Pubblicità

Mal di gola da raffreddore, e non solo…

Accompagna quasi sempre il naso che cola, ma l'origine può essere anche diversa.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
Raffreddore mal di gola rimedi

Accompagna quasi sempre il naso che cola, ma può essere dovuto anche a infezioni batteriche o essere l’espressione di un’irritazione.

A volte è il primo campanello d’allarme di un raffreddore che sta per arrivare. E quindi alla sua origine c’è un’infezione causata da uno del tanti virus del raffreddore.

Ma non è raro che a causare quella fastidiosissima sensazione di spilli puntati in gola siano agenti esterni, come fumo o altre sostanze irritanti, o addirittura per aver parlato (o urlato) troppo.

In più non vanno trascurate eventuali infezioni batteriche (in genere da streptococco) che oltre alla gola possono coinvolgere anche le tonsille.

Per capire se la causa del mal di gola è virale o batterica il medico può effettuare un test di rilevamento dello streptococco.

Tuttavia, ci sono alcuni indizi che aiutano a distinguere tra un mal di gola dovuto a raffreddore e uno batterico.

Se la colpa è del virus

Il mal di gola causato da un virus è di solito accompagnato da altri sintomi del raffreddore, che possono includere:

  • occhi arrossati o che lacrimano
  • naso chiuso o che cola
  • tosse e starnuti frequenti
  • mal di testa
  • febbre.

I farmaci antinfiammatori non steroidei, come l’acido acetilsalicilico, il flurbiprofene o l’ibuprofene, possono accelerare la guarigione agendo sull’infiammazione. Inoltre è sempre bene riposarsi adeguatamente, seguire una dieta sana e bere in abbondanza.

Questi farmaci sono disponibili in diverse forme come spray e pastiglie. Per alleviare i sintomi sono utili anche i decongestionanti nasali che riducono l’irritazione causata dal gocciolamento del naso. non vanno utilizzati per più di tre giorni consecutivi.

In questi casi gli antibiotici non sono efficaci e, quindi, non vanno utilizzati.

Mal di gola e streptococco

I sintomi sono, in genere, più gravi di quelli del raffreddore, e possono includere:

  • mal di gola forte e improvviso
  • perdita di appetito
  • gonfiore alla gola
  • tonsille arrossate con placche bianche
  • febbre
  • mal di testa.

L’infezione da streptococco si diffonde attraverso il contatto diretto con una persona infettata e/o condividendo con questa oggetti personali.

Pubblicità

Sebbene sia più comune nei bambini dai 5 ai 13 anni, può presentarsi anche in età adulta.

Se non è adeguatamente curata, l’infezione da streptococco può causare malattie serie, come la febbre reumatica che può danneggiare le valvole del cuore.

Ecco perché è importante un trattamento adeguato con antibiotici che, in genere, risolvono l’infezione in una decina di giorni.

I più usati sono penicillina e amoxicillina. È necessario finire la terapia anche se, nei cinque o dieci giorni di trattamento, ci si sente meglio. Non è raro infatti che la sintomatologia si riduca drasticamente o scompaia nel giro di un giorno o due, ma non è detto che i batteri siano stati debellati.

È opportuno rivolgersi nuovamente al medico se:

  • la febbre persiste dopo due giorni di trattamento
  • la febbre ricompare dopo che si era abbassata.

Oppure se insorgono:

  • nausea o vomito
  • mal d’orecchi
  • mal di testa
  • macchie sulla cute
  • tosse
  • ingrossamento delle ghiandole del collo
  • respiro corto
  • urine scure
  • eruzione o dolore al petto.

E se fosse tonsillite?

A volte il mal di gola è provocato da una tonsillite, un’infiammazione delle tonsille che può essere virale o batterica.

In questi casi, oltre all’irritazione della gola, le tonsille si presentano gonfie, possono mostrare placche bianche o gialle rivelatrici.

Altri sintomi includono:

  • alito cattivo
  • febbre
  • cambiamenti di voce a causa del gonfiore
  • ghiandole linfatiche del collo ingrossate.

Se la tonsillite è batterica il medico prescriverà antibiotici. Se l'infezione è virale, gli antibiotici non servono: il virus deve fare il suo corso prima che il mal di gola si risolva.

In entrambi i casi, comunque, è opportuno adottare le seguenti misure che aiutano la guarigione:

  • riposare il più possibile
  • bere molta acqua
  • mangiare alimenti leggeri e morbidi (come gelati, dessert semifreddi e minestre)
  • evitare gli alimenti croccanti o piccanti
  • usare un vaporizzatore per umidificare l’aria.

Contro il dolore possono essere utili analgesici come il paracetamolo, o FANS, quale l’acido acetilsalicilico il furbiprofene,l’ibuprofene che oltre ad agire sul dolore aiutano a risolvere l’infiammazione.

Se gli antibiotici non curano l'infezione batterica, se le tonsilliti si ripresentano ripetutamente o se interferiscono con sonno e respirazione, il medico può suggerire la rimozione chirurgica delle tonsille (tonsillectomia).

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Sintomi raffreddore, cause e rimedi

VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore influenza antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su