Pubblicità

Acido lattico nei muscoli? Toglilo così

L'acido acetilsalicilico non serve: ecco come bisogna comportarsi.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Acido lattico rimedi muscoli

Sono in molti a credere che l'acido acetilsalicilico possa contrastare l'accumulo di acido lattico da attività intensa. In realtà questa convinzione non è corretta.

Tra gli sportivi e gli appassionati del fitness circola una voce insistente: basterebbe dell'acido acetilsalicilico (Asa) per contrastare l'accumulo di acido lattico che segue un'attività muscolare intensa. In realtà già da tempo è stato dimostrato che l'assunzione dell’analgesico non ne limita affatto la produzione.

Allora perché tanti sportivi provano sollievo nell'assumere Asa dopo un esercizio fisico intenso? La risposta sembra risiedere nelle proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche del farmaco.

Spesso, infatti, il dolore muscolare è associato a lesioni o a tensioni eccessive che possono essere alleviate dall’analgesico.

Inoltre l’acido acetilsalicilico protegge efficacemente dallo stress ossidativo generato durante lo sforzo muscolare. Nulla a che vedere, però, con l'accumulo di acido lattico.

Quando lo sforzo è eccessivo

Una piccola quantità di acido lattico è sempre presente nel muscolo dopo un'attività fisica: è quello che viene definito una scoria naturale della contrazione muscolare.

La sua formazione si verifica quando lo sforzo muscolare avviene in assenza di ossigeno, come può succedere in caso di un esercizio fisico intenso e/o prolungato.

Pubblicità

In queste situazioni l'acido lattico si accumula a livello dei muscoli che, però, non lo utilizzano in alcun modo.

Questa molecola viene trasportata dal sangue verso cuore, fegato e muscoli inattivi, che lo trasformano in glucosio.

Se, però, il livello di acido lattico che si riversa nel sangue è superiore alla quantità che l'organismo è in grado di smaltire, il suo eccesso causa una sensazione di bruciore ai muscoli accompagnato da affaticamento. Ciò rende impossibile un ulteriore sforzo.

Non dipende, invece, dall'accumulo di acido lattico l'indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata, che compare cioè a distanza di 12-72 ore dall'esercizio fisico e che può durare anche per 5-6 giorni.

Più ossigeno, allenamento e riposo

Per eliminare l'acido lattico in eccesso è sufficiente concedere ai muscoli un po' di relax per lasciarli riossigenare.

Non appena il sangue sarà nuovamente in grado di trasportarlo al di fuori dei muscoli, l'acido lattico sarà smaltito nel giro di pochi minuti o tutt'al più in un paio di ore.

E l'ossigeno che giungerà ai muscoli permetterà la ripresa del cosiddetto sforzo aerobico, senza più indolenzimento né bruciore.

In altre parole, il modo più semplice per ridurre la formazione di acido lattico è limitare le situazioni che ne causano l'accumulo, eseguendo un esercizio fisico a bassa intensità di sforzo.

Ma anche un opportuno allenamento, che migliori l'ossigenazione dei tessuti e l'efficienza del metabolismo aerobico, aumentando la soglia oltre la quale inizia l’accumulo di acido lattico a livello muscolare.

Inoltre per evitare i dolori da eccessivo sforzo, che spesso richiedono l’assunzione di un analgesico antinfimmatorio, è bene associare l’attività di riscaldamento, defaticamento e stretching.

Infine, bere adeguatamente prima, durante e dopo l'esercizio è molto importante, perché, bilanciando le perdite idriche associate alla sudorazione, permette al sangue di mantenere intatta la capacità di trasportare nutrienti e ossigeno ai muscoli sotto sforzo.

Silvia Soligon

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Dolori muscolari: cause e rimedi Mialgia

VIDEO

Sport: verità scientifiche e leggende metropolitane

Sport leggende e verita

Riduce la pressione? Fa venire il mal di testa? Giuseppe Marini, medico dello sport, svela che cosa c'è di vero sulle tante leggende metropolitane.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SPORT E FITNESS
Torna su