Mangiato pesante? Ecco i rimedi

Per contrastare i sintomi di un pasto troppo pesante possiamo affidarci a rimedi come gli antiacidi o gli inbitori di pompa protoniaca, o PPI.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 


A volte capita di mangiare troppo o di esagerare con le calorie. In caso di un'abbuffata gli antiacidi possono aiutare lo stomaco, facilitando la digestione.

Mangiare regolarmente, abbinare in modo corretto gli alimenti ed evitare gli eccessi sono le regole fondamentali per evitare di incappare in problemi di cattiva digestione. Ma a volte capita di esagerare un po' e di aver bisogno di un rimedio per riparare al danno già fatto.

Le principali conseguenze di un pasto troppo pesante sono pesantezza, gonfiore, sonnolenza, riflessi rallentati e scarsa concentrazione e, spesso, acidità e bruciore di stomaco. Gli antiacidi e altri rimedi farmaceutici possono aiutare a contrastare questi sintomi.

I perché dell'acidità di stomaco

Cibi grassi e fritture, magari non masticati abbastanza bene, appesantiscono e possono causare iperacidità. Infatti pasti abbondanti e ricchi di grassi rallentano il transito del cibo nello stomaco e nel duodeno.

Ciò porta a una variazione del pH gastrico a causa di un'eccessiva secrezione di acido cloridrico, un componente fondamentale del succo gastrico che viene prodotto in presenza di cibo nello stomaco.

La conseguenza più frequente è una sensazione di bruciore che può estendersi dallo stomaco anche alla gola e al collo. A volte questa iperacidità può essere associata a gonfiori e rigidità addominali, costipazione, nausea, rigurgiti acidi e persino a mal di testa.

La situazione è ancora peggiore se si esagera anche con caffè, cibi speziati o piccanti e alcolici, che stimolano la produzione di acido da parte dello stomaco e aumentano il rischio di reflusso gastrico.

Pubblicità

Tamponare o prevenire?

Il rimedio più semplice per calmare i bruciori di stomaco è assumere degli antiacidi. Si tratta di sostanze che reagiscono con l'acido cloridrico, neutralizzandolo. In genere si presentano sotto forma di compresse o granulati.

Per esempio, preparati contenenti carbonato di calcio e di magnesio neutralizzano rapidamente l'iperacidità, e rappresentano dei rimedi efficaci per facilitare la digestione

Una soluzione alternativa è offerta da una classe di farmaci che è in grado di interferire con la produzione di acido cloridrico. Si tratta degli inibitori della pompa protonica (PPI), tra cui i più noti sono l'omeprazolo e il pantoprazolo.

Queste molecole bloccano l'attività dell’enzima (la pompa protonica), responsabile della secrezione di acido cloridrico nello stomaco. Il loro utilizzo è particolarmente indicato quando l'eccessiva acidità può arrivare a causare sintomi forti e ricorrenti, come bruciore di stomaco e rigurgito acido.


Soprattutto non esagerare

Questi rimedi sono utilissimi in tutti i casi nei quali non si è stati troppo attenti a ciò che si è mangiato ma, come sempre quando ci si affida ai farmaci, non si deve abusarne.

In particolare, un utilizzo troppo frequente o non corretto degli antiacidi potrebbe causare diarrea, costipazione o variazioni nell'equilibrio acido-base del sangue.

Meglio sarebbe prevenire, alimentandosi correttamente in modo da non favorire una produzione eccessiva di acido cloridrico.


Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Samanta mazzocchi
Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Acidità di stomaco dopo aver mangiato: che fare?

Acidita di stomaco dopo mangiato

Può essere occasionale e spesso è legata a un pasto ricco di grassi. Ecco i consigli del farmacista

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su