Pubblicità

Aerosolterapia

Serve per veicolare vapore con o senza farmaci nell'albero respiratorio.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 7 minuti
aerosol, aerosolterapia, inalazioni

Che cos’è

L’aerosolterapia è una tecnica che si basa sull’uso di apparecchi in grado di disperdere, in un mezzo gassoso, sostanze solide e liquide trasformandole in finissime particelle (delle dimensioni comprese tra qualche decimo di micron e qualche micron).

Questa forma fisica intermedia tra lo stato liquido e quello gassoso, che si definisce “stato di sol” (da cui la definizione di aerosol), viene nebulizzata per poter essere inalata.

Una volta inalate attraverso la bocca o il naso le sostanze utilizzate, grazie alle minuscole dimensioni, riescono a raggiungere le più fini diramazioni dell’albero respiratorio e lì, svolgere la propria azione terapeutica.

Come funziona

A seconda del diametro raggiunto dalle particelle nebulizzate, queste agiscono su zone differenti dell’albero respiratorio.

Le particelle di diametro maggiore si fermeranno nelle prime vie aeree (naso, seni paranasali), quelle più piccole penetreranno sempre più profondamente fino a raggiungere bronchioli e alveoli polmonari.

In tal modo si esercita un’azione locale molto diffusa, diretta ed efficace, evitando eventuali effetti indesiderati che potrebbero insorgere con la somministrazione sistemica delle medesime sostanze.

Pubblicità

Con quali sostanze

L’aerosol è molto efficace per veicolare farmaci quali broncodilatatori, corticosteroidi, antibiotici solo nell’area nella quale devono agire.

È possibile utilizzare anche oli essenziali, preventivamente miscelati e diluiti. Gli oli vanno scelti a seconda del disturbo da trattare: la loro azione può essere balsamica ed espettorante, oppure antisettica, antibatterica, lenitiva.

Ma l’aerosol è molto utile anche per inalare acque termali (solforate o salsobromoiodiche), acqua marina o soltanto vapore (soluzione fisiologica). I vapori aiutano infatti a decongestionare le mucose, e idratarle permettendo una più facile eliminazione del muco.

Indicazioni

L’inalazione di vapore è la più classica e antica delle terapie drenanti, tradizionalmente utilizzata contro congestione nasale e infezioni delle vie respiratorie.

Aerosol di farmaci broncodilatatori, antibiotici, antinfiammatori vengono usati, sotto prescizione medica, per curare bronchiti, polmoniti e ascessi polmonari, sinusiti, riniti croniche e otiti.

Contro il raffreddore comune e in caso di altre affezioni di origine virale delle prime vie aeree (quali l’influenza) o di rinite-allergica">riniti allergiche la miglior strategia è quella “lavare” e idratare le prime vie aeree favorendo l’espulsione del muco.

Il muco che ostruisce le vie nasali e paranasali, infatti, non soltanto impedisce una normale respirazione, ma trattiene particelle irritanti e i virus responsabili del raffreddore.

In questi casi sono molto utili lavaggi nasali e aerosol con soluzioni isotoniche a base di acqua di mare, che si trovano facilmente in farmacia, non necessitano di ricetta medica e sono indicate sia per l’adulto sia per il bambino, anche piccolo.

La peculiare composizione in sali minerali conferisce loro proprietà decongestionanti e idratanti sulle mucose e fluidificanti delle secrezioni nasali e bronchiali.

Lavaggi nasali e aerosol effettuati regolarmente con tali soluzioni sono indicati anche come misura preventiva e aiutano a ridurre la frequenza dei disturbi respiratori.

Oltre alle soluzioni isotoniche è possibile utilizzare le soluzioni ipertoniche, con una maggior concentrazione di sali. La tabella seguente riporta le differenze di impiego.



Concentrazione salina
FunzioneIndicazione
Soluzione isotonica
0,9%

Decongestiona e umidifica le mucose e fluidifica le secrezioni nasali e bronchiali

Liberando il
naso si liberano anche l’orecchio medio e i seni
paranasali. Diminuisce così il rischio di otiti e
malattie alle alte e basse vie respiratorie

Soluzione ipertonica
3%
Permette di richiamare per osmosi l’acqua in eccesso contenuta nelle cellule edematose, aiutando così a rimuovere il muco ispessitoÈ impiegata per le
patologie respiratorie
acute (raffreddore,
influenza) per favorire
l’eliminazione del muco denso. Inoltre è indicata per sinusite, rinite allergica e per prevenire l’otite

Effetti indesiderati

Quando si assumono farmaci per aerosol sono possibili comunque effetti indesiderati che, in base al farmaco utilizzato, possono essere anche importanti. Per questo prima di utilizzarli è necessario il parere del medico.

Anche nel caso degli oli essenziali è sempre opportuno affidarsi al consiglio del medico o del farmacista poiché, specie se in dosi eccessive, possono rivelarsi irritanti, e non sono comunque indicati in caso di soggetti sensibili o allergici. L’aerosol con soluzioni isotoniche all’acqua di mare sono invece ben tollerati e privi di controindicazioni sia negli adulti, sia nei bambini e negli anziani. Il parere del medico va richiesto però in caso si soffra di asma o di fibrosi cistica.

A cura della redazione

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Battaglioli1 Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Bambini e vaccinazioni: facciamo il punto

Vaccinazioni nei bambini

Quali sono i rischi? E quello contro il papilloma virus funziona davvero?

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su