Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cervicale e rimedi naturali"

Settimana scorsa ho avuto degli attacchi di cervicale forte e vorrei sapere quale antinfiammatorio naturale posso prendere in alternativa di un farmaco di sintesi. In erboristeria oggi mi hanno consigliato capsule contenenti artiglio del diavolo.

Il mio primo consiglio è quello di capire le cause di questi attacchi di cervicale. Attivare un percorso di valutazione della corretta postura ed eventualmente eseguire una ginnastica adeguata in modo da mantenere elastica la struttura è la cosa più importante e logica da fare. Da farmacista le ricordo che ricorrere al farmaco non è sempre la soluzione giusta, soprattutto senza un parere del medico o del farmacista. Come esperto in Fitoterapia le posso confermare che ci sono in natura rimedi molto efficaci se usati nelle concentrazioni e nel modo giusti. Per quanto riguarda il prodotto che le hanno consigliato in erboristeria, non è sufficiente dire che contiene artiglio del diavolo, è importante verificare che di questo valido principio attivo sia garantito il giusto apporto: il titolo, cioè la quantità nota di principio attivo presente nel prodotto finito, è fondamentale per ottenere un risultato terapeutico sicuro ed efficace. Di seguito una scheda con i rimedi analgesici e antinfiammatori naturali più indicati ed efficaci nelle affezioni osteoarticolari: potrà aiutarla a chiarirsi le idee e a utilizzarli nel modo più corretto al fine di ottenere dalle piante la massima efficacia in sicurezza. Due raccomandazioni: legga sempre l’etichetta dei prodotti che le consigliano e comunichi sempre al medico e al farmacista se sta seguendo altre terapie con farmaci o altri rimedi naturali. CAMPO D’AZIONE. I rimedi naturali sono prevalentemente indicati per dolori articolari di lieve o media entità. Di fronte a dolore più intenso si consiglia di ricorrere alle associazioni. VANTAGGI. I fitoterapici sono ben tollerati e hanno scarse interazioni anche nei trattamenti a lungo periodo, con riduzione importante dei processi infiammatori. Svantaggi: somministrazione ripetuta giornaliera, efficacia massima nel tempo. DOLORE ACUTO E CRONICO. Artiglio del Diavolo: analgesico e antinfiammatorio nelle malattie reumatiche, riduce i dolori alle articolazioni in particolare nelle artrosi, con un tasso di efficacia che varia dal 42 all’85% a seconda del tipo di artrosi e della gravità dei sintomi. Somministrazione giornaliera: estratto secco titolato in iridoidi totali espressi come arpagoside minimo 1,8%; assumere 500-1000 mg al giorno a stomaco pieno anche per 2 mesi. Fare seguire un intervallo. Il dolore si riduce sensibilmente dopo circa 7-8 giorni. La massima azione, che si mantiene costante, si ha dopo circa 30 giorni. Avvertenze: cautela in chi è affetto da gastrite o ulcera gastrica. In tal caso usarlo sempre a stomaco pieno. Controindicazioni: sconsigliato in gravidanza, in allattamento e nei bambini sotto i 10 anni. Associare con Spirea Olmaria in caso di dolori di origine reumatica per potenziare l’azione analgesica. Uso locale: Arnica Montana veicolata in creme, applicazioni ripetute. TRATTAMENTO ANTINFIAMMATORIO. Boswellia: attività antireumatica e antinfiammatoria, indicata per il trattamento dell’artrosi. Efficace nel ridurre i fenomeni degenerativi articolari. Somministrazione giornaliera: estratto secco titolato in acidi boswellici 4% minimo. Assumere 300 mg al giorno, in due-tre somministrazioni a stomaco pieno per migliorarne l’assorbimento. Terapia per cicli di 2 mesi con brevi intervalli. Controindicazioni: nessuna. Interazioni: non segnalate. Sperando di essere stato esaustivo le ricordo che può approfondire l’argomento nel mio articolo del periodico Sapere&Salute n° 79 che può scaricare dal blog www.fitoterapiadottorraimo.wordpress.com


Ha risposto Raimo Renato

Renato raimo

Renato Raimo

Farmacista perfezionato in Fitoterapia, Fitopreparatore

Dal 1992 è titolare di Farmacia. È esperto di Piante medicinali e Omeopatia ed è Fitopreparatore. Laureato alla facoltà di Farmacia dell’Università di Pisa, nel 1992 si perfeziona in Fitoterapia presso la scuola di Perfezionamento dell’Università degli studi di Siena.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su