Pubblicità

Carcinoma prostatico: come combattere le metastasi ossee

Oggi esistono terapie specifiche per fare fronte a questa complicanza.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
carcinoma prostatico e metastasi ossee

Il tumore della prostata può arrivare a coinvolgere anche le ossa, ma grazie a terapie specifiche è possibile affrontare anche questa situazione.

Spesso i tumori che si sviluppano nella prostata restano localizzati all'interno di questa ghiandola.

Esistono però anche delle forme di carcinoma prostatico più aggressive che possono invadere i tessuti circostanti, estendersi ai linfonodi e arrivare a coinvolgere le ossa.

A questo punto il tumore della prostata può essere associato a dolori alle ossa e altre complicazioni, ad esempio fratture ed eccessi di calcio nel sangue.

Per questo uno degli obiettivi fondamentali della terapia del carcinoma prostatico deve essere la prevenzione o il rallentamento dello sviluppo delle metastasi alle ossa.

Non solo, qualora le metastasi ossee fossero già presenti è necessario tenere sotto controllo anche il dolore e le altre possibili complicazioni.

Proteggere le ossa dal tumore

Fortunatamente esiste una classe di farmaci, i bifosfonati, in grado di contrastare crescita delle metastasi e fratture. La loro azione si basa sul rallentamento degli osteoclasti, le cellule che degradano l'impalcatura minerale delle ossa e che spesso diventano iperattive in presenza di metastasi ossee.

Un effetto simile può essere ottenuto anche con un altro principio attivo che ha come bersaglio gli osteoclasti, il denosumab, che può essere utile anche quando i bifosfonati non sono più efficaci. Oltre a contrastare le fratture il denosumab può anche rallentare la diffusione del tumore alle ossa.

In entrambi i casi, però è necessario che la somministrazione del farmaco sia associata all'assunzione di calcio e vitamina D per prevenire i rischi di una carenza di calcio.

Una battaglia contro il dolore

I bifosfonati possono aiutare anche a contrastare il dolore provocato dalle metastasi. Da questo punto di vista possono però essere utili anche antidolorifici come l'ibuprofene o la morfina, i corticosteroidi o la radioterapia.

Quest'ultima aiuta a ridurre il dolore soprattutto se è limitato a una o poche zone. Inoltre la radioterapia può aiutare a contrastare altri sintomi riducendo le masse tumorali localizzate in altre parti del corpo. Per un'azione più mirata alle ossa bisogna invece fare affidamento sulla medicina nucleare.

Radioattività amica

La medicina nucleare sfrutta l'azione dei cosiddetti radiofarmaci, molecole contenenti elementi radioattivi che una volta iniettate in vena vanno a localizzarsi nelle aree delle ossa in cui si è diffuso il tumore. Qui uccidono le cellule tumorali proprio grazie alla radioattività che emettono.

Fino a poco tempo fa, i radiofarmaci utilizzati in oncologia erano emettitori di particelle beta: le loro radiazioni penetrano più in profondità nei tessuti, provocando a volte danni anche alle cellule sane che circondano le cellule tumorali.

Inoltre, per le loro caratteristiche fisiche, inducono un danno limitato alle cellule tumorali: questo può essere a volte riparato dalla cellula stessa, che quindi non muore, ma continua a crescere.

Il Radio-223 è il primo radiofarmaco che emette radiazioni alfa: i raggi penetrano per un breve raggio nei tessuti, senza danneggiare le cellule sane. Si accumula nelle aree in cui il tessuto osseo cresce in maniera incontrollata e quindi è mirato sulle cellule tumorali ottenendo, nella maggior parte dei casi la morte, delle cellule stesse.

Le radiazioni alfa non hanno un raggio d’azione elevato, anzi. Sono schermate da un foglio di carta o dalla cute, e quindi non espongono parenti e amici del paziente al rischio di irradiazione.

Silvia Soligon

CONSULTA IL DOSSIER "PROSTATA"
VIDEO

Radiazioni "amiche": curano i tumori e non solo.

Foto geatti

Medicina nucleare: ecco in quali casi è utile. Intervista a Onelio Geatti, presidente Aimn.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Il menù salva prostata

  • Prostata frutta e verdura

    Frutta e verdura

    La prima regola per seguire una dieta salva prostata è mangiare ogni giorno almeno 2 o 3 porzioni di frutta e verdura, più o meno la quantità contenuta in una tazza.

  • Prostata fibre

    Fibre alimentari

    Essenziale anche l’apporto di fibre: è stato dimostrato che introdurne ogni giorno 30-35 grammi aiuta a mantenere la ghiandola in salute.

  • Prostata legumi

    Legumi

    Per migliorare l’apporto di fibre alimentari e garantire anche un introito di isoflavonoidi, che alcuni studi indicano come preventivi per diversi disturbi della prostata, si possono consumare i fagioli, ceci e gli altri legumi.

  • Prostata zucchero

    Zuccheri raffinati

    Gli zuccheri raffinati mettono a rischio la salute della prostata, soprattutto se assunti in eccesso. Meglio andarci piano quindi con i dolci e con le bevande zuccherate.

  • Prostata olio di oliva

    Olio di oliva

    Alcuni studi hanno evidenziato che chi consuma prevalentemente olio di oliva, rispetto a chi invece predilige i grassi di origine animale come il burro, corre un rischio minore di andare incontro al tumore della prostata.

  • Prostata te verde

    Tè verde

    Secondo alcune ricerche scientifiche sembrerebbe che il tè verde, ricco di antiossidanti, sia in grado di proteggere la prostata dall’insorgenza del tumore.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su