Pubblicità

Rimedi per la dermatite seborroica

Antimicotici, seboregolatori e uno stile di vita sano sono la strategia migliore.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Farmaci dermatite seborroica

Antimicotici, seboregolatori e uno stile di vita sano sono una strategia efficace per tenere sotto scacco le irritazioni a cute e cuoio capelluto.

Una cura definitiva per la dermatite seborroica ancora non esiste. Ma conviverci è possibile. Esistono diversi trattamenti che riducono i sintomi e la frequenza degli episodi infiammatori.

Fondamentale è l'intervento del medico, che potrà consigliare il trattamento più adatto: non tutti i prodotti attualmente in commercio agiscono infatti con le medesime modalità, ed è importante personalizzare la terapia in base alle caratteristiche di ogni paziente.

Antimicotici contro la Malassezia

Per contrastare la proliferazione Malassezia furfur, una famiglia di lieviti spesso all’origine della dermatite seborroica, sono particolarmente indicati prodotti con proprietà anti fungina, come ketoconazolo o ciclopiroxolamina.

Possono essere contenuti in shampoo o creme da applicare sulle zone infiammate della cute o del cuoio capelluto. Questi prodotti dovrebbero essere utilizzati circa 2 o 3 volte a settimana, a seconda delle indicazioni del medico: si consiglia di proseguire la terapia anche dopo la scomparsa delle lesioni. Il trattamento può durare dalle 2 alle 4 settimane.

Creme a base di cortisonici

Sono applicate localmente per ridurre l'infiammazione, il prurito e il fastidio dell'irritazione cutanea. La loro azione antinfiammatoria è molto rapida e questo le rende utili anche nei casi più gravi.

I cortisonici devono essere utilizzati per periodi brevi e sempre sotto la supervisione del medico.

Farmaci regolatori della produzione di sebo

Una delle possibili cause della dermatite seborroica è l'alterata produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee: ecco quindi che prodotti in grado di regolare questo processo, noti come seboregolatori, possono ridurre i sintomi associati alla dermatite.

Principi attivi quali lo zinco piritione, il catrame di carbone, il solfuro di selenio o l'acido salicilico, contenuti in shampoo o creme, sono utili anche in associazione con la terapia antimicotica.

Prevenire è meglio

Anche dopo la scomparsa dei sintomi è consigliabile usare, saltuariamente e su consiglio del medico, creme o shampoo con proprietà antimicotiche o seboregolatorie: la dermatite seborroica, infatti, tende a ripresentarsi ciclicamente ed è utile prendersi costantemente cura di pelle e cuoio capelluto.

Inoltre, è stato osservato che spesso le ricadute avvengono in concomitanza di periodi particolarmente stancanti per il fisico o la mente.

Stress psico-fisico, alimentazione squilibrata e disturbi del sonno sono infatti considerati fattori di rischio per lo sviluppo della dermatite seborroica.

Come in molti altri casi, migliorare il proprio stile di vita e la propria alimentazione sono senza dubbio ottime strategie per una buona prevenzione.

Valentina Torchia

CONSULTA IL DOSSIER "DERMATITE ATOPICA"
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su