Pubblicità

Prostatite

È un'infiammazione della prostata: può avere diverse cause e in genere non è nulla di preoccupante.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
infiammazione prostata

Che cos’è

Con il termine prostatite s’intende un'infiammazione della prostata, una ghiandola che fa parte dell’apparato riproduttivo maschile, posizionata sotto la vescica.

Si conoscono quattro tipi di prostatite:

  • prostatite acuta di origine batterica
  • prostatite cronica di origine batterica
  • prostatite cronica di origine non batterica
  • prostatite asintomatica infiammatoria

Cause e fattori di rischio

Le diverse forme di prostatite presentano alcune cause comuni. Sono la sovrapposizione, le diverse intensità e i tempi di persistenza a dare origine a una o all’altra forma.

Le cause principali sono:

  • microrganismi patogeni.
  • disfunzioni intestinali (soprattutto evacuazione irregolare)
  • alimentazione irregolare e non equilibrata (in particolare l’eccesso di alcolici)
  • fumo di sigaretta
  • sedentarietà
  • astinenza sessuale per periodi medio lunghi
  • stress e tensioni emotive
  • patologie dell’uretra o del prepuzio
  • uso frequente di coito interrotto durante i rapporti sessuali
  • disfunzioni immunitarie

Sintomi

I sintomi possono variare, a seconda del tipo di prostatite. I più comuni sono:

  • sintomi dolorosi (al testicolo, al perineo, all’inguine, alla vescica)
  • sintomi della sfera sessuale (riduzione del desiderio, tracce di sangue nello sperma, eiaculazione precoce). Sono tipici della prostatite cronica
  • sintomi urinari (difficoltà all’atto della minzione, scarsa urina, sgocciolio terminale, nicturia, riduzione del getto urinario, sensazione di svuotamento incompleto della vescica)

Diagnosi

Per la diagnosi di prostatite si utilizzano varie indagini. Ecco le più comuni:

  • esame digito-rettale
  • coltura del secreto prostatico
  • spermiogramma
  • ecografia trans-rettale
  • dosaggio del PSA

Terapia

Esistono numerosi trattamenti per la cura della prostatite. La scelta, operata dal medico, viene fatta sulla base della tipologia e della gravità.

In caso di infezione batterica si ricorre per esempio agli antibiotici e in genere viene prescritto anche un farmaco antinfiammatorio non steroideo per alleviare l’infiammazione.

In alcune situazioni particolari si ricorre a terapie di tipo termico (termoterapia transuretrale a microonde) e di tipo chirurgico (resezione transuretrale della prostata). Quest’ultima opzione è considerata pericolosa, perché può avere importanti ripercussioni sulla sfera sessuale.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Fotomggi Mario Maggi
Andrologo e sessuologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "PROSTATA"
VIDEO

Le patologie della prostata

Patologie della prostata

Prostata, ecco i consigli di Sergio Bracarda, responsabile del Centro oncologico dell'Ospedale San Donato di Arezzo, per mantenerla in salute e per identificare precocemente eventuali patologie.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Il menù salva prostata

  • Prostata frutta e verdura

    Frutta e verdura

    La prima regola per seguire una dieta salva prostata è mangiare ogni giorno almeno 2 o 3 porzioni di frutta e verdura, più o meno la quantità contenuta in una tazza.

  • Prostata fibre

    Fibre alimentari

    Essenziale anche l’apporto di fibre: è stato dimostrato che introdurne ogni giorno 30-35 grammi aiuta a mantenere la ghiandola in salute.

  • Prostata legumi

    Legumi

    Per migliorare l’apporto di fibre alimentari e garantire anche un introito di isoflavonoidi, che alcuni studi indicano come preventivi per diversi disturbi della prostata, si possono consumare i fagioli, ceci e gli altri legumi.

  • Prostata zucchero

    Zuccheri raffinati

    Gli zuccheri raffinati mettono a rischio la salute della prostata, soprattutto se assunti in eccesso. Meglio andarci piano quindi con i dolci e con le bevande zuccherate.

  • Prostata olio di oliva

    Olio di oliva

    Alcuni studi hanno evidenziato che chi consuma prevalentemente olio di oliva, rispetto a chi invece predilige i grassi di origine animale come il burro, corre un rischio minore di andare incontro al tumore della prostata.

  • Prostata te verde

    Tè verde

    Secondo alcune ricerche scientifiche sembrerebbe che il tè verde, ricco di antiossidanti, sia in grado di proteggere la prostata dall’insorgenza del tumore.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su