Pubblicità

Salice

Il salice è noto da tempo per la sua attività contro febbre, malattie da raffreddamento, sindromi dolorose e infiammatorie.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
salice proprietà

Che cos’è

Il Salice (Salix alba) è un albero che cresce spontaneamente nelle campagne dei Paesi con climi temperati e relativamente umidi, soprattutto lungo i corsi d’acqua e sulle rive dei laghi.

In medicina è noto soprattutto per l’acido salicilico contenuto nella corteccia: composto ad attività antifebbrile da cui deriva il più tollerabile acido acetilsalicilico, da oltre un secolo principio attivo di riferimento contro febbre, malattie da raffreddamento, sindromi dolorose e infiammatorie.

In fitoterapia si utilizza il fitocomplesso (una miscela di numerosi elementi biologicamente attivi), particolarmente ricco di flavonoidi e di glucosidi salicilici (precursori dell’acido salicilico, contenenti molecole di zucchero).

Le attività

Il fitocomplesso presente nell’estratto di Salice è caratterizzato da una buona azione antinfiammatoria, basata sull’inibizione della ciclossigenasi, enzima coinvolto nella produzione di mediatori dell’infiammazione, e antifebbre. È generalmente ben tollerato dallo stomaco.

Perché si usa

L’estratto di Salice è indicato nel trattamento di condizioni infiammatorie e dolorose, anche di tipo reumatico, a carico di muscoli e articolazioni (artriti, fibromialgie, strappi muscolari ecc.).

Può, inoltre, favorire la guarigione delle infiammazioni di naso e gola (raffreddore, faringiti, laringiti eccetera).

Come si usa

La dose efficace di estratto secco nebulizzato di Salix alba standardizzato in salicina (minimo 4%) è di 9-11 grammi per kg di peso corporeo al giorno da suddividere in due assunzioni, preferibilmente dopo i pasti principali.

Effetti indesiderati

Benché in genere ben tollerato, nei soggetti ipersensibili l’estratto di Salice può causare disturbi gastrointestinali (bruciore allo stomaco, dolore addominale eccetera).

Precauzioni

A causa dell’azione potenzialmente irritante sulle pareti dello stomaco, l’estratto di Salice non dovrebbe essere assunto da persone con ipersensibilità e da chi soffre di patologie indotte o peggiorate da un aumento dell’acidità gastrica, come ulcera e reflusso gastroesofageo.

L’uso del fitocomplesso è da evitare anche se si è allergici all’acido acetilsalicilico, in gravidanza e durante l’allattamento.

Interazioni

L’acido salicilico può accentuare l’azione e gli effetti collaterali di farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans), antiaggreganti e anticoagulanti. Inoltre, può interferire con sedativi, barbiturici, ACE-inibitori, metotrexato e farmaci antidiabetici.

In generale è consigliabile consultare il medico sull’opportunità di utilizzarlo insieme ad altri farmaci.

L’estratto di salice non deve essere assunto insieme o a breve distanza di tempo dall’ingestione di alcolici.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Sannia1 Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI TESTA"
VIDEO

Acido acetilsalicilico, una molecola multitasking

Foto prof giua

Intervista a Corrado Giuia, farmacologo e docente all’Università di Trieste, coordinatore del Master in farmacia clinica negli atenei di Milano e Cagliari.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PIANTE OFFICINALI
Torna su